V

 

 

1) vca (vchi) - sf. mucca, vacca: vca prgna = mucca in stato di gravidanza | ignurnt cme 'na vca = ignorante al massimo | a vca = male, malamente, alla carlona: fa i rbi isc a vca = far le cose male, senza un minimo impegno; donna di cattivi costumi.

2) vca (vchi) - sf. contrabbasso.

vacda (vacdi) - sf. porcheria; corbelleria; cosa fatta male.

vagabnt (CA) - vagabnt (CH) - sm. vagabondo, fannullone, sfaticato.

vagn - sm. vagone, carrozza ferroviaria.

1) vl (vi) - sf. valle || dim. valta (CA) - valta (CH) || dim. valgl sm. || accr. valn sm.

Val toponimo a Castionetto ed indica la contrada della valle (s l a la Val); Valn toponimo a Chiuro per la localit dove un tempo passava il torrente Valfontana, a est del paese.

2) vl (vi) - sm. vaglio.

Contenitore di vimini fatto a forma di valva; era usato per l'ultima pulitura del grano prima che questo fosse portato al mugnaio.

valda (valdi) - sf. vallata, ampia valle.

val (mi vli, valǜt) - intr. valere, aver valore, contare: stu rp el val gnnt = questo oggetto non vale niente | ṕdi prpi mga fla val = non posso proprio rassegnarmi | (prov.) el val ps 'l fa che 'l di = pi importante fare che dire.

vals - sf. valigia || dim. valista (CA) - valista (CH).

vanasci (mi vansci, vanascit) - intr. vaneggiare, straparlare, delirare (specie quando si in preda a forti dolori o a febbre altissima).

Vangli - sm. Vangelo; verit indiscutibile: lsc el Vangli = leggere il Vangelo, spieg 'l Vangli = spiegare il Vangelo, l' vra cma 'l Vangli = vero come il Vangelo.

Vanglu (Vangli) - sm. come Vangli.

vans (mi vnsi, vanst) - 1. tr. fare avanzi, far rimanere, non finire: vnsa mga la minstra = non lasciare minestra nel piatto. 2. intr. avanzare, rimanere come avanzo: pulnta vansda = avanzo di polenta || vans f́ intr. sporgere all'infuori: el te vnsa f i manizn de la camsa = ti sporgono i polsini della camicia | mga vansn f = non avere un attimo di tempo libero || vans gi (CA) - gi (CH) intr. sporgere (dall'alto verso il basso): el te vnsa gi 'l cutn = la sottana ti sporge da sotto la gonna || vans sǜ intr. sporgere (dal basso verso l'alto): el vnsa s tri ci = sporgono tre chiodi, el vnsa gna s de tra = non spunta da terra (tanto piccolo) (riferito scherzosamente a un bambino o a una persona piccola di statura).

vansaŕl (vansaŕi) - sm. avanzo, residuo, rimasuglio (per lo pi riferito a cibi).

vanst (CH) - sm. come vansaŕl.

vnt (mi vndi, vandǜt) - tr. vagliare, setacciare: vant la sghel cun el val prma de dghela al mulin = setacciare la segale col vaglio prima di darla al mugnaio.

vant (mi vnti, vantt) - tr. vantare, lodare, esaltare, gloriare || vant sǜ (con lo stesso significato) || vants rifl.

vantc - sm. vantaggio, tornaconto, profitto, utilit.

vantda (vantdi) - sf. vanteria.

vantagis (mi me vantgi, vantagit) - rifl. avvantaggiarsi, trarre profitto.

vnvera - solo nellespressione a vnvera = a vanvera, superficialmente: parl a vnvera = parlare senza tanto riflettere.

vapr - sm. vapore | el padrn del vapr = persona saccente, che si d arie di capo.

vard (mi vrdi, vardt) - tr. 1. guardare, osservare | vards gi denns = guardar se stessi, prima di giudicare il prossimo. 2. stare attento, badare: vrda de fa debt = cerca di far presto. 3. intrattenere rapporti (usato solo in espressioni negative): i se vrda mga = sono in pessimi rapporti, te vrdi p = non ti guardo pi || vard dr intr. 1. seguire con lo sguardo. 2. considerare degno di attenzione: vard dr ài s'cti = avere interesse per le ragazze. 3. esaminare un problema, un caso particolare, per trovarne una soluzione.

vardda (varddi) - sf. guardata, rapido sguardo: gh' dac 'na vardda ma 'l me 'nteresva mga = gli ho dato uno sguardo ma non mi interessava.

vaŕla (vaŕli) (CH) - sf. vaccinazione antivaiolosa; cicatrice prodotta dalla vaccinazione / CA viaŕla.

varǜs'c - sm. sing. morbillo.

vs - sm. vaso || dim. vast (CA) - vast (CH).

vsch (vsca-vschi) - agg. insipido, insapore (riferito a un frutto che si presenta bene, ma non ha nessun sapore).

vsech - sm. pula.

pi propriamente il residuo del grano saraceno, dopo la battitura e dopo la passata al mulinl.

vasl (vasi) - sm. piccolo contenitore di vino: vin de vasl = vino di poco pregio.

vasin - sf. solo nell'espressione da vasin = evadere, ascoltare e rispondere in modo esauriente.

1) ve - pron. pers. pl. a voi, vi, ve: ve l dic = ve lho detto.

2) v (mi - (CA), vǜt/ǜt) - v. ausiliare come av.

vc (1: vgia-vgi) - 1. agg. vecchio, antico: furmi vc = formaggio stagionato | vegn vc = invecchiare. 2. sm. vecchio, anziano: i ns vc = i nostri antenati || dim. vegit || vezz. vegiatn || dispr. vegisc.

vciu - sm. 1. capofamiglia, padre: el m vciu el vl mga = mio padre non vuole. 2. alpino anziano (cfr. bcia).

veciǜra (veciǜri) - sf. prestazione e costo del trasporto per conto di terzi: fa 'na veciǜra = fare un trasporto, la veciǜra l' mga tant = il trasporto non caro.

1) ved (mi vdi, vedǜt/vst) - 1. tr. vedere: vist 'na vpera = ho visto una vipera | ved de fgla = cercare di riuscire | mga pud ved = non poter vedere, odiare | i la vt gna tt = lo stima tantissimo, gli vuole un gran bene (anche troppo) || veds rifl. recip. frequentarsi, incontrarsi: en s vedǜt = ci siamo incontrati | en se vt = arrivederci || vedsela tr. mettersi a confronto per risolvere un caso | vedsela brǜta = trovarsi in una situazione difficile e scabrosa || vedch intr. vederci: ghe vdi ci = non ci vedo pi, vedch cier = vederci chiaro || vedch nt intr. capire un problema, avere attitudine.

2) ved - sm. solo nell'espressione fa 'n bl ved = presentarsi bene, avere un bell'aspetto.

vedl (vedi) - sm. vitello.

vdes - sm. pianta di luoghi palustri assomigliante al salice, ma meno flessibile.

vedrda (vedrdi) - sf. vetrata.

vedrta (vedrti) (CA) - vedrta (vedrti) (CH) - sf. vedretta, ghiacciaio.

vedrna (vedrni) - sf. vetrina.

vedríl (CH) - sm. sing. vetriola, parietaria.

Erba infestante diffusa specialmente in mezzo alla segale; a maturazione libera d una siliqua di piccolissimi chicchi che infestano tutto il campo / CA vidríl.

vdru (vdri) - sm. vetro; lastra di vetro (specie quella delle finestre): net i vdri = pulire i vetri delle finestre | rampegs s per i vdri = sostenere linverosimile.

vduf (CA) - vduf (CH) - sm. vedovo | mal del vduf = male del vedovo (detto scherzosamente di un dolore acuto ma passeggero).

vduva (vduvi) - sf. vedova.

veged - sf. sing. vecchiaia.

vgia (vgi) - sf. vecchia, anziana | brs la vgia = bruciare la vecchia (riferito al rito dei fal a fine inverno) || dispr. vegiscia || vezz. vegiatna.

vegn (mi vgni, vegnt/vegnǜt) (CH) - intr. 1. venire | vegn a rva = concludere con successo, arrivare ad una conclusione | lned che vgn = luned prossimo. 2. spettare: el te vgn am mla franch = ti spettano ancora mille lire. 3. diventare: dpu n pu vgni stf = dopo un po mi annoio | vegn bun = tornar utile, servire a qualcosa: mt de part stu vest che 'l p magri am vegn bun = conserva questo abito che, forse, potr tornare ancora utile | vegn grant = crescere || vegn dr intr. 1. seguire. 2. capitare di conseguenza || vegn f́ intr. 1. uscire, balzar fuori: el t' vegnt f 'n bgnn = ti uscito un grosso foruncolo. 2. fuoruscire, fluire: el me vgn f sanch = mi esce sangue || vegn gi intr. 1. scendere; cadere (riferito alla pioggia o alla neve). 2. apparire in un ritratto: l vegnǜt gi bn = un bel ritratto || vegn nt intr. entrare || vegn sci intr. dare profitto (specie nelle coltivazioni): en lara tt l'an ma 'l vgn prpi sci gnnt = lavoriamo tutto lanno ma non guadagniamo nulla, el m vegnt sci cinch quinti de ǜga en de sta vgna che de slet la ne fva ds u ddes = ho raccolto cinque quintali di uva da questa vigna, che di solito me ne dava dieci o dodici || vegn sǜ intr. salire; spuntare: l' vegnt s la 'nsicòria = spuntata l'insalata || vegn va intr. 1. allontanarsi da un luogo. 2. crescere, svilupparsi per bene: el vgn va bn = cresce bene, senza problemi di salute o altro || vegnch sǜ intr. far tornare alla memoria; risolvere un problema, capirci qualcosa: ghe su vegnt s dpu tri ri = lho capito dopo tre ore || vegnghen f́ intr. districarsi, risolvere una situazione difficile / CA vign.

vh - inter. veh (espressione di sdegno o sorpresa).

vl (vi) - sm. velo.

vla (vli) - sf. vela | vrda de cambi vla! = vedi di cambiare atteggiamento!

veldru (CA) - sm. veratro (Veratrum album L.).

velens (mi me velni, velent) - rifl. e intr. pron. avvelenarsi, intossicarsi.

velnu (velni) - sm. veleno, sostanza tossica (sin. tsech).

velens (velensa-velensi) - agg. velenoso, tossico.

ve - sm. velluto: i brghi de velǜ = i pantaloni di velluto.

vna (vni) - sf. 1. vena, vaso sanguigno. 2. vena, polla, sorgente: 'na vna de qua frsca = una sorgente di acqua fresca. 3. estro, ispirazione: se 'l gh' la vna el fa di bi mest = se ha lestro fa dei bei lavori.

venadǜra (venadǜri) - sf. venatura, striatura.

vnc (mi vngi, vengiǜt) (CH) - 1. tr. e intr. vincere, ottenere, superare, prevalere: chca l vnc? = chi sta vincendo? / CA vnsc.

vndech (vndega-vndeghi) - agg. arrossato, infiammato e bluastro dopo un colpo ricevuto.

vendǜl (vendǜi) - sm. valanga, slavina.

Il termine diventato anche nome proprio per indicare una valle del territorio comunale di Chiuro, soggetta ogni anno a slavine: la Val Vendǜl.

venerd - sm. sing. venerd: venerd sant = venerd santo.

venspula (venspuli) (CH) - sf. come nspula.

vnsc (mi vngi, vengiǜt) (CA) - tr. e intr. vedi vnc (CH).

1) vnt - sm. vento || dispr. ventsc.

2) vnt (mi vndi, vendǜt) - tr. vendere | fan de vnt = combinarne di tutti i colori.

vntru (vntri) - sm. ventre, pancia: mal de vntru = mal di pancia (sin. trpa).

vra (vri) - sf. 1. vera, anello nuziale. 2. fascetta di fissaggio.

Un esempio quella che serve nella falce a fissare la lama al siln, il manico, grazie al chigńl.

vrca (CA) - sf. sing. erica (Erica carnea L.) / CH rica.

Nel passato questa erba del bosco era molto utilizzata come strame per la stalla.

verdǜra (verdǜri) - sf. verdura; ortaggio.

verdrt - sm. venditore di ortaggi, fruttivendolo.

Col termine si intende solo l'esercente di citt; nei paesi non vi era la necessit di negozi di verdura, poich tutti avevano il proprio orto per la coltivazione di qualsiasi ortaggio necessario al fabbisogno familiare.

vrgna (CA) - vrgna (CH) - sf. sing. baccano, chiasso, rumore sfrenato: fa mga ('nda) vrgna = non fare tanto baccano.

verggna (CA) - sf. sing. vergogna / CH verggna.

vergt (CA) - pron. indef. sing. qualcosa: vergt de bl = qualcosa di veramente bello || dim. vergutn / CH vergt.

vergta (CA) - pron. indef. sing. come vergt || dim. vergutna.

vergǜgn - pron. indef. sing. qualcuno: vergǜgn el dis che = qualcuno dice che

verggna (CH) - sf. sing. vedi verggna (CA).

vergugns (vergugnsa-vergugnsi) - agg. 1. vergognoso, deprecabile, volgare. 2. timido, impacciato, chi subisce soggezione e prova vergogna.

vrgula (vrguli) - sf. uno dei pezzi del correggiato, il pi corto e il pi grosso (cfr. fil e mnech).

vergt (CH) - pron. indef. sing. vedi vergt (CA).

vergta (CH) - pron. indef. sing. vedi vergta (CA).

verns - sf. vernice.

vernis (mi vernsi, vernist) - tr. verniciare.

verbgiu (verbgi) (CA) - sm. trapano per forare il legno (cfr. girabichn).

1) vrs (CA) - vrs (CH) - sm. verso, urlo, strillo, grido acuto.

2) vrs (CA) - vrs (CH) - 1. sm. fianco, lato, senso: ciap per el vrs giǜst = prendere per il giusto verso. 2. prep. verso, in direzione di: 'nda vrs Ciǜr = andare verso Chiuro.

1) vrsa (CA) - vrsa (CH) - solo nellespressione vign a la vrsa = farsi vedere, comparire (in senso negativo: per chiedere qualcosa o dopo un molto colpevole ritardo).

2) vrsa (vrsi) (CA) - vrsa (vrsi) (CH) - sf. verza, cavolo | tir f i vrsi = guadagnarsi appena appena da vivere | gh puch de sfui vrsi = c ununica soluzione (inutile sforzarsi di trovarne altre).

Ortaggio molto comune nella cucina contadina del passato, la verza veniva usate fresca oppure appassita. A fine stagione, a novembre o dicembre, cercando di prevenire le prime nevicate, le verze venivano raccolte dai campi, legate a grappoli e appese sui balconi per farle essiccare; prima di usarle nelle minestre o nei pizocher, venivano bollite per pochi minuti a parte ('mbrm i vrsi).

vrsu - sm. solo nell'espressione gh' mga vrsu = non c' verso: gh' mga vrsu de fghela cap = non c' modo di fargliela capire.

1) vrt (vrda-vrdi) - agg. (e sm.) 1. verde || dim. verdn || accr. verdn. 2. non essiccato (riferito al legname). 3. acerbo.

2) vrt (mi vrdi, verdǜt) (CA) - tr. aprire: vrt f l's = aprire l'uscio / CH derv.

verticl (vertici) - sm. organetto di Barberia.

vrtua (vrtui) - sf. scriminatura dei capelli.

vrtus - sf. come vrtua.

vru (vri, vra-vri (CA) - vra-vri (CH)) - agg. vero: l' 'n vru mircul = un vero miracolo | l' vra = vero.

vrum - sm. verme || dim. vermiśl.

vs (CA) - vs (CH) - v. ausiliare e intr. come s-s.

vscuf - sm. vescovo | a gni mrt de vscuf = ad ogni morte di vescovo, raramente | fa cur el vscuf = far correre il vescovo = prendere a sberle.

vspa (vspi) - sf. vespa.

vesp - sm. vespaio, nido di vespe | fa vegn f 'n vesp = suscitare forti contrasti e accesissime discussioni.

vspru (vspri) (CH) - vspul (vspui) (CA) - sm. vespro, funzione pomeridiana della domenica.

vsta (vsti) (CA) - vsta (vsti) (CH) - sf. 1. veste, abito; ogni indumento femminile. 2. abito talare.

vest - sm. armadio che contiene vestiti, guardaroba.

1) vest (mi vestsi, vestt) (CH) - tr. vestire, rivestire || vests rifl.: vestset s bn che l' frc = copriti bene perch fa freddo / CA vist.

2) vest (CH) - sm. vestito: vest de la fsta = abito per i giorni di festa, vest de tc i di = abito comune dei giorni feriali || dim. vestidn / CA vestt.

vestiri - sm. vestiario, vari capi di abbigliamento.

vestimnta - sf. abito da uomo.

vestt (CA) - sm. vedi vest (CH).

veterinri - sm. veterinario.

va - avv. via, lontano: 'nda va = andare via, l va = l, lontano.

vi (mi vi, vit) - tr. come envi || vi gi (CA) - gi (CH)[1]