U

 

 

u - cong. o, oppure.

ucasin - sf. occasione: prt mga sta ucasin! = non perdere questa occasione!

ucr (lucr, ucurǜt) - intr. occorrere, servire.

ucurnt - sm. sing. occorrente, ci che serve: ram sci tt l'ucurnt = raccogliere tutto ci che serve.

udi (mi di, udit) - tr. odiare, detestare: mi mi udit gnigǜn = io non ho mai odiato nessuno.

udr - sm. odore, gradevole o sgradevole: en bun udr = un buon odore, un profumo || spreg. udursc.

udur (mi udri, udurt) - 1. tr. odorare, annusare, fiutare (sin. usm). 2. intr. emanare odore (sin. sent).

ui - inter. ohe, ol, ohi.

uila - inter. come ui.

ufnt (mi ufndi, ufendǜt/ufs) - tr. offendere, ingiuriare || ufndes intr. pron. offendersi: l' permalsa, la se ufnt per tt = permalosa, si offende per tutto.

ufrta (ufrti) - sf. offerta, dono, elemosina; proposta: mi fac la ma ufrta = io ho fatto la mia offerta.

ufertri - sm. sing. offertorio.

ufsa (ufsi) - sf. offesa, ingiuria.

ufzi - sm. 1. ufficio. 2. ufficio, preghiera liturgica (per lo pi in suffragio dei defunti).

ufr (mi ufrsi, ufrt) - tr. offrire, donare.

ǜga (ǜghi) - sf. uva: 'nda a t gi ǜga = andare in vendemmia.

Qualit di uve coltivate nella nostra zona: ciavenàsca, rsula, pigńla, brigńla, bresna; fino a pochi anni fa en di pui si trovavano anche la tiransa, la negrra, e el crut; rare l'ǜga americna e 'l clntu.

ghta (CA) - ghta (CH) - sf. sing. uvetta, uva passa.

uno degli ingredienti del tradizionale pann.

ugida (ugidi) - sf. occhiata, sguardo rapido e furtivo: da n ugida = controllare rapidamente, sorvegliare un poco | enugida de sul = una schiarita, una breve comparsa del sole || dim. ugiadna.

ugii - sm. pl. occhiali.

ugial - sm. uomo che porta gli occhiali.

ugialra (ugialri) - sf. donna che porta gli occhiali.

ugíl (ugíi) - sm. occhiello (per lo pi quello dove passano le stringhe delle scarpe).

ugnentǜn - pron. indef. come ugnǜn.

ugnǜn (ugnǜna) - pron. indef. sing. ognuno, ciascuno: a ca sa ugnǜn l fa cme el vl = a casa propria ognuno fa come vuole.

la (li) (CH) - sf. vedi la (CA).

ulf - sm. olivo.

ulva (ulvi) - sf. oliva.

uls (mi lsi (CA) - mi lsi (CH), ulst) - tr. alzare, sollevare || uls sǜ tr. (con lo stesso significato): lsa s sta gmba = alza questa gamba.

ult - sm. altare: l'ult de la Madna = l'altare della Madonna.

ǜltim (ǜltima-ǜltimi) (CH) - ǜltum (ǜltuma-ǜltumi) (CA) - agg. ultimo.

lum (CH) - sm. vedi lum (CA).

ulum (CH) - sm. vedi olum (CA).

m (CH) - sm. vedi m (CA).

umbrl (umbri) - sm. spallaccio della gerla, del campsc o della brenta.

Era fatto per lo pi con un ramo di salice, di betulla o di nocciolo ben attorcigliato.

umbrla (umbrli) - sf. ombrello || dim. umbrelna || dim. umbreln sm.

umbrel - sm. ombrellaio; persona di poco conto.

Da ricordare specialmente gli ombrellai bergamaschi o novaresi che vanno o, per meglio dire, andavano di paese in paese ad aggiustare ombrelli.

umbra - sf. sing. ombra: sta pinta la fa trpa umbra a l'rt = questa pianta fa troppa ombra all'orto.

umbri (mi umbri, umbrit) - tr. ombreggiare, fare ombra.

umt - sm. ometto, gruccia, porta abiti.

ǜmet (1: ǜmeda-ǜmedi) (CA) - ǜmit (ǜmida-ǜmidi) (CH) - 1. agg. umido. 2. sm. umidit | en ǜmet = in umido (modo di cucinare).

ǜn (1: ǜna) - 1. pron. indef. sing. uno: en t́li n = ne prendo uno, lra cun ǜna = era con una donna | n per n = uno per uno | l gnam rivt a ǜna = non ha ancora preso una decisione definitiva | s de ǜna = essere coetaneo. 2. sm. sing. il numero uno || ǜna sf. sing. l'una di notte (o le ore tredici).

nc (mi ngi, ungiǜt) (CH) - tr. ungere, lubrificare | unc i ŕdi = ungere le ruote (per indicare l'offerta di regalie e bustarelle per risolvere qualche caso, specie in campo burocratico) || nges rifl. e intr. pron. ungersi, cospargersi di un unguento; macchiarsi di unto: me su ungiǜt s tt = mi sono sporcato completamente di unto | (van) nget! = vai al diavolo! / CA unsc.

In passato, negli ambienti contadini, era particolare l'uso di unc i culs, cio ungere le scarpe con la sugna.

nda (ndi) - sf. onda | ciap lnda = perdere lequilibrio.

undda (unddi) - sf. ondata, afflusso di notevoli proporzioni: enundda de gnt = un grande afflusso di persone, enundda de vnt = una raffica di vento.

ǜndes - 1. agg. num. card. undici. 2. sm. sing. il numero undici. 3. sm. sing. lanno 1911. 4. sf. pl. le ore undici (o le ventitr).

ǜnech (ǜneca-ǜnechi) - agg. unico | l' am l'ǜneca = ancora la soluzione migliore.

ngia (ngi) (CH) - sf. vedi ngia (CA).

ungida (ungidi) - sf. unghiata, graffiata con le unghie.

ungunt - sm. unguento.

ǜnich (ǜnica-ǜnichi) (CH) - agg. come ǜnech.

unsc - sm. ontano (Alnus glutinosa (L.) Gaertner - Alnus incana (L.) Moench).

Pianta che cresce bene nei terreni un po' acquitrinosi, come sulle rive dell'Adda; simili sono i malrsc, ontani di monte, i quali per si trovano solo in cespugli.

nsa (nsi) - sf. oncia (misura locale di peso) | a nsi a nsi = a poco a poco: mur a nsi a nsi = morire a poco a poco con grandi sofferenze, spegnersi lentamente.

Loncia locale equivale a 25 grammi circa.

1) nsc (mi ngi, ungiǜt) (CA) - tr. vedi unc (CH).

2) nsc (nscia-nsci) (CA) - agg. unto, sporco di grasso / CH unt.

nt (2: nta-nti) - 1. sm. unto, grasso. 2. (CH) agg. vedi unsc-2) (CA) | dghela s nta = blandire, lusingare.

uper (mi peri upert) - tr. operare, intervenire chirurgicamente: i l' upert de l'rnia = l'hanno operato di ernia.

uperri - sm. operaio.

uperazin - sf. operazione chirurgica.

ra (ri) - sf. ora: a sta ra = a quest'ora | dach ra ài vchi = regolare il bestiame | ra che = prima che | ra de = entro | l ra e tmp de = non si pu pi rimandare di

urami - avv. ormai, oramai.

urri - sm. orario.

uratri - sm. oratorio.

urazin - sf. orazione, preghiera: di s i urazin = recitare le preghiere.

urbagh - sm. individuo lento, impacciato e inconcludente.

urbegh - sm. come urbagh.

urbra - sf. sing. atto dello strisciare per scherzo con la barba ispida sul viso tenero di un bimbo o di una giovane donna.

rca - inter. perbacco (espressione di meraviglia, di sorpresa, di stupore).

rden - sm. 1. ordine, comando, imposizione: userv i rden = osservare gli ordini ricevuti | s a l'rden = essere pronto. 2. ordine, compostezza, buono stato: s en rden = essere in ordine, mt en rden = ordinare, mtes en rden = abbigliarsi e prepararsi (per uscire o per ricevere visite).

urdin (mi rdini, urdint) - tr. 1. ordinare, comandare; prescrivere: el dut el m' urdint sta medesna = il medico mi ha prescritto questa medicina. 2. ordinare, prenotare. 3. (raro) mettere in ordine.

urda (urdi) (CA) - sf. rovo, cespuglio di rovi (pi frequente al plurale) / CH ruda.

ured (CA) - sm. roveto.

urgia (urgi) - sf. orecchio | fa urgi de mercnt = fare orecchi da mercante | vch urgia = avere orecchio, essere ben intonato nel canto | tir i urgi = tirare le orecchie (in segno di castigo o in occasione del compleanno).

uregida (uregidi) - sf. tirata di orecchi.

uregit - sm. (e agg.) persona ben dotata di orecchie (magari a sventola).

uregn - sm. 1. orecchino. 2. tipo di fungo.

uregin - 1. sm. come uregit. 2. sm. pl. orecchioni, parotite.

urelc (CA) - sm. orologio: tir s l'urelc = caricare l'orologio / CH urulc.

urelug (CA) - sm. orologiaio / CH urulug.

urndu (urndi, urnda-urndi) - agg. orrendo, orribile; indisponente.

uriginl (urigini, uriginla-uriginli) - agg. (e s.) originale, strambo, strano, stravagante: l' 'n tpu uriginl = un tipo originale.

urinri - sm. orinale, vaso da notte; persona sgradevole.

url (mi ́rli (CA) - mi rli (CH), urlt) - tr. orlare, fare l'orlo a fazzoletti, tovaglie, lenzuola.

urmi - avv. come urami.

rs (CH) - sm. vedi rs (CA).

ursia (ursi) - sf. basta, piegatura che si fa a un capo di vestiario femminile, riprendendone il tessuto, per accorciarlo: fa s l'ursia a la vsta, al scusl = fare una basta al vestito, al grembiule (cfr. alsta).

urscl (ursci) (CA) - sm. uccello / CH sl-1).

urtga (urtghi) - sf. ortica | sach de urtga = sacco di iuta.

urtigda (urtigdi) - sf. irritazione cutanea causata da ortica: ciapt enurtigda = mi sono punto con delle ortiche.

urtigs (mi me urtghi, urtigt) - intr. pron. pungersi con ortiche.

urtn (CH) - sm. urto, spinta / CA sbǜtn.

urulc (CH) - sm. vedi urelc (CA).

urulug (CH) - sm. vedi urelug (CA).

urźl (urźi) (CH) - sm. capretto / CA uźl.

ǜs - sm. uscio, porta: sar f l's = chiudere la porta.

1) us (mi si, ust) - intr. come vus.

2) s (mi ǜsi, st) - intr. seguire le consuetudini, essere soliti, essere abituati: i ǜsa fa isc = usano fare cos.

usda - sf. solo nellespressione gh f la usda che = corre voce che...

snsa (snsi) - sf. usanza, consuetudine, costume.

s'cra (scri) - sf. 1. paratoia, saracinesca nei canali. 2. botola.

us'cíl (uscíi) - sm. piccola apertura: l'us'cíl de la but = l'apertura della botte.

1) sl (si) (CH) - sm. vedi urscl (CA).

2) sl - sm. sing. lippa.

Il gioco era molto diffuso fra i ragazzi e consisteva nel far saltare un legnetto affusolato percuotendolo con un bastone, per poi colpirlo al volo in modo da mandarlo il pi lontano possibile.

usm (mi smi (CA) - mi smi (CH), usmt) - tr. odorare, fiutare, annusare | i se sma mga = non vanno per nulla daccordo.

uspedl (uspedi) - sm. ospedale.

ust - sm. oste.

ustensri - sm. ostensorio.

ustera (usteri) - sf. osteria, bettola.

ustins (mi me ustni, ustint) - intr. pron. ostinarsi, accanirsi, essere tenace in un'idea, in un proposito.

t (mi ǜti, tt) (CH) - tr. vedi id (CA).

utnta - agg. num. card. (e sm. sing.) ottanta.

utantna (utantni) - sf. ottantina, circa ottanta.

utva (utvi) - sf. ottava, l'ottavo giorno a partire da una ricorrenza o una festivit: l'utva de Psqua = l'ottava di Pasqua.

Particolare l'utva di mrt, messa officiata una settimana dopo la morte di una persona.

utegn (mi utgni, utegnǜt) (CH) - tr. ottenere: se te f isc te utgnet gnnt = se fai cos non ottieni nulla / CA utign.

ǜtel (ǜtei, ǜtela-ǜteli) - agg. utile, vantaggioso.

utign (mi utgni, utegnǜt) (CA) - tr. vedi utegn (CH).

ǜtil (ǜtii, ǜtila-ǜtili) (CH) - agg. come ǜtel.

utbri (CH) - sm. sing. ottobre / CA utri.

utumna (utumni) - sf. ottomana, divano.

utumtech - sm. bottone automatico.

utn - sm. sing. ottone.

utri (CA) - sm. sing. vedi utbri (CH).

uvta (uvti) - sf. ovatta, cotone, bambagia.

uźl (uźi) (CA) - sm. vedi urźl (CH).