S

 

 

sąbet - sm. sing. sabato: sąbet sant = sabato santo.

sąbgia (CA) - sf. sing. sabbia, rena / CH sąbia.

sabgiłn (CA) - sm. sabbia non troppo fine che veniva raccolta nell'alveo di vallette e torrenti / CH sabiłn.

sąbia (CH) - sf. sing. vedi sąbgia (CA).

sabiłn (CH) - sm. vedi sabgiłn (CA)

sąc (sącia-sąci) - agg. duro, secco, tenace al morso, resistente, stagionato.

sąch - sm. 1. sacco di tela, di iuta o di canapa (usato specialmente per farine e granaglie): sach de urtìga = sacco di iuta | en tant al sach = senza tanto impegno e tanta precisione | és gió 'n de 'n sach = essere ignorante, sprovveduto, disinforma­to, tonto. 2. bricolla: quąndu en vąva int a tö el sach = quando andavamo in Svizzera a fare contrabbando. 3. gran quantitą || dim. sachét (CA) - sachčt (CH): el sachčt de la crǜsca = il sacchetto della crusca || dim. sachetģn (CH) - sachitģn (CA).

sachéti (CA) - sachčti (CH) - sf. pl. bisacce.

Due borse appaiate, unite da legacci della stessa rustica stoffa a mo' di manico, che venivano portate sulle spalle: una pendeva davanti e l'altra dietro; servivano per portare la merenda nei campi e nelle vigne o le cibarie sui monti. Ricordano la favola di Esopo: nella sacca davanti i difetti degli altri e in quella dietro, ricolma, i propri.

sacņcia (sacņci) - sf. 1. tasca | te sé gnąnca quant che te ghe n’é ‘n sacņcia = non sai nemmeno quanti soldi hai in tasca (detto di chi non conosce il valore delle cose). 2. (CA) cartella, borsa di scuola usata dagli scolari.

sacramentą (mi sacraménti, sacramentąt) - intr. bestemmiare, inveire, imprecare.

sacraméntu - inter. esclamazione di impazienza e di stizza un po' irriguardosa, ma non proprio blasfema.

sacranłn - inter. come sacramén­tu.

sacrifģzi - sm. sacrificio.

sacuciąda (sacuciądi) - sf. quantitą contenuta in una tasca.

1) saéta (2: saéti) (CA) - 1. inter. esclamazione di sorpresa, disappunto e stizza. 2. sm. persona poco raccomandabile: brüt saéta = brutto mascalzone, briccone || accr. saetłn.

2) saéta (saéti) (CA) - sačta (sačti) (CH) - sf. saettone, contraffisso, puntello diagonale di sostegno.

sagią (mi sągi, sagiąt) - tr. raro per tastą-2.

sagrģsta (sagrģsti) - sm. sacrestano.

sąguma (sągumi) - sf. sagoma, modello; —› (pił usato) sagoma, persona stramba, bizzarra, originale.

saiņt - sf. cavalletta.

sąl - sf. / sm. sale: sal fģna = sale fino, sal grņsa = sale grosso, sal négra = sale pastorizio, sal amąr = sale inglese, purgante | el gh'ą pņca sal en crąpa = ha poco sale in zucca = č poco avveduto, poco intelligente.

salą (mi sąli, saląt) - tr. salare, mettere il sale in un cibo || salą gió (CA) immergere, inzuppare: salą gió la pulénta en ghe 'l trit = intingere la polenta nel formaggio grattugiato.

saląm - sm. salame: saląm de tčsta = salame fatto con la carne della testa del maiale; —› individuo poco avveduto, poco intelligente | fas ligą sü cłme 'n saląm = farsi abbindolare || dim. salamģn.

salamąndra (salamąndri) - sf. salamandra.

salamö́ia - sf. sing. salamoia.

salamö́ria - sf. sing. come salamö́ia.

saldą (mi sąldi, saldąt) - tr. saldare.

sąlech - sm. salice.

saléra (saléri) - sf. saliera.

Piccolo mastello o piccolo mortaio per conservare il sale da cucina, dotato di pestčl o pestasąl per rendere fine il sale. Č chiamata anche brentčl de la sal.

salescģn (CH) - sm. vimine / CA saliscģn.

Rametto di salice molto flessibile, idoneo a legare le viti e i tralci al palo o al filo di ferro nel lavoro di allestimento della vigna dopo la potatura.

salģn - sm. 1. saliera (da tavola). 2. tipica borsa che i pastori portavano a tracolla e che conteneva il sale pastorizio, la sal négra, per le mucche al pascolo.

saliscģn (CA) - sm. vedi salescģn (CH).

salģva - sf. sing. saliva (sin. spǜda).

salüdą (mi salǜdi, salüdąt) - tr. salutare.

salǜdi - inter. 1. salve (comune espressione di saluto). 2. salute (esclamazione di sorpresa a sottolineare l'eccezionalitą di un vantaggio o di uno svantaggio).

salǜt - 1. sm. saluto: te pņrti i salǜt de 'n tņ amģs = ti porto i saluti di un tuo amico. 2. sf. sing. salute fisica: és de bóna salǜt = essere di buona costituzione fisica.

salvą (mi sąlvi, salvąt) - tr. salvare || salvąs rifl. salvarsi, salvaguardarsi: salvąs di malógn = salvaguardare la propria salute.

salvadané - sm. salvadanaio.

salvądech (1: salvądega-salvądeghi) - 1. agg. selvatico: fén salvądech = fieno di erbe selvatiche, che veniva tagliato sugli alti pascoli; —› poco socievole, rustico. 2. sm. piccolo animale del bosco.

sąlvia - sf. sing. salvia (Salvia officinalis L. - Salvia pratensis L.).

salvičta (salvičti) (CH) - sf. asciugamano.

sąlvu (1: sąlvi, sąlva-sąlvi) - 1. agg. salvo, illeso, incolume. 2. prep. ad eccezione di, tranne.

samartģn - sm. stagione autunnale: spéci stu samartģn per vént 'na vąca = aspetto l'autunno per vendere una mucca.

Il giorno di San Martino (11 novembre) era l'ultimo dell'anno agri­co­lo.

sambrüért - sm. arbusto sempreverde di varia specie.

sambǜch - sm. sambuco (Sambucus nigra L.)

Arbusto che vegeta in cespugli su terreni umidi, sull'argine dei fossi o 'n di buschģni; in passato serviva ai ragazzi per costruire el s'ciupčt o schitąc; i fiori bianchi venivano usati in cucina, con le bacche nere si tentava di fare l'inchiostro.

sampógn (CA) - sm. campanaccio; —› individuo sciocco, stupido, ingenuo, vacuo.

L'antica usanza campagnola di 'nda a suną i sampógn (o a ciamą l’črba = andare a chiamar l'erba) si ripe­teva ogni anno verso la fine di feb­braio.

sąn (sąna-sąni) - agg. sano, in buona salute.

saną (mi sąni, sanąt) - tr. sterilizzare le scrofe.

sanacióni (CA) - sanaciłni (CH) - sm. esperto nella sterilizzazione delle scrofe.

Un tempo era di solito lo stesso commerciante di suini.

sanatņri - sm. sanatorio, ospedale per malattie polmonari.

sąnch (CH) - sm. sangue | ‘nda a sanch = sanguinare | el m'č 'ndac el sanch en ąqua = ho provato un grande spavento / CA sangf.

sąndal (sąndai) - sm. sandalo (pił frequente al plurale).

sąndel (sąndei) - sm. come sąndal.

sanfasąn - solo nell’espressione a la sanfasąn = alla buona, in modo disordinato, senza regola o metodo: laurą a la sanfasąn = lavorare senza criterio.

sąngf (CA) - sm. vedi sanch (CH).

sangiņt (CA) - sm. singulto, singhiozzo / CH singhiłt.

sanguéta (sanguéti) (CA) - sangučta (sangučti) (CH) - sf. sanguisuga, mignatta; —› persona invadente e noiosa di cui ci si libera a fatica.

sąnguis - sm. sandwich, panino imbottito.

sanģga - solo nell'espressione el va a sanģga = non č fisso, non č ben piantato (detto anche di un dente).

sanigą (mi sanģghi, sanigąt) - tr. scuotere, scrollare: sanigą i ram per fa da gió i nus = scuotere i rami per far cadere le noci, sanigą 'n pal = scuotere un palo (per sradicarlo).

sąnt - sm. santo | gh'è mģga sant che tégni = non c'č santo che tenga = non c'č nulla da fare.

sąnta (sąnti) - sf. santa.

santčla (santčli) (CH) - sf. tabernacolo, edicola in campagna ed anche affresco popolare di motivo religioso su case rurali.

santģn - sm. immaginetta di santi o Madonne (sin. maestą).

sąntu (1: sąnti, sąnta-sąnti) - 1. agg. santo: sàntu Dìu = Dio santo, tüt el sąntu di = tutto il santo giorno. 2. inter. perbacco, accidenti.

santüąri - sm. santuario.

sąra (sąri) - sf. martinicca, freno a ceppi sul carro agricolo o sui barrocci: sta’ atént a la sąra = bada al freno.

sarą (mi sąri, sarąt) - tr. chiudere, serrare || sarą sǜ (con lo stesso significato): sarą sü la ca = chiudere la casa.

sarąca (sarąchi) - sf. saracca (pesce simile all'aringa che č conservato in salamoia); —› (pił usato) persona esile e magra | tirą gił sarąchi = bestemmiare.

saradǜra (saradǜri) - sf. serratura.

sarésa (sarési) - sf. ciliegia.

sarera (sareri) (CH) sarira (sariri) (CA) - sf. ciliegio.

sąrnech - sm. sing. catarro.

sarne (mi sarnéghi, sarnegąt) - intr. respirare affannosamente, tossicchiare.

sarnegłn - sm. individuo che respira affannosamente, pieno di catarro.

sąrt - sm. sarto.

sąrta (sąrti) - sf. sarta.

sąs - sm. sasso, pietra | giügą ài sas = giocare ai sassi (gioco popolare delle ragazze del passato).

sasąda (sasądi) - sf. sassata, colpo di sasso.

sascąs (mi me sąschi, sascąt) - intr. pron. arrischiarsi, azzardarsi: me só ca sascąt a... = non ho avuto il coraggio di... .

sasłs (sasłsa-sasłsi) - agg. sassoso, pieno di sassi (riferito ad un prato, ad un pascolo o ad un terreno in genere).

sał - sm. sapore, gusto di un cibo.

sałn - sm. sapone da bucato.

saunéta (saunéti) (CA) - saunčta (saunčti) (CH) - sf. saponetta.

saurģt (saurģda-saurģdi) - agg. saporito, gustoso;  salato (riferito ad un cibo con dose eccessiva di sale).

savé (mi sł, saǜt) - 1. tr. sapere, essere a conoscenza | savéla lłnga = sapere tutto, fare il saccente | te canteré el “s’és saǜt” = canterai il “se avessi saputo” = ti pentirai (detto a chi intraprende un’azione che potrą danneggiarlo e, quindi, lo farą pentire). 2. intr. aver sapore | el sa gné de mi gné de ti = non ha nessun sapore (detto di cibo, ma anche di persona insignificante, di scarso carattere, priva di spirito) | me sa che… = sono propenso a credere che…, temo che…

sbadąc - sm. sbadiglio.

sbadagią (mi sbadągi, sbadagiąt) - intr. sbadigliare.

sbadascią (mi sbadąsci, sbadasciąt) - intr. tramestare, spargere qua e lą.

sbadegią (mi sbadégi, sbadegiąt) (CA) - intr. come sbadascią.

sbafą (mi sbąfi, sbafąt) - tr. sbafare, mangiare con aviditą tutto quanto c'č in tavola.

sbaglią (mi sbągli, sbagliąt) tr. e intr. sbagliare, commettere errori.

sbągliu (sbągli) - sm. errore, sbaglio.

sbąls - sm. solo nell’espressione a sbals = sporgente, in bilico: fö a sbals = proteso nel vuoto, fil a sbals = filo di teleferica senza appoggi intermedi | sbucią a sbals =  colpire la boccia dell'avversario facendo cadere la propria dall'alto (nel gioco delle bocce) (cfr. rģdul).

sbarą (mi sbąri, sbarąt) - tr. sbarrare, contrastare il passaggio.

sbarbą (mi sbąrbi, sbarbąt) - tr. 1. sbarbare, radere la barba || sbarbąs rifl. 2. sbafare, mangiare avidamente, abbuffarsi (sin. sbafą).

sbarbadčl (sbarbadéi) - sm. sbarbatello, giovinetto impertinente.

sbarcą (mi sbąrchi, sbarcąt) - intr. e tr. scendere da una nave, sbarcare | sbarcą 'l lünąri = vivere alla giornata, un po' stentatamente.

sbare (mi sbaréghi, sbaregąt) - intr. riportare via il bestiame dal bąrech.

sbarlatąt (sbarlatąda-sbarlatądi) - agg. aperto, spalancato (spesso riferito a persona con la giacca o la camicia tutta aperta davanti).

sbasą (mi sbąsi, sbasąt) - tr. abbassare, far scendere il livello || sbasą gió (CA) - gił (CH) tr. (con lo stesso significato) || sbasąs rifl. abbassarsi, inchinarsi.

sbasutą (mi sbasņti, sbasutąt) - tr. sbaciucchiare || sbasutąs rifl. recip. sbaciucchiarsi || (pił frequente) sbasutąs sǜ (con lo stesso significato): dü murłs i se sbasutąva sü = due fidanzati si sbaciucchiavano.

sbąt (mi sbąti, sbatǜt) - tr. sbattere: sbat en öf = sbattere un uovo | sbat a tčra = debilitare || sbąt vģa tr. gettare via, disfarsi di qualcosa || sbątela tr. tirare avanti in qualche modo: el ghe la fa ciǜ a sbątela = non riesce pił a tirare avanti - cfr. sbatǜt.

sbatǜda (sbatǜdi) - sf. scrollata, l'azione dello sbattere.

sbatǜt (sbatǜda-sbatǜdi)  - agg. cereo, pallido, smorto (p. p. di sbąt).

sbaüscią (mi sbaǜsci, sbaüsciąt) - intr. sbavare, mandar bave dappertutto || sbaüscią sǜ tr. sporcare con bava.

sbecąt (sbecąda-sbecądi) - agg. rotto sull’orlo (riferito a recipiente di vetro o terracotta).

sbede (mi sbedéni, sbedenąt) - intr. faticare molto (specie nel lavoro di trascinare qualche cosa).

sbedenąda (sbedenądi)  - sf. faticaccia: n' ó fac 'na sbedenąda a tirą gió qučla grö́va = ho fatto una faticaccia a trascinare quelle fascine.

sberbģndula (sberbģnduli) - sf. ragazza leggera e vivace.

sbčrla (sbčrli) (CH) - sf. sberla, schiaffo, ceffone || dim. sberlņt sm. / CA s’ciąf.

sberlǜsc - sm. lampo, saetta.

sberlüscģ (el sberlüscģs, sberlüscģt) - intr. lampeggiare prima del tuono.

sberlüscią (el sberlǜscia, sberlüsciąt) - intr. come sberlüscģ.

sbevascią (mi sbevąsci, sbevasciąt) - tr. e intr. bere avidamente e in abbondanza.

sbianchģ (mi sbianchģsi, sbianchģt) - tr. imbiancare le pareti || sbianchģ gió (CA) - gił (CH) tr. (con lo stesso significato).

sbičs (sbičsa-sbičsi) - agg. sbieco, storto, inclinato: l'č tüt sbičs = č tutto storto | en sbičs, de sbičs = di traverso.

sbiņch (sbiņca-sbiņchi) - agg. spiantato, senza soldi.

sbģr - sm. ragazzo (o anche adulto) vivace, irrequieto ed anche maleducato; monello.

sbiutą (mi sbióti (CA) - mi sbiłti (CH), sbiutąt) - tr. denudare, spogliare || sbiutąs rifl. denudarsi, svestirsi, spogliarsi.

sbņba (sbņbi) - sf. sbobba, brodaglia, minestra brodosa con vari ingredienti.

sbņrgna (sbņrgni) - sf. sbornia, ubriacatura.

sbraitą (mi sbrąiti, sbraitąt) - intr. sbraitare, gridare, strepitare.

sbrechigną (mi sbrechģgni, sbrechignąt) (CH) - intr. sghignazzare alle spalle di qualcuno / CA sbrichigną.

sbrechignąda (sbrechignądi) (CH) - sf. beffa, risata offensiva verso qualcuno / CA sbrichignąda.

sbréga (sbréghi) - sf. ragazzo scapestrato e maleducato.

sbrichigną (mi sbrichģgni, sbrichignąt) (CA) - vedi sbrechigną (CH).

sbrichignąda (sbrichignądi) (CA) - sf. vedi sbrechignąda (CH).

sbriscigą (mi sbriscģghi, sbriscigąt) (CA) - sbrisigą (mi sbrisģghi, sbrisigąt) (CH) - intr. scivolare, slittare.

sbrņdula (sbrņduli) (CH) - sf. brodaglia.

sbrö́f - sm. schizzo, spruzzo: en sbröf de ąqua = un leggero e improvviso piovasco.

sbrucą (mi sbrņchi, sbrucąt) - tr. 1. togliere i rami pił piccoli da un ramo grande, rompere legna fine con le mani. 2. brucare delle capre.

sbruduląda (sbrudulądi) - sf. 1. sbrodolamento. 2. discorso sconclusionato e prolisso.

sbruduląs (mi me sbrņduli, sbruduląt) - intr. pron. sbrodolarsi, sporcarsi versandosi addosso cibi liquidi.

sbrudulłn - sm. sbrodolone, individuo (per lo pił un bambino) che si sporca facilmente.

sbrufą (mi sbrófi (CA) - mi sbrłfi (CH), sbrufąt) - intr. spruzzare, irrorare, sbruffare.

sbrufąda (sbrufądi) - sf. spruzzo, spruzzata || dim. sbrufadģna: 'na sbrufadģna de ąqua = una breve pioggia.

sbrufģn (CH) - sm. innaffiatoio.

sbrufulént (sbrufulénta-sbrufulénti) - agg. pieno di brufoli, di foruncoli.

sbruią (mi sbrņi, sbruiąt) - intr. e tr. scottare, bagnare in acqua bollente: sta scéna la sbrņia = questa minestra č bollente, ł sbruiąt sta téla = ho messo a bagno in acqua bollente questa tela, stu s’cčt el sbrņia = questo bambino ha la febbre alta || sbruiąs rifl.

sbruiént (sbruiénta-sbruiénti) - agg. bollente, rovente, caldissimo.

sbucią (mi sbņci, sbuciąt) - intr. bocciare, colpire con la propria la boccia dell'avversario nel gioco delle bocce.

sbuciąda (sbuciądi) - sf. bocciata, bel colpo a bocce.

sbufą (mi sbłfi, sbufąt) - intr. come bufą.

sbugią (mi sbö́gi, sbugiąt) - tr. bucare, forare.

sbulugną (mi sbulłgni, sbulugnąt) - tr. 1. disfarsi di cose inutili e ingombranti, vendere convenien­temente cose di poco conto. 2. ammaccare.

sburą (mi sbłri, sburąt) - tr. rompere, spezzare (specie rami secchi).

sbusardą (mi sbusąrdi, sbusardąt) - tr. e intr. sbugiardare, smentire, sconfessare, accusare e additare a ragion veduta un bugiardo; mancare di parola.

sbüsceląt (sbüsceląda-sbüscelądi) - agg. bitorzoluto, ammaccato, irregolare: 'na fącia sbüsceląda = un volto asimmetrico.

sse (mi ssčchi, ssecąt) - tr. sbudellare || ssecąs intr. pron. sbudellarsi: sbüsecąs di grģgni = sbellicarsi dalle risa.

sbütą (mi sbǜti, sbütąt) - tr. spingere, sospingere, urtare: sbütą 'n car = spingere un carro.

sbutą sǜ (mi sbņti sǜ, sbutąt sǜ) - tr. picchiare.

sbütłn - sm. spintone, urto (dato intenzionalmente a una persona).

1) sbutuną (mi sbutłni, sbutunąt) - tr. sbottonare, slacciare i bottoni || sbutunąs intr. pron. rivelare i propri segreti, aprirsi con la massima confidenza a qualcuno.

2) sbütuną (mi sbütłni, sbütunąt) - tr. spingere ripetutamente, urtare di proposito qualcuno.

scabčl (scabéi) (CA) - sm. sgabello, panchetta || dim. scabelģn / CH sgabčl.

scąbria (scąbri) - sf. pettine a denti larghi per la prima pettinatura.

scągn - sm. scranno, sgabello | scagn del pģcul = sgabello sostenuto da un solo piolo (usato per la mungitura) | a mčz an el cül ‘l fa scagn = a mezzo anno il sedere fa scranno = a sei mesi il bambino comicia a stare seduto.

scągna (scągni) - sf. sedia, seggiola.

scagnčl (scagnéi) - sm. anca, osso dell'anca.

scąia (scąi) - sf. scheggia, scaglia (specialmente di pietra ma anche di altro materiale come, per esempio, di sapone) (cfr. spö́ia).

scaią (mi scąi, scaiąt) - tr. scheggiare.

1) scąla (scąli) - sf. scala (di ogni tipo, di cemento, di sassi, di legno): scąla a pģcui = scala a pioli.

2) scąla (scąli) - sf. cassone, piano di carico del carro agricolo.

scalą (mi scąli, scaląt) - tr. scalare || scalą gió (CA) - gił (CH) intr. detrarre, diminuire un importo, fare uno sconto.

scalcagnąt (scalcagnąda-scalcagnądi) - agg. deformato: i culsé scalcagnąt = le scarpe deformate.

scaléra (scaléri) - sf. scaffalatura per la stagionatura delle forme di formaggio.

scąlf - sm. scalvatura, giro manica nei lavori a maglia e di cucito.

scalfarņt (CH) - scalferņt (CA) - sm. calzino, calza da uomo piuttosto corta.

scalfģn - sm. soletta della calza lavorata a maglia (confezionata a parte e poi unita al resto con filo adatto).

scalģn - sm. scalino, gradino di una scala.

scaliną (mi scalģni, scalinąt) - intr. sbagliare; derogare, non osservare le norme prescritte: el scalģna mģga = non sbaglia mai, č sempre preciso.

scalinąda (scalinądi) - sf. scalinata.

scalmąna (scalmąni) - sf. scalmana, vampata di caldo.

scalmanąs (mi me scalmąni, scalmanąt) - intr. pron. agitarsi, eccitarsi, darsi da farsi con eccessivo impegno e nervosismo - cfr. scalmanąt.

scalmanąt (scalmanąda-scalmanądi) - agg. agitato, esuberante (p.p. di scalmanąs).

scalvą (mi scąlvi, scalvąt) - tr. 1. scapitozzare, tagliare rami da una pianta.

Lavoro praticato nel bosco e nella selva verso la fine di agosto: i rami tagliati formavano i fasģn che venivano dati alle capre e alle pecore durante la stagione invernale.

2. eseguire la scalvatura per il giro manica nei lavori a maglia o di cucito.

scalvadǜra (scalvadǜri) - sf. come scalf.

scampą (mi scąmpi, scampąt) - intr. campare, vivere, sopravvivere || scampąla tr. scamparla, evitare un pericolo: l'ó scampąda bčla = l'ho scampata bella.

scąmpul (scąmpui) - sm. scampolo (di tessuto).

scance (mi scancčli, scanceląt) - tr. cancellare (sul quaderno o sulla lavagna).

scandalłs (scandalłsa-scandalłsi) - agg. scandaloso, vergognoso, turpe, che reca e suscita scandalo.

scąndula (scąnduli) - sf. scandola, tegola di legno.

scansģa (scansģi) - sf. scansia, scaffale da cucina.

scapąda (scapądi) (CH) - sf. capatina, breve visita.

scapuląla (mi la scąpuli, scapuląda) - tr. evitare un guaio: l'ó scapuląda fö bčla = ho evitato per poco un bel guaio, un bel danno.

scapǜsc - solo nell'espressione a scapǜsc = a stento, a caso: ghe l'ó pö fącia a scapǜsc = sono riuscito a stento.

scapüsciąda (scapüsciądi) - sf. inciampata: ł ciapąt 'na scapüsciąda che quąsi du gił cłme 'n saląm = sono inciampato e stavo per cadere come un salame.

scapüsciąs (mi me scapǜsci, scapüsciąt) - intr. pron. inciampare, inciamparsi, incespicare, urtare col piede in qualche ostacolo.

scarabņc - sm. scarabocchio.

scarabucią (mi scarabņci, scarabuciąt) - tr. scarabocchiare.

scarabuciąda (scarabuciądi) - sf. scarabocchio, scarabocchiatura.

scarampąna (scarampąni) - sf. come carampąna.

scarčl (scaréi) - sm. tronchetto, cilindretto.

scarčla (scarčli) - sf. matterello: la scarčla di pizņcher = il matterello per i pizzoccheri.

scare (mi scarčli, scareląt) - tr. spianare la pasta, usare la scarčla.

scargą (mi scąrghi, scargąt) - tr. scaricare.

scarģza (scarģzi) - sf. scintilla, favilla che sale dal fuoco | fa scarģzi = lavorare alacremente.

scarógna (CA) - sf. sing. sfortuna / CH scarłgna.

scarognąt (scarognąda-scarognądi) - agg. sfortunato / CH scarugnąt.

scąrpa (scąrpi) - sf. scarpa || dim. scarpģna || dim. scarpéta (CA) - scarpčta (CH) || scarpčti de la Madņna (CH) sf. pl. ginestrino (Lotus corniculatus L.).

scarpąda (scarpądi) - sf. scarpata, terreno in pendenza.

scarpinąda (scarpinądi) - sf. faticosa e lunga camminata.

scarpulģn (CH) - sm. calzolaio, ciabattino.

scarpłn - sm. scarpone.

scąrs (scąrsa-scąrsi) - agg. scarso, mancante, insufficiente, corto || superl. scąrs scarséntu.

scarsčla (scarsčli) (CH) - sf. tasca, saccoccia.

scarseląda (scarselądi) (CH) - sf. saccocciata, quantitą pari a una tasca: 'na scarseląda de nus = una saccocciata di noci.

scąrt - sm. scarto.

1) scartą (mi scąrti, scartąt) - 1. tr. eliminare. 2. tr. scartare (nel gioco delle carte e nel gioco del calcio). 3. intr. slittare lateralmente (di una ruota su ghiaia o ghiaccio).

2) scartą (mi scąrti, scartąt) - tr. cardare: scartą la ląna = cardare la lana.

scartąsc - sm. scardasso.

Arnese usato per cardare la lana, consistente in un'asse larga circa trenta centimetri e lunga mezzo metro al centro della quale sono infissi dei chiodi; su questi si passa una manciata di lana che viene cosģ sgrovigliata e pettinata.

scartģn - sm. carta di nessun valore al gioco (come il "due" a briscola).

scartģna (scartģni) - sf. come scartģn.

scartņz - sm. cartoccio, involucro di carta || dim. scartuzģn.

scartuzą (mi scartņzi, scartuząt) - tr. accortocciare, avvolgere in una carta.

scarügą (mi scarǜghi, scarügąt) (CH) - intr. rovistare, rimestare, frugare.

scarłgna (CH) - sf. sing. vedi scarógna (CA).

scarugnąt (scarugnąda-scarugnądi) (CH) - agg. vedi scarognąt (CA).

scasą (mi scąsi, scasąt) - 1. tr. cassare, cancellare, eliminare: scasą i cünt pasąt = estinguere debiti e crediti. 2. intr. scavare il terreno della vigna con fosse profonde - cfr. scasąt.

Dopo lo scavo, in fondo alle fosse veniva posto il concime di stalla, per preparare il suolo alla messa a dimora delle nuove piantine di vite.

3. tr. rompere, rovinare, manomettere, logorare || scasą sǜ tr. (con lo stesso significato): scasą sü tüt = rompere tutto.

scasąt (scasąda-scasądi) - agg. rotto, logoro, malridotto (p.p. di scasą).

scąt - sm. 1. scatto, movimento improvviso e deciso. 2. cambio (congegno della bicicletta).

scątula (scątuli) - sf. scatola, contenitore di varie forme | rump i scątuli = infastidire, molestare.

scavčz - sm. 1. tacca. 2. risega in un muro.

scave (mi scavčzi, scaveząt) - tr. schiantare, rovinare, metter fuori posto: me su scaveząt en brasc = ho preso una distorsione a un braccio.

scavezłn - sm. grande sega flessibile a due manici usata per tagliare grossi tronchi.

scavigiąs (mi me scavģgi, scavigiąt) - intr. pron. procurarsi una distorsione a una caviglia - cfr. scavigiąt.

scavigiąt (scavigiąda-scavigiądi) - agg. iellato, sfortunato (p.p. di scavigiąs).

scaze (mi scazéghi, scazegąt) - intr. frugare, rovistare, razzolare come le galline.

scazeghģn (CH) - sm. persona vivace, briosa ma fastidiosa / CA scazighģn.

scazģful (scazģfui) - sm. persona di poco conto.

scazighģn (CA) - sm. vedi scazeghģn (CH).

scazłn - sm. scazzone (pesce di fiume).

scazutą (mi scazņti, scazutąt) - tr. scazzottare, prendere a cazzotti.

scčf (scčfa-scčfi) (CH) - agg. vedi cčf (CA).

scéga (scéghi) - sf. nebbia, foschia.

scégia (scégi) (CA) - sf. secchia di legno fatta a doghe || accr. scegiłn sm. / CH ségia.

Il contenitore a doghe della capacitą di circa due ettolitri che serviva particolarmente per l'acqua di solfato per irrorare le viti era appunto chiamato scegiłn.

scemąda (scemądi) - sf. scemata, stupidata, stupidaggine.

scému (scémi, scéma-scémi) - agg. (e s.) scemo, stupido.

1) scéna (scéni) (CA) - sf. 1. cena, il pasto della sera / CH zéna.  2. minestra / CH minčstra.

2) scéna (scéni) - sf. scena, sceneggiata:  fa mģga scéni = non drammatizzare.

sce (mi scéni, scenąt) - intr. cenare, consumare il pasto della sera.

scéndra - sf. sing. cenere.

s’cčpa (s’cčpi) - sf. buono a nulla.

scernģ (mi scernģsi, scernģt) - tr. scegliere, selezionare, separare.

scernģda (scernģdi) - sf. scelta, cernita, selezione.

scérsc (CA) - sm. cerchio (specie quello della botte o di altri contenitori dogati) | (prov.) en culp al scérsc e ün a la but = un colpo al cerchio e uno alla botte. / CH sérc.

scerscéra (scerscéri) - sf. anima in legno del bordo della cavągna che si incrocia col manico.

scervčl (scervéi) (CA) - sm. vedi cervčl (CH).

scervčla - sf. sing. cervella, cervello commestibile di animali.

scerveląda (scervelądi)  - sf. colpo di testa, decisione improvvisa e scriteriata.

s'cerveląs (mi me s’cervčli, s’cerveląt) - intr. pron. scervellarsi.

scervģn - sm. sing. erba selvatica.

Erba di alta montagna dal taglio difficile, che costituisce il fieno selvatico.

s'cčs - sm. voglia, forte desiderio: gh'ł s'cčs de pizņcher = ho una gran voglia di mangiare pizzoccheri || dim. s'cesģn.

scésa (scési) - sf. siepe; staccionata.

scesąl (scesąi) - sm. erba infestante ai limiti dei campi.

s'cčser (s’cčsera-s’cčseri) (CA) - agg. ermetico (riferito a chiusure).

scéspet (CA) - scčspet (CH) - sm. cespo, zolla erbosa.

s'cčt - sm. figlio; ragazzo || dim. s'cetģn (CH) - s'citģn (CA) || dim. s'cetǜsc || accr. s'cetłn || dim. s'cetņt.

s'cčta (s’cčti) - sf. figlia; ragazza || dim. s'cetģna (CH) - s'citģna (CA) || dim. s'cetǜscia || accr. s'cetłna || dim. s'cetņta.

s'cetąda (s’cetądi) - sf. ragazzata, azione poco seria: fa mģga s'cetądi = non fare ragazzate, comportati da uomo serio.

schčlfa (schčlfi) CH) - sf. corredo della sposa.

schéna (schéni) - sf. schiena.

schenąda (schenądi) - sf. schienata, colpo battuto con la schiena.

schenąl (schenąi) - sm. schienale: el schenąl del bancarłn = lo schienale della panca.

schčrs - sm. scherzo, burla.

schersą (mi schčrsi, schersąt) - 1. tr. scherzare, deridere, beffeggiare; chiamare con nomignoli pił o meno ingiuriosi. 2. intr. scherzare, trastullarsi.

schifłs (schifłsa-schifłsi) - agg. schifoso.

schifusąda (schifusądi) - sf. schifezza.

schģrp - sm. recipiente, contenitore di qualsiasi genere: i schirp de l'imbņlt = i recipienti della cantina.

schģsc (schģscia-schģsci) - agg. floscio, vuoto, piatto; a pancia vuota, digiuno.

schiscią (mi schģsci, schisciąt) - tr. schiacciare, premere, comprimere: schiscią l'ǜga gió 'n ghe 'l tinčl = schacciare l'uva nel tino.

schģt - sm. sterco delle galline e degli uccelli.

schitąc - sm. 1. persona di poco conto. 2. (CH) rudimentale fucile-giocattolo.

Oggetto di gioco dei ragazzi del pas­sato, consistente in un  tronchetto di sam­buco, opportunamente liberato dall'ab­bon­dante midollo, fornito di stantuffo (la ba­chčta) che faceva schizzare lontano una pal­lina di stoppa.

schģtula (schģtuli) - sf. diarrea.

schivą (mi schģvi, schivąt) - tr. schivare, eludere, evitare, scansare.

schivaząpi - sm. scansafatiche, lazzarone, fannullone.

schģvi (CH) - sm. sing. schifo, ribrezzo.

scią - avv. qua: végn scią = vieni qua, dam scią stu rņp = dammi questa cosa, scią e lą = qua e lą | scią che… = orsł (rafforza un invito): scią che ‘n va = presto, andiamo!

sciablņt - sm. scarpa pesante e malandata | (prov.) Sant'Andréa végn debót: gh'ł pü gné scąrpi gné sciablót = Sant'Andrea (giorno della tradizionale fiera) vieni presto: non ho pił scarpe, né belle né brutte.

s'ciae (el s’ciaerģs, s’ciaerģt) - intr. schiarire, albeggiare || s'ciaerģs intr. pron. schiarirsi (spesso riferito al tempo).

s'ciaerģda (s’ciaerģdi) - sf. schiarita (riferito al tempo).

s'ciąf - sm. schiaffo || accr. s’ciafłn.

s'ciafą sǜ (mi s’ciąfi sǜ, s’ciafąt sǜ) - tr. schiaffeggiare.

scianņt (CA) - sm. scarpa alla buona, calzatura.

s'ciantąs (mi me s’ciąnti, s’ciantąt) (CA) - intr. pron. schiantarsi, sbattere rovinosamente contro un ostacolo.

s'ciaputąda (s’ciaputądi) - sf. 1. azione mal fatta, cosa riuscita male. 2. espressione prolissa, confusa e non veritiera: di mģga sü s'ciaputądi = non dire baggianate.

s'ciarģ (el s’ciarģs, s’ciarģt) - intr. come s'ciaerģ.

s'ciarģda (s’ciarģdi) - sf. come s'ciaerģda.

sciarscčl (sciarscéi) - sm. sarchiello.

Attrezzo agricolo molto usato un tempo soprattutto dalle donne che sarchiellavano i vari seminati.

sciarsce (mi sciarscčli, sciarsceląt) - tr. sarchiellare, sarchiare | sciarscelą la séghel = zappettare leggermente intorno alla segale (quando sporge circa dieci centimetri dal terreno).

sciąt - sm. 1. rospo. 2. piatto caratteristi­co valtellinese | mąi 'n sciąt vif se... = mangio un rospo vivo se... (con riferimento ad ipotesi ritenuta irrealizzabile).

Questo piatto consiste in frittelle, il cui aspetto richiama quello dell'anfibio, fatte con farina nera e pezzetti di formaggio giovane, fritte nello strutto. A Castionetto frittelle simili, ma piatte e a volte senza formaggio, sono dette frģtuli, a Chiuro chisciö́i.

s'ciąu - inter. espressione di rassegnazione e di pazienza: e pö s'ciąu, el sarą cłme Dģu völ = pazienza, sarą come Dio vuole.

sciavąt - sm. scarpa: i sciavąt rót = le scarpe rotte.

sciavąta (sciavąti) - sf. ciabatta, pantofola di casa.

sciavatģn - sm. raro per calighé.

sciavatłn - sm. ceffone, schiaffone.

scighéra (CH) - sf. sing. nuvolaglia, nuvolone / CA gubéra.

scigņrbula (CH) - sf. solo nell'espressione 'nda a scigņrbula = camminare traballando.

scigučta (scigučti) (CH) - sf. civetta; —› ragazzetta un po' vivace.

scģgul (scģgui) - sm. come gģgul.

scģgula (scģguli) - sf. cipolla.

scigulą (mi scģguli, sciguląt) - intr. come gigulą.

scģma (scģmi) - sf. cima; estremitą di un oggetto; —› cima, personalitą eminente.

scimą (mi scģmi, scimąt) - tr. tagliare la cima di un ramo o di una pianta; accorciare, tarpare: scimąch vģa i ąli a 'na galģna = tagliare le ali ad una gallina.

scģmes - sm. cimice | curiłs cłme ‘n scģmes = curioso come una cimice, molto curioso.

scģmgna (scģmgni) (CA) - sf. scimmia / CH scģmia.

scimgnņt - sm. birbantello / CH scimiņt.

1) scimgnłn (CA) - sm. individuo grande e grosso un poco ottuso / CH scimiłn.

2) scimgnłn (CA) - sm. erba selvatica, rigida e pungente, molto diffusa nei pascoli alti dove nel pas­sato si tagliava il fieno sel­vatico.

scģmia (scģmi) (CH) - sf. vedi scģmgna (CA).

scimiņt (CH) - sm. vedi scimgnņt (CA).

scimiłn (CH) - sm. vedi scimgnłn (CA).

scimósa (scimósi) (CA) - sf. cimosa, orlo di un tessuto / CH scimłsa.

scimǜda (scimǜdi) - sf. pasta del for­maggio che si rapprende e si de­posita sul fondo della caldaia (cfr. quagiąda).

scimłsa (scimłsi) (CH) - sf. vedi scimósa (CA).

scimǜt - sm. formaggio casalingo giovane || dim. scimüdģn.

s'cinquantą (mi s’cinquąnti, s’cinquantąt) - tr. discutere ani­matamente e cavillosamente: sta mģga ‘gliņ tant a s'cinquantąla = non stare tanto a cavillare.

sciņlta (sciņlti) - sf. 1. turno. 2. il gruppo dei lavoratori (nei cantieri) che lavo­rano secondo i turni: l'č muntąt la segónda sciņlta = ha iniziato il lavoro il secondo turno.

s'ciņp - sm. schioppo, fucile || dim. s'ciupčt (CH) - s'ciupét (CA) - cfr. s'ciupčt (CH) - s'ciupét (CA).

sciņt - sm. escremento (di piccoli animali da stalla); —› individuo pic­colo e grosso (molto ingiu­rioso).

sciņta (sciņti) - sf. sterco di bovini.

Sciriö́la - sf. sing. Madonna Candelora / CH Seriö́la.

Il due febbraio, festa della Madonna Candelora, cioč della purificazione, giorno che un tempo era considerato festivo, all'entrata della chiesa, prima della messa "grande", venivano date ai fedeli, dietro piccola offerta, delle candele di varia misura e tutte variamente colorate; erano tenute accese in chiesa durante la funzione e i ragazzi in particolare erano contenti (e poco raccolti e devoti, in veritą).

Notevoli, curiosi, e a volte in contraddizione tra loro, i detti relativi a questa ricorrenza: A la Madņna Sciriö́la de l'invčrnu sému fö́ra, ma se 'l piö́f e 'l tģra vént, de l'invčrnu en sč amł dént; se 'l piö́f a la Madņna Sciriö́la de l'invčrnu en sč fö́ra, se l'č serén serenént per quarąnta di 'n tùrna ént. Come molti altri proverbi, non sono propri del dialetto di Chiuro e Castionetto (ad esempio contengono termini come dént, ént, sému...), ma la gente li ripeteva cosģ, come filastrocche. In occasione della Madņna Sciriö́la vi era nel passato anche l'usanza de tirą fö l'urs, che aveva lo stesso significato di quella analoga che cadeva due giorni prima, il 31 gennaio, quando si diceva l'č fö 'l giné (cfr. giné).

scģsciul (scģsciui) - sm. rimasugli di legna che restano in terra dopo la raccolta dei sarmenti o sotto una catasta di fascine secche (pił frequente al plurale).

scģsciula (scģsciuli) - sf. come scģsciul.

sciǜca - sf. solo nell’espressione a l’ņrba sciǜca = alla cieca.

sciǜch - sm. ceppo; parte del tronco che rimane dopo il taglio | durmģ cłme 'n sciǜch = dormire profonda­mente.

sciügą (mi sciǜghi, sciügąt) - tr. e intr. asciugare, de­tergere || sciügą gió (CA) - gił (CH) intr. evaporare: l'ąqua l'č sciügąda gił tǜta = tutta l'acqua si č asciugata || sciügą sǜ tr. e intr. (con lo stesso significato di sciügą).

sciügacņ - sm.

Telo leggero appoggiato su un sostegno in legno della culla a mo’ di zanzariera, per proteggere il neonato da insetti, dalla luce troppo intensa o altro.

sciügamąn - sm. asciugamano.

s'ciümą (mi s’ciǜmi, s’ciümąt) (CA) - tr. spiumare, levare le piu­me ad un volatile / CH spiümą.

s’ciǜma (s’ciǜmi) - sf. schiuma.

s'ciümascią (mi s’ciümąsci, s’ciümasciąt) (CA) - tr. come s'ciümą / CH spiümascią.

s'ciuną (mi s’ciłni, s’ciunąt) (CA) - tr. piallare / CH spiuną.

s'ciunģn (CA) - sm. piccola pialla / CH spiunģn.

s'ciupą (mi s’ciņpi, s’ciupąt) - intr. 1. scoppiare, esplodere. 2. morire: s'ciņpa sǜbet = che tu muoia subito, pö́set s'ciupą = che tu possa morire | s’ciņpa! = va’ al diavolo! | s'ciņpi de fam = ho una fame da lupi | sénsa di gné s'ciņpa gné crépa = senza spie­gazione alcuna, senza dir parola.

sciüpčl (sciüpéi) - sm. zoccolo con usuale parte superiore in cuoio e fondo di legno; —› persona goffa nei movimenti | tirą scią i sciüpéi del nņnu = andare a recuperare gli zoccoli del nonno = rivangare inopportunamente il passato | ‘na scąrpa e ‘n sciüpčl = due cose che non si adattano || dim. sciüpelņt - cfr. sciüpelņt.

Tipici i sciüpéi dei Chiuraschi, i cosiddetti cusp.

sciüpelņt - sm. persona di poco conto, di poca considerazione: oh, pņr sciüpelņt = oh, povero sempliciotto! (dim. di sciüpčl).

s’ciupét (CA) - s’ciupčt (CH) - sm. 1. fucile-giocattolo (cfr. schitąc-2). 2. silene, erba del cucco (Silene vulgaris (Moench) Garcke) (dim. di s’ciņp).

s'ciupetąda (s’ciupetądi) - sf. schioppettata, fucilata.

sciłr - sm. (e agg.) signore, ricco, per­sona distinta, padrone: el sciłr prevņst = il signor prevosto.

sciłra (sciłri) - sf. (e agg.) signora; donna ricca, padrona, donna sposata, moglie.

sciurątula (sciurątuli) - sf. donnetta di poca importanza e che non gode di nessuna considerazione, ma che si dą delle arie.

sciüscią (mi sciǜsci, sciüsciąt) - tr. 1. suc­chiare, poppare. 2. bere abbondan­temente (scherzoso): el sciǜscia cłme 'na pédria = beve smodatamente | sciüsciąt di včspi = pallido, emaciato, maci­lento (ma con atteggiamenti sno­bistici).

sciǜscia (sciǜsci) - sf. succhiata, l'azione di succhiare: da la sciǜscia = allattare.

sciüsciąda (sciüsciądi) - sf. succhiata, pop­pata.

sciüsciņ - solo nell'espressione mčt gił sciüsciņ = darsi arie.

sciüsciņt - sm. succhiotto per lattanti.

sciüsgną (mi sciǜsgni, sciüsgnąt) - intr. 1. curiosare, ro­vistare. 2. darsi da fare in modo subdolo e sornione, arrabattarsi; par­lottare, mormorare.

sciüsgnłn - sm. 1. chi parlotta e mormora sommessamente, in modo diffidente, scontroso. 2. chi si arrabatta ma non conclude.

sciǜta (sciǜti) - sf. chioccia.

sciütąda (sciütądi) - sf. nidiata di pul­cini attorno alla chioccia.

scivéren (CA) - scivčren (CH) - solo nelle espressioni tegnģ a scivčren = tener mucche di altri nella sta­gione invernale; —› mantenere qual­cuno a proprie spese, senza nes­sun van­taggio; ‘nda a scivčren = andare in malora.

scö́cia - sf. sing. scotta, siero.

Č l'ultimo residuo del latte dopo la produzione della ricotta; poteva servire come disse­tante e come bevanda lassativa o come alimento di maiali gio­vani.

scö́la (scö́li) - sf. scuola; edificio scolastico | fa scö́la = insegnare.

scoldaléc - sm. scaldaletto.

Poteva avere varie forme, ma quello pił usato nei tempi passati era un piccolo recipiente di metallo, in genere rame, contenente brace e munito di un lungo ma­nico; altri scoldaléc erano la mónega (cfr.) o un semplice mattone riscaldato e avvolto in un panno di lana.

scņls (scņlsa-scņlsi) - agg. scalzo.

scņrsa (scņrsi) - sf. corteccia.

scņs - sm. 1. grembo: tignģ sü 'n ghe 'l scņs = tenere in grembo. 2. davanzale della finestra; orlo del focolare.

1) scņt - sm. breve cot­tura: fa tra 'n scņt = sot­toporre a breve scottatura o bollitura.

2) scö́t (mi scö́di, scudǜt) - tr. 1. riscuotere, incas­sare: ł scudǜt la pàga = ho riscosso lo stipendio. 2. scuotere, scrollare: scö́t en ram per fa da gió i pir  = scuotere un ramo per far cadere le pere.

scotamǜs - sm. piatto caratteristico, costituito da pezzetti di polenta bolliti nel latte.

scribgiłn (CA) - sm. scorpione / CH scurpiłn.

scrģf (mi scrģvi, scrģt/scrivǜt) - tr. scrivere: čs bun de scrģf = saper scrivere. 

scrģgn - sm. armadio per granaglie.

Era un armadio contenitore in legno, normalmente posto nella cąnua, fatto a pił scomparti verticali dove nel passato erano poste le granaglie, che venivano prelevate manovrando una chiudenda; da un foro sottostante "pioveva" il grano nel sacco o nel val (cfr.).

scrignö́l (scrignö́i) - sm. cassapanca.

Tipico arredo delle case an­tiche, signorili o rurali, ed anche delle baite sui monti. Nelle case dei ricchi el scrignö́l conteneva vestiti, cose preziose, documenti. Nelle case contadine serviva per vari usi: se era in cucina racchiudeva sacchetti di farina, pane, piccoli con­tenitori di vario tipo e ma­gari anche stoviglie; se era nella cąnua conteneva solo sacchi di varie farine; se era in camera era pieno di vestiti e documenti. Sulle baite dei monti el scrignö́l era l'arredo princi­pale della cascina e in esso si riponeva tutto: sacchetti di farina, di pasta, di riso, pane, frutta, stoviglie e sca­tole varie.

scrignulģ (mi scrignulģsi, scrignulģt) - intr. piagnucolare, pian­gere sommessamente.

scritǜra (scritǜri) - sf. 1. scrittura. 2. docu­mento scritto.

1) scrģzega (scrģzeghi) (CA) - sf. come scarģza.

2) scrģzega (scrģzeghi) (CA) - sf. silene, erba del cucco (Silene vulgaris (Moench) Garcke): tö fö i scrģzeghi de la séghel = togliere l'erba infestante dalla segale.

scrņch (scrņca-scrņchi) - agg. (e s.) furbo, furbacchiotto | 'nda a scrņch = campare sfruttando.

scrucą (mi scrņchi, scrucąt) - tr. scroccare, ot­tenere senza merito o senza pagare: gh'ó scrucąt en basģn = ho ottenuto un bacio.

scrucłn - sm. scroccone, pro­fittatore, sfruttatore.

scła (scłi) - sf. 1. scopa | scła del patǜsc = scopa per lo strame fatta di rametti di betulla | scła del fłrnu = scopa fatta di stracci per pulire il forno (cfr. sgrö́f) | (prov.) scła nö́va scła bén = scopa nuova scopa bene = ciņ che č nuovo all’inizio funziona bene || dim. scuét (CA) - scučt (CH). 2. scopa, gioco di carte: scła d'as = scopa d'assi, scùa lìsa = scopa.

scuą (mi scłi, scuąt) - tr. scopare: scuą la cüsģna = scopare la cucina, scuą la fö́ia en ghe la sélva = scopare il fogliame nella selva || scuą fö́ tr. (con lo stesso significato) || scuą sǜ tr. (con lo stesso significato).

scuanģn (CH) - sm. ultimo nato di una ni­diata, ultimo figlio nato.

scüdčla (scüdčli) - sf. scodella (per lo pił di terracotta) (cfr. ciapčl) || dim. scüdelģn sm.

scüdeląda (scüdelądi) - sf. quantitą contenuta in una scodella.

scǜdelé - sm. falegname specializzato che produce, anche al tornio, scodelle o altri contenitori in legno incavato.

scudéscia (scudésci) - sf. listello di nocciolo.

Lungo, sottile (circa un mm) e molto flessibile, si ricava dalle verghe di nocciolo ben scortecciate e serve per intrecciare ceste e gerle.

scǜfia (scǜfi) - sf. cuffia, cuffietta, copricapo per lo pił in lana (per neonati o adulti) | fa girą la scǜfia = inner­vosire, far arrabbiare.

scüfiņt - sm. scappellotto, piccolo schiaf­fo.

scuģsc (scuģscia-scuģsci) (CA) - agg. come schisc | 'nda de scuģsc = andare a male.

scuiscią (mi scuģsci, scuisciąt) (CA) - tr. come schiscią.

scłl (scłi) - sm. scolo, deflusso.

1) sculą (mi scłli, sculąt) - 1. tr. scolare, far uscire l'acqua da un cibo cotto: sculą la pąsta = scolare la pasta. 2. tr. bere tutto quanto č rimasto, vuotare com­pletamente. 3. intr. scolare, sgoccio­lare: lagą sculą fö bén el serłn = lasciar sgocciolare bene il siero.

2) sculą (mi scņli, sculąt) - tr. scollare, stac­care, di­videre superfici o parti di oggetti unite mediante colla.

sculapąsta - sm. colapasta.

scülascią (mi scüląsci, scülasciąt) - tr. sculacciare.

scülasciąda (scülasciądi) - sf. sculacciata: gh’ł dac 'na scülasciąda = gli ho dato una sculacciata.

sculąt (sculąda-sculądi) - agg. scollato, scollacciato: 'na včsta trņp sculąda = un abito troppo scollato.

sculdą (mi scóldi (CA) - mi scņldi (CH), sculdąt) - tr. scaldare, riscaldare | sculdą 'l lac = fare una piccola cagliata || sculdąs intr. pron. 1. scaldarsi. 2. appassionarsi in qualche attivitą ||  sculdą gió (CA) - gił (CH) tr. scaldare la casa, far funzionare l’impianto di riscaldamento.

scumésa  (scumési) (CA) - scumčsa  (scumčsi) (CH) - sf. scommessa | sta en pč per scumčsa = reggersi a stento (riferito a persone o a cose, congegni).

scundǜsc - sm. impegno fastidioso e gravoso.

scunfóla (CA) - scunfłla (CH) - sf. sing. af­follamento, assembramento disordinato di gente; ressa, confusione.

scunfónt (mi scunfóndi, scunfundǜt) (CA) - scunfłnt (mi scunfłndi, scunfundǜt) (CH) - tr. confondere || scunfłndes intr. pron. confondersi, perdere il filo del discorso.

scǜnt - sm. sconto, ribasso, ab­buono su un pagamento.

scüntą (mi scǜnti, scüntąt) - tr. scontare, accordare un ri­basso su una spesa; scon­tare, espiare i peccati o una condanna.

scupčl (scupéi) - sm. scalpello da falegname.

scupčrta (scupčrti) - sf. scoperta, trovata | che scupčrta!  = che scoperta! (ironicamente).

scǜr (1: scǜra-scǜri) - 1. agg. scuro, oscuro, nero. 2. sm. oscuritą, buio, tenebra: gh’ł pagǜra a sta al scür = ho paura se resto al buio.

scurentą (mi scurénti, scurentąt) - tr. far scappare, in­seguire minacciando: scurentą i galģni del sulésc = far scappare le galline che si avvicinano al grano steso per l'essiccazione.

scurgną (mi scórgni (CA) - mi scņrgni (CH), scurgnąt) - tr. e intr. assalire con le corna (riferito ai tori o ad altri ani­mali cornuti).

scurgnąda (scurgnądi) - sf. cornata, colpo dato con le corna.

scürģ (mi scürģsi, scürģt) - tr. oscurare, annerire | fa scürģ 'l cél a gestémi = far rabbuiare il cielo a causa delle bestemmie.

scuriusą (mi scuriłsi, scuriusąt) - intr. curiosare.

scurléra (scurléri) - sf. smagliatura in una calza.

scurpiłn (CH) - sm. scorpione / CA scribgiłn.

scürtą (mi scǜrti, scürtąt) - tr. accorciare, raccor­ciare, ab­breviare.

scürtadǜra (scürtadǜri) - sf. scorciatoia.

scǜsa (scǜsi) - sf. 1. scusa, perdono: dumandą scǜsa = chiedere perdono, chiedere ve­nia. 2. pretesto, tentata giustifi­cazione: rąma mģga scią scǜsi = non cer­car pretesti.

scüsą (mi scǜsi, scüsąt) - 1. tr. scusare, giustificare, per­donare. 2. intr. non aver bisogno, fare a meno, essere auto­sufficiente: scǜsi de par mi = riesco da solo || scüsąs rifl. scusarsi, giustificarsi, chiedere scusa.

scusąl (scusąi) - sm. grembiule | sta tacąt al scusąl de la mąma = essere attaccato al grembiule della mamma = gią adulto, non emanciparsi.

Anticamente el scusąl era un  indumento molto comune nel costume femminile valtellinese e avvolgeva la donna dalla cintola in gił, indossato sopra el rabelłn; quello della festa era di seta nera con fiorellini variopinti, rossi e gialli; quello dei giorni feriali era di cotone con disegni minuti e poco appariscenti; le giovani, anche nel passato (inizio del secolo), incominciavano a portare grembiuli che scendevano dalle spalle, come il grembiule delle scolare.

scusaląda (scusalądi) - sf. quantitą contenuta in un grembiule ripiegato a mo' di sacco: 'na scusaląda de nus, de castégni, de črba... = una piccola quantitą di noci, di castagne, di erba.

scutą (mi scņti, scutąt) - 1. intr. scottare, essere molto caldo: sta scéna la scņta = questa minestra scotta, scutą de la féura = avere una febbre altissima. 2. tr. scottare, produrre un’ustione; sottoporre a breve cottura || scutąs intr. pron. scottarsi, ustionarsi; rimanere deluso dopo un’esperienza negativa.

scutąda (scutądi) - sf. scottata: dach 'na scutąda ai cłdeghi = dare una scottatina alle cotenne del maiale (prima che vengano macinate).

scutadǜra (scutadǜri) - sf. scottatura, ustione.

scutént (scuténta-scuténti) - agg. rovente, che scotta molto.

scutǜm - sm. soprannome di famiglia. 

A Chiuro i Rusąt, i Sąlech, i Bedóla, ...; a Castionetto i Püsterląt, i Butąch, i Lunghģn, ... A Castionetto, dai nomi di scutǜm derivano, con l'aggiunta della desinenza -ąm, tanti nomi collettivi che indicano l'insieme delle famiglie che hanno lo stesso cognome o portano lo stesso scutłm: i Barütąm, i Püsterlatąm, i Lunghinąm, i Ventürinąm, i Mafinąm, i Pauląm, i Balinąm, i Carletąm.

sdǜc (sdǜcia-sdǜci) - agg. languido, fiacco per la fame, privo di energia.

sdulurą (mi sdulłri, sdulurąt) - intr. lamentarsi per il dolore.

1) se - 1. pron. pers. (č utilizzato davanti alla seconda e alla terza persona singolare e davanti alla prima e alla terza persona plurale come complemento oggetto dei verbi riflessivi e negli intransitivi pronominali) ti, si, ci: ti te se uféndet = tu ti offendi, lü el se ląva = egli si lava, nün en se sént mģga de… = noi non ci sentiamo di…, lur i se piąca = essi si nascondono. 2. pron. pers. (č utilizzato davanti alla seconda e alla terza persona singolare e davanti alla prima e alla terza persona plurale  come complemento di termine nei riflessivi apparenti) a te stesso, a se stesso, a se stessa, a noi stessi, a loro stessi: te se ląvet gił el müs = ti lavi la faccia 3. pron. (nelle forme impersonali) si: el se sąra scią = si rannuvola. 4. pron. (per dare valore passivo) si: ‘na vņlta se faséva i prucesiłn = un tempo venivano fatte le processioni.

2) se cong. - se, qualora, nel caso che: se te pö́det, végn! = vieni, se puoi!

3) se avv. - quanto, come (nelle esclamative): se te stǜfet! = quanto stanchi!, se te sé! = come sei (pesante, noioso, …)!, se l’č brąu! = quanto č bravo!

se (mi sčchi, secąt) - 1. intr. seccare, essiccare: l'č serén, encö́ el sčca 'l fén = č sereno, oggi il fieno secca. 2. tr. seccare, molestare, infastidire | sčcum mģga la glņria = non seccarmi, non infastidirmi || secą fö́ tr. uccidere, ammazzare, eliminare.

séch (séca-séchi) (CA) - sčch (sčca-sčchi) (CH) - agg. secco, arido | restą ‘gliņ sčch = morire improvvisamente || superl. séch sechéntu (CA) - sčch sechéntu (CH).

secö́t (mi secö́di, secudǜt) - tr. come scö́t-2)2.

secudǜda (secudǜdi) - sf. scrollata (riferita a persone o a piante).

sécul (sécui) - sm. secolo, cento anni.

séda (sédi) - sf. seta.

se (mi sédi, sedąt) - 1. tr. placare, conciliare. 2. intr. decantare (riferito a liquidi, specie al vino che deposita sul fondo della botte dei residui di feccia) || sedąs intr. pron. calmarsi, addormentarsi leggermente, appisolarsi (cfr. desedąs).

sedąsc (CA) - sm. setaccio, crivello / CH sedąz.

sedascią (mi sedąsci, sedasciąt) (CA) - tr. setacciare, crivellare, vagliare con il setaccio / CH sedazą.

sedąz (CH) - sm. vedi sedąsc (CA).

sedazą (mi sedązi, sedaząt) (CH) - tr. vedi sedascią (CA).

sedčl (sedéi) - sm. secchio || dim. sedelģn (CH) - sidelģn (CA).

Per lo pił zincato, quello adoperato per il latte; di altro metallo, oggi di plastica, quello usato dai muratori per portare la malta.

sedčla (sedčli) - sf. secchia.

Per lo pił di rame, serviva per attingere acqua alla fontana ed era normalmente tenuta in cucina, appesa a un gancio, sotto la peltréra.

sede - avv. altrimenti, sennņ.

sédes (CA) - sèdes (CH) - 1. agg. num. card. sedici. 2. sm. sing. il numero sedici. 3. sm. sing. l’anno 1916. 4. sm. sing. deretano, sedere (scherzosamente e volgarmente).

séf - sm. sego: 'na candéla de séf = una candela di sego.

séga (séghi) - sf. sega, saracco.

se (mi séghi, segąt) - tr. falciare: segą 'na pčrtega de pra = falciare una “pertica” di prato.

Lavoro molto faticoso nel passato perchč era sempre fatto a mano, con il  rans.

séghel - sf. sing. segale.

Cereale molto diffuso nei tempi passati nei nostri paesi, era la base dell'alimentazione perchč dava il pane quotidiano; la farina di segale serviva anche a formare l'impasto utilizzato per i pizņcher, mista al grano saraceno. La coltivazione della segale terminava con le estóbgi. Oggi le cose sono completamente cambiate e il pane di segale si compera in bottega, ma č fatto con farina importata.

seghitą (mi séghiti, seghitąt) - intr. seguitare, continuare, insistere, persistere.

ségia (ségi) (CH) - sf. vedi scégia (CA).

segiunąt - sm. artigiano ambulante che aggiustava o costruiva mastelli di legno.

ségn - sm. 1. segno, contrassegno. 2. impronta, orma | lagą 'l ségn = lasciare segno, lasciare traccia. 3. cenno, segnale: fa ségn = fare un cenno, segnalare | gné 'l pąrla, gné ‘l fa ségn = č troppo silenzioso, reticente, non si esprime.

segną (mi ségni, segnąt) - tr. segnare, annotare || segną gió (CA) - gił (CH) tr. (con lo stesso significato) || segnąs rifl. farsi il segno di croce.

segnąl (segnąi) - sm. segnale, segno, cenno.

segónt (1: segónda-segóndi) (CA) - 1. agg. num. ord. (e s.) secondo. 2. sm. sing. il fieno di secondo taglio. 3. prep. secondo, a seconda di / CH segłnt.

segótul (segótui) - sm. siero.

In particolare il siero che esce dalle forme di formaggio pressate con un sasso o con un altro peso sopra la faséra, sullo spresłr.

segłnt (segłnda-segłndi) (CH) - agg. e sm. e prep. vedi segónt (CA).

sčler - sm. sedano.

sélva (sélvi) (CA) - sčlva (sčlvi) (CH) - sf. selva, bosco di castagni.

selvądech (selvądega-selvądeghi) - agg. e sm. come salvądech.

séma - solo nell'espressione séma tant = ogni tanto, una volta tanto.

seminąri - sm. seminario.

sémpri - avv. sempre, continuamente.

semulģna (semulģni) - sf. persona fiacca, debole, molle, priva di intraprendenza.

sénsa - prep. e cong. senza.

sensąl (sensąi) - sm. sensale, mediatore.

sensalerģa (sensalerģi) - sf. senseria.

sentąs (mi me sénti, sentąt) - intr. pron. sedersi || sentąs gió (CA) - gił (CH) (con lo stesso significato).

senté - sm. sentiero, viottolo, stradetta di campagna o di bosco.

sentģ (mi sénti, sentģt) (CH) - 1. tr. sentire, udire, ascoltare; avvertire un odore; toccare 2. intr. emanare odore: sentģ de bun = emanare un odore gradevole, sta cąren la sént = questa carne puzza, č deteriorata || sentģs intr. pron. 1. sentirsi: sentģs bén, sentģs mal = sentirsi bene, sentirsi male. 2. sentirsi in grado || sentģli tr. subire un rimprovero || sentģli sǜ tr. (con lo stesso significato di sentģli) / CA sintģ.

sentimént - sm. sentimento, senso, senno: čs fö de sentimént = essere fuori di senno.

sentģna (CH) - solo in alcune espressioni: čs en sentģna = 1. essere ben presente con la mente. 2. (ironicamente) essere un po' alticcio, un po' brillo; fa sentģna!, sta 'n sentģna! = siediti, sta’ seduto per bene (voce infantile) / CA sintģna.

sepe (mi sepelģsi, sepelģt) (CH) - tr. seppellire, sotterrare / CA suterą.

seramént - sm. serramento.

sčrc (CH) - sm. vedi scérsc (CA).

serén (seréna-seréni) - agg. sereno.

serenąda (serenądi) - sf. notte serena e piena di stelle: l'č vignģt fö 'na serenąda = questa notte si č rasserenato.

serenąs (el se seréna, serenąt) - intr. rasserenarsi, tornar sereno.

sergént - sm. sergente.

séri (séria-séri) (CH) - agg. serio, compito, composto | sül séri = seriamente, sul serio / CA sériu.

Seriö́la (CH) - sf. sing. come Sciriö́la (CA).

sériu (séri, séria-séri) - agg. come seri.

serłn - sm. siero, residuo del latte dopo la produzione del formaggio.

sčrva (sčrvi) - sf. serva, domestica, cameriera | 'nda vģa sčrva = andare in servizio come domestica presso una famiglia (caso molto frequente per le ragazze contadine del passato).

servģsi (CH) - sm. mestolo; paletta.

servģzi - sm. servizio | stu rņp el me fa prņpi servģzi = questo attrezzo fa proprio al caso mio.

sés - 1. agg. num. card. sei. 2. sm. sing. il numero sei. 3. sm. sing. l’anno 1906. 4. sf. pl. le ore sei (o le ore diciotto).

sesąnta - agg. num. card. (e sm. sing.) sessanta.

sesanténa (sesanténi) - sf. sessantina, circa sessanta unitą: el gh’ą 'na sesanténa d'agn = ha una sessantina d'anni.

1) sčt - 1. agg. num. card. sette. 2. sm. sing. il numero sette. 3. sm. sing. l'anno 1907. 4. sf. pl. le ore sette (o le diciannove). 5. sm. sing. strappo in un abito, a forma di sette.

2) sét - sf. sete.

setąnta - agg. num. card. (e sm. sing.) settanta.

setémbri - sm. sing. settembre.

setimąna (setimąni) - sf. settimana.

setłn - solo nell'espressione sü 'n setłn = a letto, ma seduti in modo che il busto sia fuori dalle coperte.

sfalsą (mi sfąlsi, sfalsąt) - tr. sfalsare; cambiare || sfalsąs intr. pron. falsarsi, peggiorare, tralignare, degenerare: qučl s'cčt che l'čra iscģ brąu el me s'č sfalsąt = quel ragazzo che era cosģ bravo č degenerato.

sfazadéza (sfazadézi) - sf. sfacciataggine.

sfaząt (sfaząda-sfaządi) - agg. sfacciato, maleducato.

sfendǜt (sfendǜda-sfendǜdi) - agg. spaccato, diviso, fesso (p.p. di sfént).

sfént (mi sféndi, sfendǜt) - tr. fendere, dividere, spaccare: sfént en burčl per fa scią pąi per la vģgna = fendere un piccolo tronco per ricavare pali per la vigna | sféndes di grģgni  = sbellicarsi dalle risa - cfr. sfendǜt.

sférs (sférsa-sférsi) (CA) - sfčrs (sfčrsa-sfčrsi) (CH) - agg. come férs.

sfersą (mi sférsi (CA) - mi sfčrsi (CH), sfersąt) - tr. friggere il burro o l'olio.

sfét (CA) - sfčt (CH) - sm. taglio; brutta ferita prodotta da un corpo tagliente.

sfģlsa (sfģlsi) - sf. lunga serie, fila, filza, gran numero: 'na sfģlsa de s'cčt = un gran numero di ragazzi.

sfiurą (mi sfiłri, sfiurąt) - tr. 1. sfiorare, passar vicino a qualcosa, rasentare. 2. levare la panna: sfiurą 'l lac = separare la panna dal latte.

sfiurģ (mi sfiurģsi, sfiurģt) - intr. sfiorire, perdere i fiori.

sfracą (mi sfrąchi, sfracąt) - tr. come fracą.

sfrąnsa (sfrąnsi) - sf. frangia.

sfrigulą (mi sfrģguli, sfriguląt) - tr. sbriciolare.

sfrģs - sm. leggera incisione, segno intagliato | de sfris = di striscio.

sfrisą (mi sfrģsi, sfrisąt) - tr. toccare di striscio, scalfire, rasentare toccando.

sfrņs - solo nell'espressione de sfrņs = di frodo, illegalmente, di nascosto.

sfrücią (mi sfrǜci, sfrüciąt) - tr. sfruttare, logorare, consumare.

sfrusą (mi sfrłsi, sfrusąt) - tr. e intr. frodare, rubacchiare, impadronirsi con l'inganno di qualcosa.

sfude (mi sfłdeghi, sfudegąt) - intr. rovistare, rimuovere facendo rumore per cercare qualcosa.

sfudegąda (sfudegądi) - sf. tramestio, rumore causato da chi cerca tra erbe secche e fogliame.

sfuią (mi sfö́i, sfuiąt) - tr. 1. sfogliare un libro, un quaderno, far passare le pagine. 2. togliere le foglie, levare le brattee del granoturco.

sfłt (mi sfłti, sfutǜt) - tr. sfottere.

sgabčl (sgabéi) (CH) - sm. vedi scabčl (CA).

sgabiņt - sm. come gabiņt.

sgabüzģn - sm. sgabuzzino, ripostiglio.

sgagną (mi sgągni, sgagnąt) - tr. azzannare, addentare con forza; mangiare avidamente.

sgagnłsa (sgagnłsi) - sf. forte appetito, fame repressa.

sgaią (mi sgąi, sgaiąt) - tr. scalzare, levare qualcosa (per esempio un sasso da un muro) (cfr. gąia).

sgainą (mi sgąini, sgainąt) - intr. lavorare molto, darsi da fare faticosamente || sgainąs fö́ intr. pron. rendersi intraprendente, svegliarsi, maturare: l'č restąt sénsa pa e mąma, l'č pö stac bun de sgainąs fö = č rimasto senza padre e madre, č stato capace di cavarsela.

sgąinu (sgąini, sgąina-sgąini) - agg. svelto, agile (fisicamente e intelletualmente).

sgaląs (mi me sgąli, sgaląt) - 1. intr. pron. divaricare le gambe (eccessivamente, col rischio di farsi male, anche involontariamente). 2. affrettarsi molto nella corsa (tanto da correre qualche rischio), darsi da fare: ł mģga de sgaląm mi per lur = non devo affrettarmi, arrischiando, per loro, sgąlet mģga = non andare tanto in fretta.

sgalérsc (sgalérscia-sgalérsci) (CA) - sgalčrsc (sgalčrscia-sgalčrsci) (CH) - agg. zoppo, acciaccato, malridotto.

sgambąda (sgambądi) - sf. sgambata, lunga e faticosa camminata.

sgambérla (sgambérli) (CA) - sgambčrla (sgambčrli) (CH) - sf. 1. donna agile e snella. 2. (pił frequente) donna di facili costumi || accr. sgamberlłna.

sgambčt - sm. sgambetto.

sgambģs (mi me sgambģsi, sgambģt) - intr. pron. stancarsi molto per una lunga camminata.

sganą (mi sgąni, sganąt) - tr. come sgagną.

sganasąs (mi me sganąsi, sganasąt) - intr. pron. sganasciarsi: sganasąs di grģgni = sbellicarsi dalle risa.

sgangherąt (sgangherąda-sgangherądi) - agg. sgangherato.

sgarbą (mi sgąrbi, sgarbąt) - tr. stracciare, strappare (per lo pił carta o tela): sgarbą fö 'n fö́i del quadčrnu = strappare un foglio da un quaderno, sgarbą 'l scusąl = strappare il grembiule.

sgarbasąch - sm. guardia di finanza (sin. panàu).

sgarbéri - sm. sing. grande estensione di terreni di un unico proprietario: en sgarbéri de sit = un’ampia proprietą.

sgarbiąs (nün en se sgąrbia, sgarbiąt) - rifl. recip. litigare.

sgarbuiąda (sgarbuiądi) - sf. pasticcio, garbuglio.

sgarią fö́ (mi sgąri fö́, sgariąt fö́) - intr. tirar fuori, levare da un pertugio, da un involucro: sgarią fö 'na nus = levare una noce dal guscio.

sgarle(mi sgarléti (CA) - mi sgarlčti (CH), sgarletąt) - intr. sgambettare, muovere nervosamente le gambe (detto per lo pił di bambini).

sgarse (mi sgarghi, sgarsegąt) - tr. provocare una scorticatura, graffiare, scorticare.

sgarsulą (mi sgąrsuli, sgarsuląt) - tr. e intr. potare la vite.

Eseguire, cioč, la potatura verde, eliminando i virgulti infecondi lungo il tronco dell'arbusto e scapitozzare (smucą) i tralci che portano grappoli.

sgarsulģn - sm. come sgarsulģna.

sgarsulģna (sgarsulģni) - sf. ragazzetta graziosa e vivace.

sghiribģz - sm. ghiribizzo, estro, fantasia, voglia; se 'l me sņlta 'l sghiribģz... = se mi salta il ticchio...

sgiasą (mi sgiąsi, sgiasąt) (CA) - tr. masticare / CH mastegą.

sgnaulą (mi sgnąuli, sgnauląt) - intr. miagolare, fare il verso del gatto.

sgnauląda (sgnaulądi) - sf. 1. miagolio prolungato: ł sintģt tǜta la nņc 'na sgnauląda = ho sentito per tutta la notte un miagolio. 2. musica noiosa e male eseguita.

sgnaulģ (mi sgnaulģsi, sgnaulģt) - intr. come sgnaulą.

sgneculąda (sgneculądi) (CH) - sf. piagnucolio, noiosa e prolungata lamentela / CA sgniculģda.

sgneculģ (mi sgneculģsi, sgneculģt) (CH) - intr. piagnucolare / CA sgniculģ.

sgnicą (mi sgnģchi, sgnicąt) - tr. schiacciare: sgnicą i nus = schiacciare le noci, sgnicą 'l cąnuf = schiacciare la canapa, me su sgnicąt en dit = mi sono schiacciato un dito.

sgniculģ (mi sgniculģsi, sgniculģt) (CA) - intr. vedi sgneculģ (CH).

sgniculģda (sgniculģdi) (CA) - sf. vedi sgneculąda (CH).

sgórbi (CA) - sgņrbi (CH) - sm. sgorbio; —› persona brutta: en brüt sgņrbi = una persona brutta e deforme.

sgórbiu (sgórbi) (CA) - sgņrbiu (sgņrbi) (CH) - sm. come sgņrbi.

sgņrla (sgņrli) - sf. donna di malaffare.

sgrafą (mi sgrąfi, sgrafąt) - tr. 1. graffiare. 2. rubacchiare.

sgrafąda (sgrafądi) - sf. graffio.

sgrafigną (mi sgrafģgni, sgrafignąt) - tr. rubacchiare con destrezza.

sgrafignłn - sm. individuo avido e ben capace di appropriarsi delle cose altrui.

sgraną (mi sgrąni, sgranąt) - tr. sgranare, staccare i chicchi delle pannocchie di granturco, levare fagioli o piselli dai baccelli | sgraną 'l rusąri = far passare i grani della corona del rosario | sgraną i öc = sgranare gli occhi, guardare con meraviglia e sorpresa.

sgrandģ (mi sgrandģsi, sgrandģt) - tr. ingrandire, ampliare: sgrandģ stu böc = allargare questo buco.

sgrignuzą (mi sgrignņzi, sgrignuząt) - intr. sghignazzare, ridacchiare.

sgrģnfia (sgrģnfi) - sf. (pił frequente al plurale) grinfia, artiglio: se 'l me végn scią słta i mé sgrģnfi, el giǜsti mi = se mi capita sotto le grinfie, lo aggiusto io.

sgrö́f - sm. straccio; strofinaccio che si tira con un lungo manico per ripulire il forno | tirą a sgröf = trascinare faticosamente facendo strisciare per terra.

sgrundaną (mi sgrundąni, sgrundanąt) - intr. essere bagnato fradicio; essere madido di sudore.

sguarą (mi sguąri, sguarąt) - tr. rompere, lacerare, spezzare. 

sguaząda (sguaządi) - sf. acquazzone, scroscio forte e improvviso di pioggia.

sgubą (mi sgņbi, sgubąt) - intr. sgobbare, lavorare duramente || sgubąs gió (CA) - gił (CH) intr. pron. chinarsi, curvarsi, abbassarsi per caricare qualcosa sulle spalle.

sgugną (mi sgógni (CA) - mi sgłgni (CH), sgugnąt) - tr. beffeggiare, deridere, schernire, prendere in giro.

sguląs (mi me sgóli (CA) - mi me sgłli (CH), sguląt) - intr. pron. sgolarsi, vociare, gridare tanto forte da mettere a repentaglio le corde vocali.

sgulatrą (mi sgulątri, sgulatrąt) - intr. sbattere fortemente le ali (riferito a volatili); —› darsi alla bella vita (di donna di facili costumi).

sgumbedąda (sgumbedądi) - sf. gomitata.

sgłnfi (sgłnfia-sgłnfi) - agg. 1. gonfio, pieno. 2. sgonfio.

sgunfią (mi sgłnfi, sgunfiąt) - tr. 1. gonfiare. 2. sgonfiare. 3. molestare con chiacchiere irritanti, istigare.

sgürą (mi sgǜri, sgürąt) - tr. pulire sfregando fortemente pentole, posate, tegami; lucidare, lustrare.

sgürąda (sgürądi) - sf. lucidatura, pulitura a fondo: gh’ó dac 'na bčla sgürąda = gli ho dato una bella lucidata.

sgürląsc - sm. falcetto dalla lama logora e poco affilata.

sgurléra (sgurléri) - sf. come scurléra.

sgurlģ (mi sgurlģsi, sgurlģt) - tr. scuotere, scrollare, dare degli scossoni: sgurlģ gió 'n ram = scrollare un ramo.

sgurlģda (sgurlģdi) - sf. 1. strattone, scossone dato a una pianta per far cadere frutti o foglie: gh’ł dac 'na sgurlģda e ł fac da gił tüc i pum = gli ho dato una scrollata e ho fatto cadere tutte le mele. 2. grave sgridata, severo rimprovero. 3. scossa elettrica.

sgüsą (mi sgǜsi, sgüsąt) - tr. sgusciare, levare il guscio: sgüsą i castégni = sgusciare le castagne.

sgüzą (mi sgǜzi, sgüząt) - tr. aguzzare: sgüzą 'l ląpis = temperare la matita || sgüząs intr. pron. aguzzarsi, svegliarsi, emanciparsi, farsi furbo: l'č restąt de par lü e l'ą ǜt de sgüząs  = č rimasto da solo ed ha dovuto emanciparsi.

sicǜr (sicǜra-sicǜri) - 1. agg. sicuro, certo; senza pericolo. 2. avv. certo, certamente, sicuramente | de sicǜr = di sicuro, certamente.

sicǜra  - avv. come sicǜr-2.

sicürą (mi sicǜri, sicürąt) - tr. 1. assicurare: la ca l'č sicürąda = la casa č assicurata. 2. garantire: te 'l sicǜri mi = te lo garantisco io.

sicutérat - avv. come prima: en sč sicutérat = siamo al punto di prima.

sigarčta (sigarčti) - sf. sigaretta.

Signłr - sm. Signore, Dio | purtą 'l Signłr = portare il viatico ad un moribondo | truą 'l Signłr endurmént = avere fortuna immeritata | cłma l'č včra che gh'č 'l Signłr = come č vero Dio (forma di giuramento per confermare il proprio punto di vista) | car Signłr! = mio Dio! (esclamazione di implorazione, preghiera, timore).

sigǜr - avv. come sicǜr-2.

1) sigǜra - avv. come sicǜr-2.

2) sigǜra (sigǜri) - sf. grossa scure (raro).

sigürčl  (sigüréi) - sm. scure, accetta || dim. sigürelģn (CH) - sigürilģn (CA).

sigüreląda (sigürelądi) - sf. colpo di scure.

silłn - sm. manico della falce.

simpątech (simpątica-simpątichi) - agg. simpatico.

sincér (sincéra-sincéri) - agg. sincero.

sģndech - sm. sindaco.

singhiłt (CH) - sm. vedi sangiņt (CA).

sintģ (CA) (mi sénti, sintģt) - tr. e intr. vedi sentģ (CH).

sintģna (CA) - vedi sentģna (CH).

sģra (sģri) - sf. sera: sta sģra = stasera, dumąn sģra = domani sera.

sirąda (sirądi) (CA) - sf. serata.

sistéma (sistémi) - sm. sistema, modo, maniera (anche con connotazione morale): l'č mģga 'l sistéma de fa = non č questo il modo corretto di fare.

siste (mi sistémi, sistemąt) - tr. sistemare, ordinare, organizzare || sistemąs rifl. 1. sistemarsi, mettersi a posto. 2. trovare una sistemazione, un posto di lavoro.

sisternèl (sisternéi) (CA) - sm. piccola cisterna nelle vigne.
Era una vasca quadrangolare realizzata in calcestruzo che raccoglieva l'acqua piovana per preparare la miscela di acqua, solfato di rame e calce utilizzata nel trattamento delle viti Nei periodi di siccità l'acqua doveva essere appositamente portata
.

sģt - sm. sito, luogo; terreno (con particolare riferimento a quelli coltivati).

sitģl (sitģla-sitģli) (CA) - agg. raro per sutģl.

slambrņt - sm. miscuglio eterogeneo di cibo (per lo pił molliccio), brodaglia.

slambrutąda (slambrutądi) - sf. 1. come slambrņt. 2. conversazione confusa, racconto inconcludente.

slandruną (mi slandrłni, slandrunąt) - intr. battere la fiacca, non concludere nulla, vagabondare, oziare (sin. sliruną).

slape (mi slapčti, slapetąt) (CH) - intr. chiacchierare senza sosta e senza costrutto.

slargą (mi sląrghi, slargąt) - tr. allargare, ampliare.

slavąda (slavądi) - sf. lavata, bagnata, spruzzata: ciapą 'na slavąda = bagnarsi completamente.

slavąza (slavązi) - sf. romice alpino (Rumex alpinus L.).

Molto comune nei prati umidi e ben concimati (ad esempio nei pressi delle stalle), č poco apprezzata come foraggio.

slazą (mi slązi, slaząt) (CH) - tr. come deslazą (CH).

slązega - solo nell'espressione a slązega = traballante (di cosa non fissata bene o persona con passo incerto).

slediną (mi sledģni, sledinąt) (CH) - tr. rendere scorrevole, sciolto / CA slidiną.

slémbrech (slémbrega-slémbreghi) (CA) - slčmbrech (slčmbrega-slčmbreghi) (CH) - agg. molle, non consistente; dimesso.

slenge (mi slengerģsi, slengerģt) (CH) - tr. alleggerire / CA slingerģ.

slčpa (slčpi) - sf. 1. grossa porzione (di polenta, di formaggio…). 2. schiaffo, ceffone: gh’ł muląt ‘na slčpa = gli ho rifilato un ceffone.

slidiną (mi slidģni, slidinąt) (CA) - tr. vedi slediną (CH).

slģfer - sm. (e agg.) 1. individuo inetto, che vale poco. 2. oggetto di scarsa qualitą || dispr. sliferǜsc.

sligą (mi slģghi, sligąt) - tr. come desligą (CA).

slimą (mi slģmi, slimąt) - tr. consumare limando o sfregando, logorare (con riferimento per lo pił ad attrezzi di lavoro).

slinge (mi slingerģsi, slingerģt) (CA) - tr. vedi slengerģ (CH).

sliruną (mi slirłni, slirunąt) - intr. battere la fiacca, stare in ozio.

slģs (slģsa-slģsi) - agg. come lis.

slisą (mi slģsi, slisąt) - tr. lisciare (con lima o pialla).

slģta (slģti) - sf. slitta (con la quale i ragazzi si divertono sulla neve) || dim. slitģn sm.

slitą (mi slģti, slitąt) - intr. 1. scivolare su ghiaccio, neve o su sentieri ripidi e lisci. 2. giocare con la slitta.

slitigą (mi slģtighi, slitigąt) - tr. come slitą-1.

slitłn - sm. spazzaneve.

Costituito da una grossa slitta, a forma di 'V', trainata un tempo da buoi o cavalli, e poi da trattori, era il mezzo pił consueto ed efficace per ripulire le strade dalla neve.

slizét - sm. come slģta.

slizetłn - sm. come slitłn.

slņfen - solo nell'espressione 'nda a slņfen = andare a dormire.

slņia - sf. sing. spossatezza, noia, mollezza, indolenza.

slóz (slóza-slózi) (CA) - agg. bagnato fradicio, inzuppato / CH sluz.

slóza (slózi) (CA) - sf. come lóza.

sluiąt (sluiąda-sluiądi) - agg. spossato, molle, privo di energia.

slungą (mi slłnghi, slungąt) - tr. 1. allungare, prolungare: slungą la strąda = allungare la strada, seguire un percorso pił lungo | slungą i gąmbi = distendersi (per riposare). 2. diluire, annacquare (per esempio il vino) || slungąs intr. pron. 1. coricarsi, distendersi sul letto o in terra. 2. crescere in altezza (come vignģ grant) - cfr. slungąt.

slungąt (slungąda-slungądi) - agg. disteso sul letto o in terra (p.p. di slungą).

sluntaną (mi sluntąni, sluntanąt) - tr. allontanare, scacciare, distanziare || sluntanąs intr. pron. allontanarsi, distanziarsi.

slłz (slłza-slłzi) (CH) - agg. vedi slóz (CA).

slłza (slłzi) (CH) - sf. vedi slóza (CA).

sluzą (mi slłzi, sluząt) - tr. bagnare abbondantemente, inzuppare, infradiciare.

sluząda (sluządi) - sf. abbondante bagnatura.

smacą (mi smąchi, smacąt) - tr. rompere, ammaccare: te smąchi de bņti = ti do un sacco di botte - cfr. smacąt.

smacąt (smacąda-smacądi) - agg. ammaccato: tartģfui smacąt = patate ammaccate, toccate dalla zappa durante la raccolta (p.p. di smacą).

smachiną (mi smąchini, smachinąt) - 1. intr. armeggiare, darsi da fare attorno a qualcosa. 2. tr. macchinare, elucubrare.

smągia (smągi) - sf. macchia (specie su un vestito o su un foglio di quaderno); —› tipo originale e strambo: quél igliņ l'č 'na smągia = quello lģ č una macchietta.

smagią (mi smągi, smagiąt) - tr. macchiare, sporcare: sta aténta a mģga smagią 'l vestģ = stai attenta a non macchiare il vestito.

smagrģ (mi smagrģsi, smagrģt) - 1. intr. dimagrire. 2. tr. rendere pił magro (per esempio il brodo, aggiungendo acqua).

smaguną (mi smagłni, smagunąt) - intr. essere molto addolorato, esprimere il proprio dolore con espressioni di lamento (che perņ non arrivano al pianto).

smaltą (mi smąlti, smaltąt) - tr. 1. lisciare, rinzaffare una parete con la malta: smaltą 'n mür = intonacare un muro. 2. come smaltģ.

smaltģ (mi smaltģsi, smaltģt) - tr. 1. finire, esaurire. 2. buttare: smaltģ vģa tüt = buttar via tutto | smaltģ fö ņlt = gettare via, gettare lontano. 3. digerire lentamente.

smangią (mi smąngi, smangiąt) - tr. logorare, consumare (un orlo, un polsino, gli argini di un fiume).

smąnia - sf. sing. smania, agitazione esagerata, irrequietezza: còsa l'č tǜta sta smąnia? = cos’č quest’impazienza?

smanią (mi smąnii, smaniąt) - intr. agitarsi fuori misura || smaniąs intr. pron. (con lo stesso significato).

smarcą (mi smąrchi, smarcąt) - tr. cancellare, depennare.

smargutą (mi smargņti, smargutąt) - intr. espettorare catarro.

smazücąt (smazücąda-smazücądi) - agg. irregolare, deformato per colpi ricevuti.

sme (mi smčli, smeląt) - tr. tagliare, recidere qua e lą (cfr. mčla, melǜsc): smelą gió tüc i ram = tagliare tutti i rami.

smelüsciąda (smelüsciądi) - sf. taglio netto (fatto con il melǜsc o con la mčla).

smenąch (mi ghe sméni, smenąt) - tr. rimetterci, perdere, rimanere svantaggiato: ghe sméni témp e centésum = perdo tempo e denaro.

smezą (mi szi, smeząt) - tr. dividere, rompere, spezzare: smezą 'n bachčt = rompere un bastoncino.

smórsa (smórsi) (CA) - smņrsa (smņrsi) (CH) - sf. morsa (attrezzo del fabbro o del falegname) | smņrsa de feré = morsa da fabbro (con il codolo fino a terra) || dim. smursét (CA) - smursčt (CH) sm. - cfr. smursét (CA) - smursčt (CH).

smórt (smórta- smórti) (CA) - smņrt (smņrta- smņrti) (CH) - agg. smorto, pallido.

smucą (mi smóchi (CA) - mi smłchi (CH), smucąt) - tr. tagliare la cima: smucą i cņ = scapitozzare i tralci durante la potatura verde.

smulą (mi smņli, smuląt) - tr. allentare (una vite, una presa).

smłnt (smłnta-smłnti) - agg. smunto, smorto; stinto (specie riferito a tessuti).

1) smuntą (mi smłnti, smuntąt) - intr. perdere la tinta, scolorire.

2) smuntą (mi smłnti, smuntąt) - 1. intr. finire il turno di lavoro; scendere dall'alpeggio con il bestiame. 2. tr. smontare un motore, un congegno.

smurensą (mi smurénsi, smurensąt) - tr. come smursą.

smursą (mi smórsi (CA) - mi smņrsi (CH), smursąt) - tr. spegnere la luce o un fuoco.

smursét (CA) - smursčt (CH) - sm. piccola spina negli impianti elettrici (dim. di smórsa).

smurusą (mi smurłsi, smurusąt) - intr. amoreggiare, flirtare, corteggiare.

smusiną (el smusģna, smusinąt) - intr. piovigginare, cadere di piccoli fiocchi di neve.

snarą (mi snąri, snarąt) - tr. 1. schiacciare, comprimere tra due corpi: snarąt tra la pņrta e 'l mür = chiuso fra la porta e il muro. 2. opprimere con un duro lavoro | snąret! = va’ al diavolo! (sin. s'ciņpa!) - cfr. snarąt.

snarąt (snarąda-snarądi) - agg. oppresso: snarąt del laurą = stanco morto per il lavoro, snarąt de bņti = indebolito dalle botte  (p.p. di snarą).

snarigią (mi snarģgi, snarigiąt) (CH) - snaritą (mi snarģti, snaritąt) (CA) - intr. soffiarsi il naso rumorosamente, frequentemente.

snervąs (mi me snčrvi, snervąt) - intr. pron. perdere vigore, infiacchirsi, essere preso da spossatezza - cfr. snervąt.

snervąt (snervąda-snervądi) - agg. sfibrato, indebolito, sfinito (p.p. di snervąs).

snģbiu (snģbi) (CH) - sm. ultimo nato di una nidiata.

snizą (mi snģzi, sniząt) - tr. iniziare, intaccare, aprire (un pacchetto, un sacchetto…).

snudąs (mi me snņdi, snudąt) - intr. pron. procurarsi una distorsione in un arto: me su snudąt en dit = mi sono slogato un dito.

(sö́, sła-sö́) - 1. agg. poss. suo, suo proprio, loro: el sņ pa, la sła mąma, i sö fradéi, i sö surčli = suo/loro padre, sua/loro madre, i suoi/loro fratelli, le sue/loro sorelle. 2. pron. poss. suo: i sö i l'ą mģga lagąt = i suoi genitori non l'hanno lasciato, el vif del sņ = č ricco abbastanza da non aver bisogno di nessuno, el n’ą fac ǜna di sö  = ha combinato una delle sue marachelle.

sņci - sm. come sņciu.

sņciu (sņci) - sm. socio, compagno d'affari, amico: fas sņciu = mettersi in societą | sņciu de la bģra = amico occasionale, socio di convenienza.

sņfuch (sņfuga-sņfughi) - agg. soffocante, afoso.

sógn (CA) - sm. 1. sonno. 2. sogno: desfąs fö del sógn = svegliarsi (anche in senso figurato) / CH sugn.

sö́l (sö́i) - sm. pavimento, suolo.

sö́la (sö́li) - sf. suola delle scarpe.

sņldu (sņldi) - sm. soldo, denaro (pił usato al plurale) (sin. dané).

sņlet (sņleta-sņleti) (CA) - sņlit (sņlita-sņliti) (CH) agg. solito.

sólt (CA) - sņlt (CH) - sm. 1. salto: tra 'n sņlt = spiccare un salto. 2. breve visita.

soltamartģn (CH) - sm. cavalletta (sin. saiņt).

sóm (CA) - sm. sing. cima, sommitą | en sóm = in cima: sü 'n sóm a 'na ciąnta = in cima ad un albero / CH sum.

sóngia (CA) - sf. sing. sugna, grasso d'infima qualitą / CH słngia.

Veniva usata per ungere scarponi e ruote e per le lame in falegnameria.

1) sórt (CA) - sņrt (CH) - sf. qualitą, tipo, genere, specie: fan de tǜti i sórt = combinarne di ogni colore, gént de ņgni sņrt = gente di ogni specie, di ogni razza.

2) sórt (sórda-sórdi) (CA) - agg. sordo || superl. sórt surdéntu / CH surt.

sórta (sórti) (CA) - sņrta (sņrti) (CH) - sf. come sņrt-1) | de che sórta! = altro che!

sö́ser - 1. sm. suocero. 2. sm. pl. coppia di suoceri.

sö́sera (sö́seri) - sf. suocera.

sót (CA) - avv. e prep. sotto, al di sotto / CH sut.

sóta (CA) - avv. e prep. come sót: sóta 'l mür = sotto il muro | de sóta = di sotto / CH słta.

sotałs (CA) - avv. sottovoce / CH sutałs.

sotciąf (CA) - avv. sottochiave, ben custodito / CH sutciąf.

sotgąmba (CA) - avv. sottogamba, alla leggera: ląghet mģga ciapą sotgąmba = non lasciarti ingannare / CH sutgąmba.

sotmąn (CA) - avv. sottomano / CH sutmąn.

sotsłra (CA) - avv. sottosopra | i č 'n pó sotsłra = sono in discordia / CH sutsłra.

spacą (mi spąchi, spacąt) - tr. spaccare, spezzare, rompere, frantumare, fendere: spacą sü tüt = distruggere tutto, spacą la légna =  fendere i tronchetti di legna || spacąs intr. pron.: el terén el s'č spacąt per el gélt = il terreno si č spaccato per il gelo - cfr. spacąt.

spacąt (spacąda-spacądi) - agg. tale e quale, identico: l’č spacąt al sņ fradčl = č molto somigliante al fratello (p.p. di spacą).

1) spąch - sm. spago.

2) spąch - sm. spacco, fenditura.

spacłn (spacłna-spacłni) - agg. spaccone, fanfarone, gradasso, sbruffone.

spacunąda (spacunądi) - sf. spacconata: el cǜnta pö sémpri sü i sö spacunądi = racconta sempre le solite sue vanterie.

spądula (spąduli) - sf. 1. spatola di legno. 2. spatola per ripulire la canapa.

Attrezzo usato per pulire le fibre della canapa, dopo che č gią passata nella frantņia.

3. stecca di legno della gerla.

Sono bacchette lunghe, appiattite e ben sagomate che costituiscono la parte strutturale, il telaio della gerla e le danno la forma caratteristica; i spąduli venivano poi fissate con i scudésci.

spadulą (mi spąduli, spaduląt) - tr. lavorare con la spatola: spadulą 'l cąnuf = ripulire la canapa.

spadulógn - sm. supporto usato durante la lavorazione della canapa.

Si tratta di un semplice arnese consistente in un'asse verticale, larga 30 o 40 centimetri e alta un metro e mezzo circa, fissata su un piedestallo; su di essa veniva posta una manciata di canapa che veniva trattata con la spądula.

spadulłgn - sm. come spadulógn.

1) spaghét (CA) - spaghčt (CH) - sm. pl. spaghetti (pasta).

2) spaghét (CA) - spaghčt (CH) - sm. paura, spavento: ciapą 'n spaghčt = prendere un forte spavento.

spagnö́l (spagnö́i, spagnö́la-spagnö́li) - agg. spagnolo || spagnö́la sf. sing. febbre spagnola.

La grave forma epidemica scoppiņ nel nostro paese e in altri centri d'Italia e d'Europa nel 1918; nel nostro comune i morti furono una settantina.

spagnulčta (spagnulčti) (CH) - sf. arachide / CA galéti.

spąla (spąli) - sf. spalla.

spalą (mi spąli, spaląt) - tr. spalare, lavorare con la pala per spostare terra o neve: spalą la néf = spalare la neve.

spalancą (mi spaląnchi, spalancąt) - tr. spalancare, aprire completamente porte e finestre || spalancą fö́ tr. (con lo stesso significato).

spaléta (spaléti) (CA) - spalčta (spalčti) (CH) - sf. spalletta, mazzetta, strombatura di un’apertura.

spalģn - sm. bretella, spallaccio di zaino (per lo pił al plurale).

spąnda (spąndi) - sf. spanna (distanza tra pollice e dito mignolo nell'apertura massima della mano) (cfr. quąrta) || accr. spandłn sm.

spąnt (mi spąndi, spandǜt) - tr. spandere, diffondere, stendere, spargere (per esempio erba o concime sul campo o sul prato).

spante (mi spantéghi, spantegąt) - tr. spandere qua e lą, sparpagliare.

sparą (mi spąri, sparąt) - intr. sparare || sparą fö́ intr. apparire, comparire all’improvviso.

sparmģ (mi sparmģsi, sparmģt) - tr. risparmiare, fare economia.

spąrs (spąrsa-spąrsi) - agg. aperto, divaricato: gąmbi spąrsi = gambe arcuate (cfr. gavčl).

spąrsa (spąrsi) - sf. ciotola di legno.

Somigliante in certo modo ad un piatto, era usata, in particolare, per sfiurą 'l lac, per levare la panna del latte.

spartģ (mi spartģsi, spartģt) - tr. 1. ripartire, dividere in parti uguali: spartģ la rņba = dividere i beni, dividere le ereditą. 2. dividere, separare due litiganti || spartģs intr. pron. dividersi, separarsi, divorziare.

spąs - sm. 1. divertimento, gioco, spasso | fa spas = giocare. 2. spasso, passeggio: ‘nda a spas = andare a passeggio.

spatą (mi spąti, spatąt) - tr. buttare, gettare || spatą vģa tr. (con lo stesso significato) || spatąs intr. pron. cadere rovinosamente: spatąs gił de 'n mür, de 'na piąnta = cadere da un muro, da un albero.

spatasciąda (spatasciądi) - sf. caduta, capitombolo, ruzzolone: ł ciapąt gił 'na spatasciąda = sono caduto rovinosamente.

spatasciąs (mi me spatąsci, spatasciąt) - intr. pron. cadere rovinosamente, cadere lungo e disteso e farsi male.

spaürģ (mi spaürģsi, spaürģt) - tr. spaventare, intimorire, intimidire, impaurire - cfr. spaürģt.

spaürģt (spaürģda-spaürģdi) - agg. pieno di paura, intimorito, spaventato, sgomento (p.p. di spaürģ).

spaventapąser - sm. spaventapasseri.

spaventłs (spaventłsa-spaventłsi) - agg. spaventoso, che mette terrore e spavento.

spazą (mi spązi, spaząt) - tr. spazzare, ripulire scopando o con la pala: spazą vģa la néf = levare via la neve.

spazacą - sm. solaio, sottotetto.

spazacamģn - sm. spazzacamino.

Un tempo era frequente incontrare per le nostre contrade gli spazzacamini, per lo pił originari della Valmalenco.

spazanéf - sm. spazzaneve (cfr. slitłn).

spazetłn - sm. spazzolone.

spązi - sm. spazio, luogo dove puņ trovar posto e sistemazione ogni cosa concreta: gh’ł gna spązi de mčt i pé = non ho nemmeno lo spazio dove mettere i piedi.

spazģn - sm. netturbino.

spaziłs (spaziłsa-spaziłsi) - agg. spazioso, ampio, vasto: 'na cüsģna spaziłsa = una spaziosa cucina.

spązula (spązuli) - sf. spazzola (per panni o scarpe o capelli).

spazulą (mi spązuli, spazuląt) - tr. spazzolare, nettare con la spazzola vestiti, scarpe o altro.

spazulģn - sm. spazzolino per i denti.

spéc - sm. specchio.

specią (mi spéci, speciąt) - 1. tr. aspettare, attendere, prevedere: me spéci gnént de bun = non mi aspetto nulla di buono. 2. intr. essere gravida. || speciąs rifl. recip.: attendersi, darsi appuntamento: en se spécia de fö de la gésa = ci incontriamo fuori dalla chiesa.

speciąl (speciąi, speciąla-speciąli) - agg. speciale, interessante, straordinario.

speciąs ģnt (mi me spéci ģnt, speciąt ģnt) - rifl. specchiarsi, guardarsi allo specchio.

spegąsc - sm. 1. scarabocchio, sgorbio, firma fatta male. 2. quadro di poco valore.

spegasciąda (spegasciądi) - sf. come spegąsc.

speląs (mi me spčli, speląt) - intr. pron. spellarsi, prodursi un’escoriazione: me só speląt en ginö́c = mi sono sbucciato un ginocchio.

spelüfģt (spelüfģda-spelüfģdi) (CA) - agg. spettinato, con i capelli scompigliati / CH sperlüfģt.

spendasciłn - sm. (e agg.) spendaccione, prodigo, individuo facile a spendere e sperperare.

spént (mi spéndi, spendǜt) - tr. spendere.

sperlüfģt (sperlüfģda-sperlüfģdi) (CH) - agg. vedi spelüfģt (CA).

spért (spérta-spérti) (CA) - spčrt (spčrta- spčrti) (CH) - agg. (e s.) esperto, uomo di lunga esperienza.

spertłn - sm. grande esperto (solo in senso ironico).

1) spés (1: spésa-spési) (CA) - spčs (1: spčsa, spčsi) (CH) - 1. agg. fitto, denso, spesso, folto | l'č spčsa = č una situazione difficile e preoccupante. 2. avv. spesso, frequentemente | de spés = spesso.

2) spés - sm. siero coagulato che viene alla superficie dopo la bollitura; da esso si ricava la ricotta.

spésa (spési) - sf. spesa, somma spesa per l'acquisto di qualsiasi cosa (ma specialmente per generi alimentari): fa la spésa = fare la provvista quotidiana per la cucina | 'nda 'n di spési = andare incontro a forti spese | l'č püsé la spésa che l'imprésa = č maggiore la spesa dell’impresa = č un’azione svantaggiosa | és gió di spési = non gravare per il proprio mantenimento a carico d'altri | tö gió di spési = eliminare fisicamente, uccidere | a spésa sǜcia = senza alimenti (nel caso un tempo piuttosto raro in cui un lavorante a giornata non riceve gli alimenti dalla famiglia che lo assume).

spetącul (spetącui) - sm. spettacolo.

spetąsc - sm. sing. grande ammasso, grande quantitą.

spetasciąda (spetasciądi) - sf. come spetąsc.

spetegulą (mi spetéguli, speteguląt) - intr. spettegolare.

speténfi (speténfia-speténfi) (CH) - agg. arrogante, perfido.

spézi - sf. pl. spezie, droghe varie di cucina: i spézi per fa sü 'l ciłn = le spezie usate nella preparazione degli insaccati di maiale.

spģa (spģi) - sf. 1. spia, delatore. 2. spioncino.

spią (mi spģi, spiąt) - tr. spiare, osservare di nascosto || spią dré intr. (con lo stesso significato).

spiantąs (mi me spiąnti, spiantąt) - intr. pron. spiantarsi, andare in malora, ridursi in miseria - cfr. spiantąt.

spiantąt (spiantąda-spiantądi) - agg. (e sm.) ridotto in miseria, squattrinato, spiantato (p.p. di spiantąs).

spie (mi spiéghi, spiegąt) - tr. spiegare, chiarire un concetto, un'idea || spiegąs intr. pron.: spiéghet bén: cłme l'č stącia? = spiegati bene: come č andata?

spģga (spģghi) - sf. spiga (di ogni cereale): i spģghi de la séghel, del furmentłn, di türch, de la duméga = le spighe della segale, del grano saraceno, del granoturco, dell’orzo, ramą sü i spģghi = ripercorrere il campo dopo la mietitura per raccogliere tutte le spighe (cadute o rimaste sul terreno).

spignatą (mi spignąti, spignatąt) - intr. cucinare, darsi da fare ai fornelli.

spģgul (spģgui) - sm. spigolo, angolo: el spģgul del mür = lo spigolo del muro.

spigulą (mi spģguli, spiguląt) - tr. spigolare (uva, castagne o altro, non grano (cfr. spģga)): spigulą ǜga = andare nelle vigne a cercare qualche grappolino d'uva dopo la vendemmia, spigulą i castégni = andare per le selve altrui in cerca di castagne.

Per quanto riguarda le castagne, era lecito un tempo raccogliere su proprietą altrui dopo il 31 ottobre, mentre fino a quella data ciascuno doveva raccogliere le castagne esclusivamente nella selva di sua proprietą.

spģla (spģli) - sf. spilla.

spilņrciu (spilņrci, spilņrcia-spilņrci) (CH) - agg. (e s.) spilorcio, avaro, taccagno.

spģn - sm. spino, aculeo (di rovo, di rosaio o di robinia) | čs sü 'n di spin = essere in ansia, trepidare || spģn rubģn sm. pianta di robinia.

spģna (spģni) - sf. 1. come spin. 2. spina, piccola apertura o rubinetto nella botte, per spillare il vino (cfr. burłn); rubinetto per l’acqua. 3. spina, dispositivo che si inserisce nella presa della corrente.

spinąsc - sm. scardasso.

Č un attrezzo che veniva usato per la lavorazione di fibre varie, consistente in un'asse con alcuni chiodi al centro, variamente disposti, sui quali veniva passata la canapa o il lino per l'ultima ripulitura.

spinązi - sm. pl. spinaci (ortaggio).

spģret (CA) - spģrit (CH) - sm. 1. spirito, alcool usato come combustibile per certi fornelli. 2. fantasma, spirito etereo. 3. coraggio, spirito.

spiritłs (spiritłsa-spiritłsi) - agg. spiritoso, brioso, vivace, vispo, spassoso.

spiscinģ (mi spiscinģsi, spiscinģt) - tr. rimpicciolire, accorciare.

spiümą (mi spiǜmi, spiümąt) (CH) - tr. vedi s'ciümą (CA).

spiümascią (mi spiümąsci, spiümasciąt) (CH) - tr. vedi s'ciümascią (CA).

spiłn - sm. spione, delatore, che riferisce per recar danno a qualcuno.

1) spiuną (mi spiłni, spiunąt) - tr. spiare, guardare di nascosto.

2) spiuną (mi spiłni, spiunąt) (CH) - tr. vedi s'ciuną (CA).

spiunģn (CH) - sm. vedi s'ciunģn (CA).

spizié (CH) - sm. farmacista, speziale / CA spüzié.

spņia (spņi) (CA) - spö́ia (spö́i) (CH) - sf. scheggia di legno: el m'č 'ndac int 'na spņia en gh’en dit = mi si č infilata una scheggia in un polpastrello. 

1) spö́la (spö́li) - sf. assicella forata.

Piccolo arnese di legno duro con un foro e un’asola sagomata dove passa la fune, fissata con il ral, che serve per legare strettamente un carico di legna, di strame, di fieno o di segale sul carro agricolo.

2) spö́la (spö́li) - sf. individuo poco raccomandabile: ah, quél igliņ l'č 'na spö́la! = quel tipo č un poco di buono!

spónda (spóndi) (CA) - sf. sponda (del letto, del carro, del campo di bocce…), argine del fiume / CH spłnda.

spņrta (spņrti) - sf. sporta | en sach e ‘na spņrta = una grande quantitą.

spņtech (spņtega-spņteghi) - agg. libero da vincoli, da servitł, da ipoteche (riferito a terreni affrancati da ogni livello e a proprietą assoluta e incontrastata).

spreset (CA) - sm. 1. sproposito, grave errore, strafalcione (nel parlare). 2. quantitą enorme. / CH sprupņset.

spresłr - sm. spersola (attrezzo per la produzione del formaggio).

Č un’asse molto spessa, di forma approssimativamente circolare, su cui veniva posta, nella faséra, la pasta molle del formaggio perchč asciugando ed essiccando assumesse la forma tonda; il siero veniva a raccogliersi in un’apposita scanalatura ai bordi e gocciolava nel secchio sottostante (cfr. segótul).

sprģcul (sprģcui, sprģcula-sprģculi) - agg. vivace, intraprendente; vispo, assennato.

sprufundą (mi sprufóndi (CA) - mi sprufłndi (CH), sprufundąt) - intr. sprofondare (nel fango o in terreni acquitrinosi).

sprupņset (CH) - sm. vedi sprepóset (CA).

spǜda - sf. sing. saliva | mangią pan e spǜda = mangiare pane senza companatico | tacąt ensčma cun la spǜda = unito in modo precario.

spüdą (mi spǜdi, spüdąt) - intr. sputare: el spǜda adņs cłme 'n giüdé = sputa addosso alle persone come un giudeo.

spuléta (spuléti) (CA) - spulčta (spulčti) (CH) - sf. rocchetto di refe per cucire (cfr. carčl-2)).

spulverģn - sm. spolverino, impermeabile leggero.

spłnc (mi spłngi, spungiǜt) (CH) - tr. pungere: el m'ą spungiǜt 'na včspa = mi ha punto una vespa / (CA) spunsc.

spłnda (spłndi) (CH) - sf. vedi spónda (CA).

spungiǜda (spungiǜdi) - sf. puntura (d'insetto, di una spina o di qualsiasi oggetto acuminato).

spungiłn - sm. 1. pungiglione delle api e delle vespe. 2. oggetto acuminato e pungente. 3. cardo (Cirsium spinosissimum (L.) Scop.).

spłnsc (mi spłngi, spungiǜt) (CA) - tr. vedi spunc (CH).

spürgą (mi spǜrghi, spürgąt)  - tr. spurgare.

spłs - 1. sm. sposo, marito. 2. sm. pl. coppia di sposi | ‘nda a spus = partecipare alle nozze | de spus = nuziale.

spłsa (spłsi) - sf. sposa, moglie.

spusą (mi spłsi, spusąt) - tr. sposare, unire in matrimonio, prendere come marito o come moglie: la Terésa l'ą spusąt el Giuąn = Teresa ha sposato Giovanni | spusą 'l ciłn = mettere un ferretto sul grugno del maiale per impedirgli di rovistare dovunque in cerca di cibo (cfr. spusadł) || spusąs intr. pron. (e rifl. recip.) sposarsi, prender moglie o marito: el s'č spusąt a l'Andrģn = si č sposato anche Andrģn.

spusadł - sm. ferretto per il grugno del maiale.

Ricurvo e con due punte acute, si infilava nel grugno del maiale, che, per il grande dolore, grugniva e sanguinava a lungo.

spusalģzi - sm. sposalizio, nozze, cerimonia nuziale.

spustą (mi spņsti, spustąt) - tr. spostare, rimuovere, portare una cosa da un luogo ad un altro || spustąs rifl.

spǜza (spǜzi) - sf. puzza, puzzo, cattivo odore.

spüzą (mi spǜzi, spüząt) - intr. puzzare, emanare cattivo odore.

spüzčta (CH) - sm. / sf. persona che si dą arie, donzella vanitosa, giovincello galante e snob.

spüzié (CA) - sm. vedi spizié (CH).

spüzulént (spüzulénta-spüzulénti) - agg. puzzolente, maleodorante.

squąc - sm. spavento improvviso, grande paura.

1) squądra (squądri) - sf. squadra (strumento per il disegno) | čs en squądra = essere perpendicolare.

2) squądra (squądri) - sf. squadra (nei giochi, nel lavoro…); gruppo numeroso di persone.

squagiąs (mi me squągi, squagiąt) - intr. pron. spaventarsi improvvisamente, provare grande paura.

srarģ (mi srarģsi, srarģt) - tr. diradare, sfoltire: srarģ i türch = diradare (estirpandone alcuni) i piccoli germogli del granoturco.

stą (mi stó (CA) - mi stł (CH), stąc) - intr. 1. stare, rimanere | sta de ca a… = abitare a… | sta a la ląrga = non impicciarsi | stąsen fö = starsene fuori, estraniarsi | lagą sta = lasciar stare, non toccare, non molestare. 2. abitare: el mč zģu el sta a Miląn = mio zio abita a Milano || stą dré intr. 1. seguire senza farsi staccare ulteriormente. 2. corteggiare. 3. accudire || stą gió (CA) - gił (CH) intr. stare coricato || stą ‘ndré intr. 1. stare indietro, stare lontano, non esporsi. 2. limitarsi, non eccedere (ad esempio nel mangiare) || stą sǜ intr. 1. stare alzato, vegliare. 2. reggersi in piedi || stą vģa intr. stare lontano, essere assente: só stac vģa tri més de ca = sono stato lontano da casa tre mesi || stąch intr. partecipare: ghe stó a mi = ci sto anch'io, partecipo anch'io || stąch ģnt intr. non rimetterci: ghe só stac int apéna apéna 'n di spési = ho solo coperto le spese.

stabičl (stabiéi) - sm. stabbiolo, stalletta riservata al maiale (cfr. trés).

stabilģ (mi stabilģsi, stabilģt) - tr. 1. stabilire, decidere. 2. intonacare, dare la stabilitura || stabilģs rifl. stabilirsi, fissare la dimora in un luogo: el s'č stabilģt a Miląn = ha preso domicilio a Milano.

stabilidǜra (stabilidǜri) - sf. stabiltura, ultimo strato di intonaco.

stabiņt - sm. come stabičl.

stadéra (stadéri) - sf. stadera.

Bilancia costituita da un solo piatto o da un gancio dove viene posta la merce da pesare (un cesto, un sacco di grano, una gerla d'uva) e da un'asta graduata sulla quale scorre il romano, el punsé, per stabilire il bilico e quindi il peso.

stągia (stągi) - sf. stadia, asta graduata;  staggio, asta diritta e ben levigata; —› persona di alta statura.

Di legno o di al­luminio, i suoi usi pił frequenti si riscontrano nell’ambito dell’edilizia per stabilire piani orizzontali o verticali o per creare un piano stendendo malta o intonaco.

stagiłn - sf. stagione | stagiłn mņrta = periodo dell'anno in cui non fervo­no attivitą di lavoro | fa la stagiłn = svolgere lavori stagionali lontano da casa.

stagiuną (mi stagiłni, stagiunąt) - intr. stagionare (riferito a for­maggi, salumi, o legno).

stagiunadǜra (stagiunadǜri) - sf. stagionatura, il tempo e il modo in cui un prodotto viene stagionato.

1) stągn - sm. sing. stagno (metallo).

2) stągn - sm. stagno, acquitrino.

3) stągn (stągna-stągni) - agg. 1. consistente, sodo. 2. stagno, a tenuta d’acqua perfet­ta (riferito a recipienti o a tubi).

4) stągn - solo nell’espressione a stagn =  forte, a voce alta: parlą a stagn = parlare a voce alta, el ciö́f a stagn = piove a dirotto.

stagną (mi stągni, stagnąt) - tr. stagnare, riparare, otturare con lo stagno piccole fessure prodottesi in qualche recipiente o in un tubo.

stagnąda (stagnądi) - sf. 1. lavorazione fatta a stagno. 2. beffa, inganno, azione che reca danno: n'ł ciapąt 'na stagnąda = ne ho avuto un bel danno.

stagnģn - sm. stagnaio, artigiano esperto nell'uso dello stagno (cfr. parulé).

stąla (stąli) - sf. stalla || dim. stalét (CA) - stalčt (CH) sm.

Vano della casa rurale dove trovano riparo mucche, capre, pecore; nel contesto della vita agricola del passato la stalla era un luogo importante tanto che era addirittura adibita a luogo di ritrovo per le veglie serali nella stagione invernale (cfr. filógna).

stambčrga (stambčrghi) - sf. stamberga, topaia, catapecchia.

stąmp - sm. 1. stampo / dim. stampģn.

Uno stampo caratteristico č quello, in legno, che dą forma al panetto di burro.

2. punta di ac­ciaio per forare rocce o massi da minare.

stampą (mi stąmpi, stampąt) - tr. stampare (in tipografia) | el pąrla cłme 'n lģbru stampąt = parla come uno che sa tante cose e le esprime bene (anche ironico).

stampčla (stampčli) - sf. stampella, gruccia.

stąnga (stąnghi) - sf. 1. stanga del carro (spesso al plurale) a cui veniva aggiogato l'animale da tiro. 2. puntello all'in­terno delle porte per rafforzarne la chiusura; —› persona alta, snella e ben fatta.

stangą (mi stąnghi, stangąt) - tr. sistemare una stanga all'interno di una porta per garantirne la chiusura.

stangąda (stangądi) - sf. 1. stangata, colpo di stanga o di bastone: te dó 'na stangąda = ti bastono. 2. grave perdita finanziaria; solenne bocciatura.

stąnsa (stąnsi) (CH) - sf. camera da letto / CA cąmbra.

stantą (mi stąnti, stantąt) - intr. 1. stentare, riuscire a malapena. 2. es­sere contrario a fare qualcosa: el stanterą a vi­gnģ 'nsem a nün = difficilmente verrą con noi.

stantģf (stantģva-stantģvi) - agg. stantio, rancido, agro.

starnüdģ (mi starnüdģsi, starnüdģt) - intr. starnutire.

starnǜt - sm. starnuto.

stątu (stąti) - sm. stato, situazione: en de stu stątu = in questo (cattivo) stato.

stątua (stątui) - sf. statua: i stątui de la gésa = le statue dei santi in chiesa, la stątua de la Madņna = la statua della Madonna.

staziłn - sf. stazione ferroviaria.

sté - sm. staio.

Contenitore per granaglia e misura specifica  che corrisponde a 8 kg.

stčca (stčchi) - sf. 1. stecca, asticella di legno. 2. stecca di sigarette.

stecąda (stecądi) - sf. colpo di stecca, steccata.

stéch (CA) - stčch (CH) - sm. 1. stecco. 2. piccolo chiodo in legno usato per fissare la suola alla tomaia. 3. stuzzicadenti || dim. stechģn.

stechčta - solo nell'espressione a ste­chčta = sotto controllo: tegnģ a stechčta = controllare che non si abusi (nel bere o nel mangiare o nel concedersi qualche altra licenza).

stechģ (mi stechģsi, stechģt) - tr. stecchire, uccidere - cfr. stechģt.

stechģt (stechģda-stechģdi) - agg. morto stecchito: l’č restąt lģ stechģt = č morto sul colpo (p.p. di stechģ).

1) stčla (stčli) - sf. stella, astro.

2) stčla (stčli) - sf. ciocco, pezzo di legna da ardere (ottenu­to per fenditura di un tronchetto).

ste (mi stčli, steląt) - tr. rompere, fen­dendolo con la scure, un ceppo, un tronchetto di legno || stelą sǜ tr. (con lo stesso significato): stelą sü 'n burčl = fare a pezzi un tronchetto.

stemąna (stemąni) - sf. come setimąna.

stént (mi sténdi, stendǜt) - tr. stendere | stént el sulésc = stendere una certa quantitą di grano per farlo essiccare.

stentą (mi sténti, stentąt) - intr. come stantą.

stérla (stérli) (CA) - stčrla (stčrli) (CH) - agg. (solo al femminile) sterile, infe­conda, non gravida (riferito per lo pił alle mucche).

sternüdģ (mi sternüdģsi, sternüdģt) - intr. come starnüdģ.

sternǜt - sm. come starnǜt.

stčrs - sm. sterzo, volante dell'automobile.

stersą (mi stčrsi, stersąt) - intr. sterzare, fare una curva mano­vrando il volante.

stés (stésa-stési) (CA) - stčs (stčsa-stčsi) (CH) - 1. agg. dimostr. stesso, medesimo, uguale, simile: a la stésa manéra = allo stesso modo. 2. pron. dimostr. stesso: l’č la stčsa de iér = č la stessa di ieri.

stiletąda (stiletądi) - sf. stilettata.

stģm - solo nell’espressione a stim = a occhio, approssimativa­mente, senza una misurazione precisa.

stģma (stģmi) - sf. 1. stima, rispetto. 2. perizia,  valutazione di un perito.

stimą (mi stģmi, stimąt) - tr. 1. stimare, apprezzare, rispettare. 2. va­lutare || stimąs rifl. stimarsi, vantarsi, pavo­neggiarsi.

stģnca (stģnchi) - sf. ubriacatura.

stincą (mi stģnchi, stincąt) - tr. uccidere, ammazzare || stincą fö́ tr. (con lo stesso significato) || stincąs intr. pron. ubriacarsi.

1) stģnch (stģnca-stģnchi) - agg. 1. rigido, irrigidito, impalato: gąmba stģnca = gamba che non si piega al gi­nocchio. 2. ubriaco fradicio || superl. stģnch stin­chéntu.

2) stģnch - sm. stinco, tibia.

stirą (mi stģri, stirąt) - tr. stirare i panni.

stivąl (stivąi) - sm. stivale (pił frequente al plurale).

stņch (stņca-stņchi) - agg. robusto, forte, solido, sodo.

stómech (CA) - sm. 1. stomaco: mal de stómech = mal di stomaco | sta sül stómech = stare sullo stomaco (di cibo che rimane indigesto o di persona fortemente antipatica) | véch el pél sül stómech = essere energico e non aver scrupoli | che stómech! = che coraggio! 2. seno, petto / CH stłmech.

stóp (stópa-stópi) (CA) - agg. 1. chiuso, ostruito, otturato: en tǜbu stóp = un tubo otturato. 2. pieno completamente, colmo, affollato: la gésa l'éra stópa = la chiesa era piena di gente / CH stup.

stņrc (mi stņrgi, sturgiǜt) (CH) - tr. torcere, contorcere: stņrc en salescģn per fa int i umbrąi = torcere un ramo di salice per fare gli spallacci (ad una gerla) || stņrges rifl. torcersi, contorcersi per il male, per una risata smodata / CA stórsc.

stņria (stņri) - sf. 1. storia, il tempo passato: en ghe la stņria el n’č capitąt tąnti de rņbi = lungo i secoli ne sono capitate tante. 2. sto­ria, racconto, favola: cüntą sü stņri ài s’cčt = raccon­tare fiabe ai bambini. 3. frottola, fandonia: cǜnta mģga sü stņri = non contar frottole | fa stņri = tergiversare, essere indeciso, cercare di sottrarsi a qualche impegno o dovere.

stórsc (mi stórgi, sturgiǜt) (CA) - tr. come stņrc (CH).

stórt (stórta-stórti) (CA) - stņrt (stņrta-stņrti) (CH) - agg. storto, piegato, curvo.

stórta (stórti) (CA) - stņrta (stņrti) (CH) - sf. storta, distor­sio­ne: ł ciapąt gił 'na stórta = ho preso una distorsione.

stortacņl - sm. torcicollo.

stracą (mi strąchi, stracąt) - tr. 1. stancare, affaticare: stu laurą 'l me strąca trņp = questo impegno mi affatica troppo. 2. annoiare, molestare, stufare: dąi, strącum mģga cun sti resunǜsci = dai, non seccarmi con questi ragionamenti puerili e futili || stracąs intr. pron.

strąch (strąca-strąchi) - agg. stanco, affaticato | strach mņrt = stanchissimo.

strachéza - sf. sing. stanchezza, stato di eccessivo affaticamento.

strachģgia - sf. sing. raro per strachéza: gh’ł adņs 'na strachģgia che… = sento adosso una tale stanchezza che...

strachģn - sm. gorgonzola.

strąda (strądi) - sf. strada, via | fa strąda = 1. far carriera. 2. precedere qualcuno per indicargli la via || dim. stradģna || accr. stradłn sm.

Lo stradłn per antonomasia era la strada statale di fondo valle: el stradłn del guvčrnu.

stradģn - sm. stradino, cantoniere, operaio ad­detto alla manutenzione delle strade.

strafüsąri - sm. come strefüsąri.

strafutént (strafuténta-strafuténti) - agg. strafottente, arrogante, pro­vocatorio.

stramberģa (stramberģi) - sf. stramberia, bizzarria, strava­ganza: fa mģga stramberģi = non comportarti in modo bizzarro.

strąmbu (strąmbi, strąmba-strąmbi) - agg. strambo, strano, originale nel comportamento, bizzarro, stravagante.

stramezą (mi stramčzi, strameząt) - tr. realizzare una parete divisoria in un locale per ottenere due vani.

stramǜsc - sm. panno logoro e sgualcito; —› individuo miserello e tapino: en pņr stramǜsc = un meschinello.

stramüscģ (mi stramüscģsi, stramüscģt) - tr. come stramüscią - cfr. stramüscģt.

stramüscią (mi stramǜsci, stramüsciąt) - tr. stropicciare, sgualcire, spie­gazzare - cfr. stramüsciąt.

stramüsciąt (stramüsciąda-stramüsciądi) - agg. sgualcito, stropicciato, malridotto, non stirato (p.p. di stramüscią).

stramüscģt (stramüscģda-stramüscģdi) - agg. come stramüsciąt (p.p. di stramüscģ).

strangulą (mi strąnguli, stranguląt) - tr. strangolare, strozzare.

straparlą (mi strapąrli, straparląt) - intr. vaneggiare, delirare, sprolo­quiare.

strapąz - sm. come strepąz.

strapazą (mi strapązi, strapaząt) - tr. come strepazą.

strapaząt (strapaząda-strapaządi) - agg. come strepaząt.

strapiłmp - sm. 1. strapiombo. 2. precipizio, bur­rone con inclinazione oltre la verticale | a strapiłmp = strapiombante.

strąsc - sm. 1. straccio, cencio, strofinaccio. 2. (CA) vestito: i strasc di fčsti = gli abiti buoni della festa. 3. (CH) vestito di poco valore.

strascé - sm. straccivendolo: el vłsa cłme 'n strascé = urla come uno straccivendolo.

strascią (mi strąsci, strasciąt) - tr. rompere; stracciare (riferito principalmente a carta) || strascią fö́ tr. (con lo stesso significato): strascią fö 'n fö́i del quadčrnu = stracciare un foglio dal quaderno || strascią sǜ tr. (con lo stesso significato): strascią sü tüt = stracciare tutto - cfr. strasciąt.

strasciąt (strasciąda-strasciądi) - agg. stracciato (nei vestiti), lacero (p.p. di strascią).

strasciłn - sm. straccione, pezzente, persona male in arnese.

strasģt (strasģda-strasģdi) - agg. secco.

stratémp - sm. temporale improvviso, tempo che si mette repentinamente al brutto.

stravacą (mi stravąchi, stravacąt) - tr. rovesciare, capovolgere, ribal­tare || stravacąs rifl. sdraiarsi, sedersi, stendersi in posizione scomposta.

stravedé (mi stravédi, stravģst/stravedǜt) - intr. stravedere | el fa stravedé = fa cose straordinarie.

stravčrgul (stravčrgui, stravčrgula-stravčrguli)  - agg. asimmetrico, irregolare, storto; —› persona stravagante, squilibrata, originale, inaffidabile.

stravergulą (mi stravčrguli, straverguląt) - tr. mettere fuori posto, scomporre; far innervosire eccessi­vamente, impressionare - cfr. straverguląt.

straverguląt (straverguląda-stravergulądi) - agg. sconvolto, forte­mente impressionato (p.p. di stravergulą).

strede (mi stredéni, stredenąt) - tr. disperdere qua e lą: el n'ą stre­denąt departǜt = ne ha lasciati in giro dappertutto.

streficą (mi strefģchi, streficąt) - intr. insistere in una affermazione, giurare.

strefursģn - sm. spago, legaccio.

strefüsąri - sm. persona confusionaria e in­concludente.

strefutént (strefuténta-strefuténti) - agg. come strafutént.

stresģ (mi stresģsi, stresģt) - intr. luccicare, risplendere.

streme (mi streméni, stremenąt) - tr. scuotere, scrollare.

stremenąda (stremenądi) - sf. scrollone, scossone; strapaz­zata: ghe n'ł dac 'na stremenąda = l’ho ripreso aspramente.

stre (mi stremģsi, stremģt) (CH) - tr. spaventare, impaurire, incu­tere paura e spavento || stremģs intr. pron.  - cfr. stremģt / CA strimģ.

stremģda (stremģdi) (CH) - sf. spavento, grande paura: ł ciapąt 'na stremģda che quąsi du gił 'ndré = mi sono tanto spaventato che quasi cado per terra / CA strimģda.

A Chiuro č toponimo e indica l’attuale vicolo Rizzo: a la Stremģda.

stremģt (stremģda-stremģdi) (CH) - agg. spaventato, in preda a grande spavento; timido, intimidito (p.p. di stremģ) / CA strimģt.

stremģzi (CH) - sm. spavento / CA strimģzi.

1) strénc (stréncia-strénci) (CH) - agg. 1. stretto, ristretto. 2. avaro / CA strénsc.

A Chiuro č detta la Stréncia una viuzza strettissima del centro storico che collega largo Curzio e via Torre.

2) strénc (mi stréngi, strengiǜt) - tr. 1. stringere, legare ben stretto (per esempio il fieno sul carro). 2. stringere, rendere pił stretto (riferito a un vestito) || strénges intr. pron. 1. stringersi (per oc­cupare poco posto). 2. restringersi / CA strénsc.

strengiǜda (strengiǜdi) - sf. stretta, abbraccio forte: 'na strengiǜda de man = una stretta di mano, da 'na bčla strengiǜda = stringere forte.

1) strénsc (strénscia-strénsci) (CA) - agg. vedi strénc-1) (CH).

2) strénsc (mi stréngi, strengiǜt) (CA) - tr. vedi strénc-2) (CH).

1) strép (strépa-strépi) (CA) - strčp (strčpa-strčpi) (CH) - agg. divelto; —› squattrinato.

2) strép (CA) - strčp (CH) - sm. strappo, stiramento; strattone: ciapą 'n strép en ghe la schéna = prendere uno stiramento alla schiena.

stre (mi strčpi, strepąt) - tr. strappare, schiantare, divellere, sradicare, estirpare || strépa fö́ tr. (con lo stesso significato): strepą fö l'črba de l'ņrt = sradicare le erbacce dall’orto ||  strepąs intr. pron. rovinarsi (in senso economico): el s’č mģga strepąt = non si č rovinato (detto ironicamente ad uno che si č dimostrato avaro) - cfr. strepąt.

strepąt (strepąda-strepądi) - agg. spiantato, rovinato economicamente (p.p. di strepą).

strepąz - sm. strapazzo, faticaccia, logorio fisi­co eccessivo.

strepazą (mi strepązi, strepaząt) - tr. strapazzare, sciupare, non utiliz­zare bene ||  strepaząs rifl. strapazzarsi, affaticarsi troppo e in modo dannoso - cfr. strepaząt.

strepaząt (strepaząda-strepaządi) - agg. non ben utilizzato, sciupato: quąnta rņba strepaząda! = quanto spreco! (p.p. di strepazą).

strepenént (strepenénta-strepenénti) - agg. spettinato, scarmigliato.

strépet (CA) - strčpet (CH) - sm. solo nell'espressione strčpet de gņmet = conato di vomito.

strepurtą (mi strepórti (CA) - mi strepņrti (CH), strepurtąt) - intr. proloun­gare il tempo della gravidanza sulla data pre­sunta (riferito alle mucche): l'éva de fa ài sés de nuvémbri, 'nvéci l'ą fac ài desdņt; l'ą strepurtąt dódes di = doveva partorire il sei novembre, invece ha partorito il diciotto: ha ritardato dodici giorni.

stretémp - sm. come stratémp.

strią (mi strģi, striąt) - tr. stregare, ammaliare.

strģa (strģi) - sf. strega | vedé la strģa = vedersela brutta, correre un grosso rischio.

strimģ (mi strimģsi, strimģt) (CA) - tr. vedi stremģ (CH).

strimģda (strimģdi) (CA) - sf. vedi stremģda (CH).

strimģt (strimģda-strimģdi) (CA) - agg. vedi stremģt (CH).

strimģzi (CA) - sm. vedi stremģzi (CH).

strģnga (strģnghi) - sf. stringa, legaccio delle scarpe.

striłn - sm. stregone, indovino | u te sé sant u te sé striłn = o sei santo o sei stregone (detto a chi indovina o prevede esattamente un fatto importante).

strņlech - sm. zingaro.

strņlega (strņleghi) - sf. 1. zingara. 2. donna di facili costumi e girovaga | ‘nda en strņlega = girovagare alla ricerca di divertimenti.

strņpa (strņpi) - sf. ritorta | fa strņpi = stiracchiarsi, dimenarsi, sgranchirsi le mem­bra.

Verga flessibile e ritorta di betulla, di castagno, di nocciolo o di salice che viene usata per fare gli spallacci di gerle e campąsc e per legare fascine di legna.

strņz - sm. voce del gioco di briscola.

Si fa strņz quando una carta di valore superiore permette di vincere una carta di valore inferiore dello stesso seme.

strücą (mi strǜchi, strücąt) - tr. strizzare, comprimere, stringere forte con le mani (per esempio un panno lava­to).

strugģ (mi strugģsi, strugģt) - intr. fare scoregge.

strugiłn - sm. scoreggia.

strule (mi strņleghi, strulegąt) - intr. 1. almanaccare, tentare di preve­dere il futuro, pronosticare. 2. influire negati­vamente, diffondere il malocchio.

strume (mi struméni, strumenąt) - tr. 1. disperdere in terra qua e lą (sin. stredeną). 2. agitare, scrollare, malme­nare qualcuno.

strümént - sm. strumento musicale.

strǜsa (strǜsi) - sf. bavella, seta di cascame tinta di nero e un po’ lucida.

strüsą (mi strǜsi, strüsąt) - tr. strofinare || strüsą ģnt tr. e intr. sfiorare, rasentare consapevol­mente o inconsciamente qualcuno o qualcosa: strüsą int en ghe 'l mür = strisciare contro il muro || strüsąs ģnt rifl. strofinarsi, sfregarsi: el gat el se strǜsa int depertǜt = il gatto si strofina dappertutto || strüsą sǜ tr. e intr. 1. strofinare forte per pulire: strüsą sü 'l pavimént = pulire il pavimento. 2.  smuovere il letame.

Il contadino passa sui prati concimati con l'erpice o con un semplice rastrello per muovere il letame perchč venga sfruttato pienamente; questo lavoro precede di poco el mundą i pra, cioč il ripulire i prati dei resti del letame.

strüsłn (CH) - sm. individuo strisciante, mellifluo.

struzą (mi strņzi, struząt) - tr. 1. strozzare, strangolare, tirare il collo. 2. effettuare una particolare giocata a brisco­la (cfr. strņz) || struząs 1. rifl. strozzarsi, impiccarsi. 2. intr. pron. soffocarsi (per un boccone).

struzģn - sm. strozzino, usuraio.

stł (stģ, stą-stģ) - agg. dimostr. questo: stu s'cčt = questo ragazzo, sta ­ca = questa casa.

stǜa (stǜi) - sf. 1. stufa, mezzo di riscaldamento a legna o carbone (sin. pģgna). 2. locale rivestito di legno.

In particolare č un ambiente di soggiorno, usato per lo pił in inverno, che ha le pareti rivestite in legno (nelle case signorili artisticamente lavorato) e al cui interno trova collocazione una grossa stufa.

stüą - sm. stufato, brasato, stracotto | mét gió stüą = dare eccessiva importanza ad una cosa; assumere atteggiamenti inopportuni.

stücą (mi stǜchi stücąt) - tr. stuccare, coprire con lo stucco una falla nel muro o nel legno.

stǜch - sm. stucco | restą de stüch = rimanere forte­mente sorpresi e meravigliati.

stǜdi - sm. studio, impegno | che stǜdi! = che grande applicazione e intelligenza ci vuole! (sempre ironico).

stüdią (mi stǜdi, stüdiąt) - tr. studiare; escogitare, pensare: stüdią la leziłn = studiare la lezione, stüdią 'l mņdu de...= escogitare il modo di… | stüdią de prét = studiare per diventare prete.

stǜf (stǜfa-stǜfi) - agg. stufo, stanco, annoiato | stüf marsc = estenuato.

stüfą (mi stǜfi, stufąt) - tr. stancare, stufare, annoiare, in­fastidire, molestare: se ‘l stǜfa! = quanto č seccante! || stüfąs intr. pron. annoiarsi, stancarsi: ł vardąt en pu e pö me su stüfąt = ho guardato per un po’, poi ne ho avuto abbastanza.

stüfģ (mi stüfģsi, stüfģt) - tr. come stüfą.

stüfģda (stüfģdi) - sf. noia, fastidio, tedio: ciapąn 'na stüfģda = giungere ad una noia mortale.

stłmech (CH) - sm. vedi stómech (CA).

stume (mi stuméghi, stumegąt) - tr. stomacare, disgustare, nauseare; infastidire fortemente.

stuną (mi stłni, stunąt) - intr. stonare (nel canto).

stunadǜra (stunadǜri) - sf. stonatura.

stuntuną (mi stuntłni, stuntunąt) - intr. battere, creare un rumore ritmato: stuntuną la pòrta = tentare di apire una porta chiusa (senza riuscirvi e facendo rumore).

stłp (stłpa-stłpi) (CH) - agg. come stóp (CA).

stłpa - sf. sing. stoppa (usata dagli idraulici come guarnizione).

stupą (mi stłpi, stupąt) - tr. ostruire, tappare, turare, chiudere un'apertura o un foro | stupą la bóca = mettere a tacere.

stupąda (stupądi) - sf. impacco contro slogature.

Fatta con stoppa imbevu­ta di albume di uovo con allume di rocca, una volta veniva usata dal cunsciaņs per gua­rire di­storsioni e slogature; si metteva anche sulla guancia contro il mal di denti.

stüpedąda (stupedądi) - sf. 1. stupidata, stupi­dag­gine: fa stüpedądi = trastullarsi con azioni da sciocco. 2. cosa insi­gni­ficante e facile da eseguire. 3. inezia, pic­cola quantitą: el cłsta 'na stüpidąda = costa pochissimo.

stǜpet (stǜpeda-stǜpedi) - agg. (e s.) stupido, sciocco, scemo, cretino.

stüpidąda (stüpidądi) - sf. come stüpedąda.

stüpidéra - sf. sing. stupiditą: l'etą de la stüpidéra = l'adolescenza (scherzosamente).

stupģn - sm. stoppino, lucignolo.

sturbulą (mi stłrbuli, sturbuląt) - tr. 1. intorbidire. 2. disturbare, dare noia, sconvolgere: el m’ą prņpi sturbuląt = mi ha proprio turbato.

sturgiǜda (sturgiǜdi) - sf. torsione, contorci­mento, strizzata.

sturnčl (sturnéi) - sm. storno (uccello dei passeracei) | t’é mangiąt sturnéi? = hai mangiato storni? (rivolto scherzosamente a chi non sente o non vuol sentire - cfr. stłrnu).

sturnģ (mi sturnģsi, sturnģt) - tr. assordare, stordire, infastidire con ec­cessivo rumore.

stłrnu (stłrni, stłrna-stłrni) - agg. sordo, debole d’udito.

sturtą (mi stórti (CA) - mi stņrti (CH), sturtąt) - tr. stortare, incurvare: sturtą 'n fčr = piegare una verga di ferro || sturtąs intr. pron. stortarsi, incurvarsi, defor­mar­si; distorcersi: stu légn el s’č sturtąt tüt = questo pezzo di legno si č deformato, me só sturtąt en brasc = mi  sono distorto un braccio.

sturtąsc - sm. piccola focaccia || dim.  sturtascģn.

Fatto con i rimasugli della pasta rimasti sulle pareti o sul fondo della madia o sull'asse del pane; in ge­nere poco lievitato e poco cotto.

sturtignącul (sturtignącui) - sm. (e agg.) oggetto contorto, piegato; —› persona deforme.

stłsc (stłscia-stłsci) (CH) - agg. sporco, sudicio (sin. brłdech).

stuscią (mi stłsci, stusciąt) (CH) - tr. sporcare.

stusciłn (CH) - sm. (e agg.) sporcaccione, sbrodolone.

- prep. e avv. su | en sü = in su, in alto, verso nord | el gh’en sta pü sü = non si puņ andare oltre, non puņ essere meglio di cosģ (sempre ironico).

sǜbet - avv. subito.

sǜc (1: sǜcia-sǜci) - 1. agg. asciutto, arido | 'na vąca sǜcia = una mucca che non dą latte; —› taciturno, di poche parole, poco espansivo.  2. sm. siccitą, stato di ariditą della campagna per scarsitą di pioggia: i pra i ą patģt el süc = i prati hanno sofferto la siccitą.

sücét (el sücét, sücčs/sücedǜt) - intr. succedere, accadere, capitare, av­ve­nire: encö́ di el sucét de tüt = al giorno d’oggi capita di tutto.

südą (mi sǜdi, südąt) - intr. sudare; faticare molto per lavoro ec­cessivo.

südąda (südądi) - sf. sudata, grande fatica: ł fac 'na südą­da, ma ghe su rüąt = ho fatto molta fati­ca, ma ci sono riuscito.

südadģsc - sm. sudaticcio, umidore che resta sul corpo per aver sudato molto.

südiziłn - sf. soggezione, eccessivo senso di ti­midezza.

südłr - sm. sudore.

süčl - sm. sing. linfa dei vegetali: d'envéren i ciąnti i gh’ą mģga 'l süčl = d’inverno gli alberi non hanno linfa.

énda (süéndi) - sf. 1. alternanza, reciproco aiuto tra fa­miglie contadine: fa süénda = associarsi. 2. calata di le­gname da vallette e valgéi.

sufe (mi suféghi, sufegąt) (CA) - tr. e intr.  soffocare: stu füm el me suféga = questo fumo mi soffoca; —› opprimere: te me suféghet! = mi opprimi! / CH sufugą.

sufģstech (sufģstega-sufģsteghi) - agg. cavilloso, pedante, inconten­tabi­le, mai soddisfatto.

sufugą (mi sņfughi, sufugąt) (CH) - tr. e intr.  vedi sufegą (CA).

sugąt - sm. sing. ceppi di legno duro e ben stagio­nato che vengono messi nel torchio sopra le vi­nacce da schiacciare.

słgn (CH) - sm. vedi sógn (CA).

sugürčl (sugüréi) - sm. come sigürčl.

sugüreląda (sugürelądi) - sf. come sigüreląda.

1) słl (słi) - sm. sole, astro del cielo; el sul el pìca gió = il sole dardeggia, fa sentire fortemente il suo calore | 'nda gió cul sul = vivere ma­gra­mente, alla giornata senza debiti né crediti.

3) sül - prep. sul: sül stłmech = sullo stomaco, sül quądru = circa quadrato.

sulą (mi sö́li, suląt) - tr. come resulą.

suladǜra (suladǜri) - sf. suolatura, risuolatura di scarpe.

suląna - sf. sing. 1. scollamento dei vari anelli annuali di un tronco.

Questo grosso inconveniente, che si verifica specie nel ca­sta­gno e si scopre solo a pianta abbattuta, annulla il valore commerciale del le­gname; il tronco sulanąt serve allora solo come le­gna o per far pali della vigna, ma non assi da falegnameria.

2. solanina, so­stanza tossica che si forma nella patata se affio­ra dal terreno ed č esposta al sole.

sulanąt (sulanąda-sulanądi) - agg. colpito da suląna: patąti sulanądi = patate verdi in superficie, dove sono state esposte al sole.

suląs - sm. salasso, prelievo di sangue.

sulasą (mi suląsi, sulasąt) - tr. salassare, cavar sangue; spillar molto denaro, far pagare oltre ogni misura un articolo di commercio.

sulasąda (sulasądi) - sf. salasso; grossa perdita, salassatura: ł ciapąt 'na sulasąda = ho pagato esagera­tamente un og­getto comperato.

suldą - sm. soldato: 'nda suldą = andare soldato.

sulé - sm. solaio, soffitta (sin. spazacą).

sulénch - sm. sing. malinconia, nostalgia, senso di tristezza (specie di chi č solo in montagna).

sulésc - sm. grano steso sull'aia ad es­siccare (sopra un pélorsc): mét fö 'l sulésc = stendere il grano ad essiccare.

suléta (suléti) (CA) - sulčta (sulčti) (CH) - sf. 1. soletta, sottopiede in una scarpa o in una calza. 2. soletta, elemento in calcestruzzo armato per dividere i vari piani di un edificio.

sulģf (sulģva-sulģvi) - agg. solivo, aprico, ben esposto al sole: Castiłn e Punt i č sü la spón­da sulģva = Castionetto e Ponte sono sul versante solatio.

sultą (mi sólti (CA) - mi sņlti (CH), sultąt) - 1. intr. saltare, spiccare un salto | sultą adņs = aggredire | sultą 'n di öc = ribellarsi aggredendo con minacce e im­precazioni | sultą per ąria = 1. esplodere, scop­piare. 2. sobbalzare per il dolore o la paura. 2. tr. tralasciare, omettere (per esempio un turno, un'incombenza). 3. intr. guastarsi, bloccarsi (riferito a componente di impianto elettrico): l'č sultąt el lampidģn = si č rotta la lampadina || sultą fö́ intr. uscire, comparire improvvisamente || sultą sǜ intr. salire, montare: sņlta sü en de la mąchina = sali in macchina || sultą gió (CA) - gił (CH) intr. scendere precipitosamente, saltare verso il basso: sultą gił d'en mür = saltare gił da un muro || sultą vģa intr. volare via, schizzare, staccarsi: el m’č sultąt vģa en butłn = mi č caduto un bottone.

słm (CH) - sm. sing. vedi som (CA).

sumartģn (CA) - sm. come samartģn.

sumele (el sumčlega, sumelegąt) (CA) - intr. lampeggiare (prima del temporale).

suménsa (suménsi) - sf. seme, semente | l'č vignģt fö gna la suménsa = non ho ricavato nemmeno tanto quanto la semente (detto dal con­tadino che lamenta un raccolto molto scarso).

sumną (mi słmni, sumnąt) - tr. seminare: sumną la séghel = seminare la segale.

suną (mi słni, sunąt) - 1. tr. suonare (uno strumento, un campanello…). 2. intr. suonare, emettere suono, rintoccare: el słna la tčrsa de mčsa = suona il terzo richiamo per la messa || sunąli tr. dar botte.

sunąda (sunądi) - sf. 1. suonata: fa sü ‘na sunąda = eseguire un pezzo musicale. 2. danno, imbroglio, bastonatura: n'ł cia­pąt 'na sunąda = ho subito un grosso danno.

sunadł - sm. suonatore | błna nņc su­nadł = buona notte ai suonatori = una vicenda (o una con­troversia) si č definitivamente conclusa.

słngia (CH) - sf. sing. vedi sóngia (CA).

suņra (suņri) - sf. suora (sin. mónega).

sǜpa (sǜpi) - sf. 1. zuppa, pane intinto in brodo. 2. noia, attesa noiosa, seccatura: el me n'ą dac 'na sǜpa = mi ha molto annoiato.

suprąs (CA) - sm. ferro da stiro / CH suprčs.

Oggi č un elettrodomestico complesso e so­fi­sti­cato, ma nel passato era un semplice con­tenitore in ghisa, pieno di brace, che emanava calore.

suprasą (mi suprąsi, suprasąt) (CA) - tr. stirare / CH supresą.

suprasąda (suprasądi) (CA) - sf. 1. stiratura, lungo lavoro col ferro da stiro: ł fac 'na suprasąda de dó łri = ho stirato per due ore. 2. grave perdita, grave danno; bastonatura / CH supresąda.

suprčs (CH) - sm. vedi suprąs (CA).

supre (mi suprčsi, supresąt) (CH) - tr. vedi suprasą (CA).

supresąda (supresądi) (CH) - sf. vedi suprasąda (CA).

słra - avv. e prep. sopra | de słra = di sopra.

surą (mi sņri, surąt) - intr. 1. intiepidirsi, perdere il calore con evapora­zione, raffreddarsi: lagą surą 'l bröt = lasciare intiepidire il brodo. 2. riposare brevemente.

surčla (surčli) - sf. sorella.

surfanąt (surfanąda-surfanądi) - agg. esausto, esaurito, sfinito, affannato.

surģt (surģda-surģdi) - agg. avvilito, depresso, moralmente stan­co e abbattuto.

słrt (słrda-słrdi) (CH) - agg. vedi sórt-2) (CA).

survegnłt - sm. forestiero, immigrato.

suspés (suspésa-suspési) - agg. 1. sospeso. 2. soffice.

suspirą (mi suspģri, suspirąt) - intr. sospirare.

sustagną (mi sustągni, sustagnąt) - tr. come stagną.

sustegnģ (mi sustégni, sustegnǜt) (CH) - tr. 1. sostenere, reggere. 2. affermare con forza e convinzione - cfr. sustegnǜt / CA sustignģ.

sustegnǜt (sustegnǜda-sustegnǜdi) (CH) - agg. sostenuto, riservato, che sta sulle sue (p.p. di sustegnģ) / CA sustignǜt.

sustignģ (mi sustégni, sustignǜt) (CA) - tr. vedi sustegnģ (CH) - cfr. sustignǜt.

sustignǜt (sustignǜda-sustignǜdi) (CA) - agg. vedi sustegnǜt (CH) (p. p. di sustignģ).

słt (CH) - avv. e prep. vedi sót (CA).

słta (CH) - avv. e prep. vedi sóta (CA).

sutančla (sutančli) - sf. come sutanģn.

sutanģn - sm. sottoveste.

sutałs (CH) - avv. vedi sotałs (CA).

sutciąf (CH) - avv. vedi sotciąf (CA).

sute (mi sutčri, suterąt) - tr. sotterrare, seppellire.

sutgąmba (CH) - avv. vedi sotgąmba (CA).

sutģl (sutģi, sutģla-sutģli) - agg. sottile, esile.

sutmąn (CH) - avv. vedi sotmąn (CA).

sutpedąni (CH) - sf. pl. scendiletto.

sutsłra (CH) - avv. vedi sotsłra (CA).

sütłrnu (sütłrni, sütłrna-sütłrni) - agg. cupo, tetro, fosco, senza luce.

suvént - avv. sovente, spesso.

svagąs (mi me svąghi, svagąt) - intr. pron. svagarsi, divertirsi, cercare e trovare sol­lievo.

svasą (mi ssi, svasąt) - tr. rimuovere un'ostruzione, un intasa­mento.

svčlt (svčlta-svčlti) - agg. svelto, rapido, sollecito, agile, ve­lo­ce | a la svčlta = rapidamente.

sveltéza - sf. sing. sveltezza, rapiditą, sollecitudine.

sveltģ (mi sveltģsi, sveltģt) - tr. sveltire, sollecitare, affrettare, ren­dere agile.

svérgul (svérgui, svérgula-svérguli) (CA) - svčrgul (svčrgui, svčrgula-svčrguli) (CH) - agg. storto, sghembo, asimmetrico.

svergulą (mi svčrguli, sverguląt) - tr. stortare, piegare, contorcere.

svģzer (svģzera-svģzeri) - agg. svizzero, elvetico.

svņlta (svņlti) - sf. curva, tornante.

svuidą (mi svö́idi, svuidąt) - tr. svuotare, vuotare, travasare: svuidą l'ǜga gił 'n del tinčl = versare tutta l’uva nella tina.