Z

 

 

zch - sm. atteggiamento, comportamento: el gh' 'n bl zach = ha un bel modo di comportarsi, di presentarsi.

zafrn - sm. sing. zafferano.

zinu (zini) - sm. zaino, sacco da montagna (sin. ruzch).

zambecul (mi zambculi, zambecult) - intr. avere un battibecco, litigare.

zambrt - sm. piatto di cibi mollicci e brodosi (sin. paciart); persona pasticciona e inconcludente.

zambrutda (zambrutdi) - sf. 1. cosa confusa; cosa di poco conto. 2. brodaglia, piatto preparato con ingredienti eterogenei.

zmpa (zmpi) - sf. zampa.

znca (znchi) - sf. zanca.

zanf (mi znfi, zanft) - tr. agguantare, acciuffare, afferrare, ghermire con gli artigli.

zanfadls (CH) - sm. sedano dei prati (Heracleum sphondylium L.) / CA petcrf.

zngula (znguli) - sf. zangola.

Attrezzo da latteria che serve per produrre il burro; consiste in una botticella cilindrica o a base poligonale, di varia capacit, nella quale si mette la panna del latte; la botticella viene fatta girare a mano azionando una manovella applicata ad una base (nelle latterie di paese la zangola viene mossa da un motore elettrico); dopo un giusto lasso di tempo, 35-40 minuti, la panna si condensa in burro e sul fondo rimane un residuo di latte, il latticello (lac pn o pn). Strumento analogo per fare il burro, ma pi rustico e antiquato, la penia o pengia.

zanzna (CA) - sf. genziana (Gentiana punctata L.) / CH genzina.

Si utilizza il rizoma sotterraneo (ras de zanzna), di sapore amarissimo, efficace contro dolori di stomaco e intestinali.

zanzra (zanzri) - sf. zanzara.

zpa (zpi) - sf. zappa || dim. zapta (CA) - zapta (CH) - cfr. zapta (CA) - zapta (CH) || dim. zapn - cfr. zapn || accr. zapn - cfr. zapn.

Tipico attrezzo del contadino che veniva usato per dissodare il terreno dove non si poteva arrivare con l'aratro (i campi sui monti venivano per lo pi zappati e non arati).

zap (mi zpi, zapt) - tr. zappare (sin. cav).

zapda (zapdi) - sf. zappata, colpo di zappa.

zapl (zapi) - sm. 1. tacca nel legno. 2. accesso ad un fondo (a volte percorribile anche con il carro agricolo). 3. irregolarit nel taglio dei capelli.

zapel (mi zapli, zapelt) - tr. tagliare in modo irregolare: el barb el t' zapelt tt = il barbiere ti ha tagliato i capelli in modo irregolare.

zapelda (zapeldi) - sf. come zapl-3.

zapta (zapti) (CA) - sf. bulletta, grosso chiodo con appendici rivoltabili sull'orlo della suola negli scarponi da montagna (dim. di zpa).

Si vantavano di portare scarponi con i zapti i giovani e i contrabbandieri.

zapn - sm. uncino da boscaiolo (dim. di zpa).

Formato da un robusto manico di legno al quale era fissato un arpione di ferro, veniva usato per muovere e trascinare tronchi.

zapn - sm. piccone da sterratore: el zapn e 'l badl = il piccone e il badile (accr. di zpa).

zapun (mi zapni, zapunt) - intr. scavare con il piccone.

zapunda (zapundi) - sf. colpo di piccone.

zards (mi me zrdi, zardt) - intr. pron. azzardarsi, arrischiarsi, osare, avere il coraggio (sin. sascs).

zta (zti) - sf. 1. zampa. 2. mano (scherzoso): tra 'ndr sti zti = tira indietro queste manacce.

zca (zchi) (CA) - zca (zchi) (CH) - sf. zecca, acaro, parassita di pecore o di altri animali.

zeg (mi zghi, zegt) - tr. raro per enzeg.

zna (zni) (CH) - sf. vedi scna (CA)-1)1.

zenver (CA) - sm. ginepro / CH ginpru.

zrp - sm. sodaglia, terreno incolto e improduttivo.

zrt (zrta-zrti) (CA) - zrt (zrta-zrti) (CH) - agg. pallido, livido, emaciato, smunto.

zru (zri) - sm. zero, nulla.

za (zi) - sf. zia (cfr. meda).

zibria - sf. erba infestante (cfr. vedríl).

Si trova specialmente nei campi di segale e di grano saraceno e in tempi remoti era coltivata e detta grano siberiano.

zibrta (zibrti) (CA) - zibrta (zibrti) (CH) - sf. ciabatta, pianella da casa (specialmente da donna).

zch - sm. piccola quantit, pezzettino: mangit en zich de pan = ho mangiato un po' di pane || dim. zichn.

zful (zfui) - sm. zufolo, fischietto; persona sciocca e stupida.

Un tempo i ragazzi di campagna si facevano uno zufolo con la corteccia dei giovani virgulti di castagno o con i gambi delle larghe foglie delle zucche.

ziful (mi zfuli/mi zifli, zifult) - intr. fischiare, fischiettare, zufolare.

zifulna - agg. solo nellespressione gmba zifulna = gamba malata, imperfetta, zoppa.

zigarta (zigarti) (CA) - sf. come sigarta.

zingt (zingda-zingdi) - agg. zincato, rivestito da uno strato di zinco.

znghen - sm. zingaro, gitano.

znghena (zngheni) - sf. zingara; ragazza piuttosto libera e vivace (sin. strlega).

zngu - sm. sing. zinco.

zinzn - sm. minima quantit di qualsiasi cosa: dmen en zinzn = dammene un poco.

zipin - sm. pl. capelli folti, scarmigliati, spettinati; persona dalla capigliatura folta e per nulla curata.

zpria - sf. sing. cipria.

zpula (zpuli) - sf. scheggia di legno, truciolo.

zipul (mi zpuli, zipult) - tr. e intr. tagliuzzare, ridurre in scaglie.

zra (zri) - sf. cera.

zu (zi) - sm. zio (cfr. brba-2)).

zca (zchi) - sf. fossa nel terreno, buca: fa gi zchi = scavare fosse nella vigna per mettere le viti (specialmente nell'innesto a talea), zca de la grsa = concimaia, letamaio, zca de la culscna = fossa per la calce spenta, zca di cchi = buca nel gioco delle biglie.

Quella per la calce si poteva vedere presso le case in costruzione o nell'orto e serviva per conservare una piccola quantit di calce che veniva utilizzata per preparare la miscela per irrorare le viti.

zch - sm. piccola buca nel terreno (meno ampia della zca) | l tt zch e ds = un terreno molto irregolare, sconnesso.

zcul (zcui) - sm. 1. davanzale della finestra; base del camino. 2. come zcula.

zcula (zculi) - sf. zoccolo, calzatura aperta in legno.

zfrech - sm. sing. zolfo.

zp (zpa-zpi) - agg. (e s.) zoppo, claudicante: 'nda zp = zoppicare.

zǜca (zǜchi) - sf. zucca; testa, cervello: te s 'na zǜca v́ida = sei una testa vuota.

zcda (zcdi) - sf. zuccata, colpo battuto con la testa: ciapt 'na zcda = ho preso una capocciata.

zǜcher - sm. zucchero.

zchra (zchri) - sf. zucca (pianta delle cucurbitacee che produce le zucche).

zchn - sm. zucchino; cittadino svizzero o tedesco.

zuculda (zuculdi) - sf. zoccolata, colpo dato con uno zoccolo.

zucult - sm. zoccolaio.

zcn - sm. zuccone, testone, individuo duro di comprendonio.

zǜf - sm. ciuffo di capelli: lag s 'l zf = lasciare, al taglio dei capelli, un ciuffetto davanti sulla testa.

zfeln - sm. cappellone spettinato, con i capelli scarmigliati e arruffati.

zfignn - sm. come zfeln.

zfrech - sm. sing. come zfrech.

zufreg (mi zufrghi, zufregt) - tr. solforare: 'nda a zufreg = andare a dare lo zolfo alle viti.

zufreghn (CH) - zufrighn (CA) - sm. zolfanello, fiammifero.

zmp - sm. salto: tra 'n zump = saltare.

zump (mi zmpi, zumpt) - intr. saltare, spiccar salti.

zǜpa (zǜpi) - sf. come sǜpa.

zupeg (mi zupghi, zupegt) - intr. zoppicare.