N[1]

 

nf - sf. nave.

nia - sf. sing. servizio militare.

npula - sf. napoletana, serie di carte dello stesso seme (nel gioco della scopa e del tressette).

nart - sm. muco del naso.

naritn - sm. moccioso, ragazzetto sporco.

1) ns - sm. naso.

2) ns (mi nsi, nasǜt) - intr. nascere | su mga nasǜt ir = non sono nato ieri | ghe n che mr, ma che nas = ce ne sono tanti che muoiono, ma che nascono (scherzoso, riferito a una persona dal naso grosso, giocando sul fatto che nascere e naso in dialetto si pronunciano allo stesso modo).

nasda (nasdi) - sf. beffa.

nsta - sf. odorato, acuto senso dellolfatto.

nstru (nstri) - sm. nastro.

Natl (Nati) - sm. Natale.

natrulna - sf. sing. candeggina.

natrl (1: natri, natrla-natrli) - 1. agg. naturale. 2. inter. s, naturalmente!

nula (nuli) - sf. bracciata di fieno o di strame legata alla sommit di un carico.

Doveva essere fatta con particolare perizia e veniva posta sul campsc, oltre la curdàna (cfr.), per completare il carico; ne venivano poste tre o quattro (na crga cun s tr nuli) e, alla fine, venivano legate strettamente con una corda alla curdna stessa. Se il carico consisteva in materiale minuto, come il fun o il fieno quartn, il contadino esperto metteva in mezzo alla bracciata qualche rametto per tenerla unita e compatta.

ne - pron. ne, di questo, di quello, di questi, di quelli (solo se il soggetto terza persona, altrimenti en) l i ne mngia = egli ne mangia.

necesri - sm. sing. necessario: el me mnca el necesri = mi manca quello di cui ho bisogno.

necrges (mi me necrgi, necurgiǜt) (CA) - necrges (mi me necrgi, necurgiǜt) (CH) - intr. pron. accorgersi, rendersi conto.

nf - sf. sing. neve.

neg (mi nghi, negt) - intr. annegare, affogare.

negt (CA) - 1. pron. indef. sing. niente, nulla: gh negt de mangi = non c niente da mangiare. 2. avv. niente, molto poco: el me ntersa negt de la mma = non mi interessa affatto della mamma. 3. sm. sing. niente, poca cosa / CH negt.

negrra - sf. sing. tipo di vitigno (cfr. ǜga).

ngru (ngri, ngra-ngri) - agg. nero; scuro | l ngra snsa tngela = grigia senza che sia tinta = proprio una brutta situazione | Pdru ngru = fante di picche (e, in particolare, semplice gioco di carte in cui questa carta ha valore fondamentale).

negǜgn (negǜgna) - pron. indef. sing. come gnigǜn.

negt (CH) - pron. indef. sing., avv. e sm. sing. vedi negt (CA) || dim. negutn: en negutn dr = un niente doro (scherzoso).

negta (CH) - pron. indef. sing., avv. e sm. sing. come negt (CH).

nem (CA) - avv. come noma (CA).

nra - inter. neh, vero, nevvero: l isc, nra? = cos, vero?

nrc (CA) - nrc (CH) - sm. (e agg.) lultimo nato di una nidiata; persona misera, mingherlino.

nrf - sm. nervo.

nervadǜra (nervadǜri) - sf. nervatura.

nervgn (nervgna-nervgni) - agg. nerboruto, vigoroso.

nervs (1: nervsa-nervsi) - 1. agg. nervoso. 2. sm. nervosismo: el m vignt el nervs = mi sono irritato.

nspula (nspuli) - sf. nespola.

nstula (nstuli) - sf. fettuccia.

nesǜn (nesǜna) (CH) - pron. indef. sing (e agg. indef.) nessuno / CA nisǜn.

nt (nta-nti) (CA) - nt (nta-nti) (CH) - agg. netto, pulito.

net (mi nti (CA) - mi nti (CH), nett) - tr. pulire, ripulire || net sǜ tr. (con lo stesso significato) || nets rifl.

neda (nedi) - sf. nipote (femmina) || dim. neudna.

net - sm. nipote (maschio) || dim. neudn.

nida (nidi) (CH) - sf. vedi gnda (CA).

nil (nii) - sm. nido dove la gallina depone e cova le uova.

nisc - sm. povero giaciglio | fa l nisc = mettersi accovacciato, mettersi a giacere.

nint - pron. indef. sing. e sm. sing. e avv. come gnnt.

ngul (ngui, ngula-nguli) - agg. nuvoloso.

ngula (nguli) - sf. nuvola.

niguls (el se ngula, nigult) - intr. pron. annuvolarsi.

nlsa (nlsi) - sf. milza.

nin (mi nni, nint) - tr. cullare.

niscíla (niscíli) - sf. nocciola.

nisciul - sm. nocciolo (pianta), gruppo di noccioli.

nisǜn (nisǜna) (CA) - pron. indef. sing. (e agg. indef.) vedi nesǜn (CH).

nt - sm. come nart.

nc - sf. notte | sta nc = questa notte | sta s de nc = vegliare.

ńda - sm. marchio (delle pecore).

Incisione praticata sulle orecchie delle pecore, raramente delle capre, per il loro riconoscimento: una tacca, una foratura o altre incisioni fatte in vario modo; loperazione veniva fatta quando lagnellino aveva solo dieci o quindici giorni. Naturalmente era il proprietario stesso che provvedeva a fare la ńda, con un falcetto ben affilato. I poveri agnellini belavano a non finire e macchiavano di sangue il vello delle pecore.

1) ńf (ńva-ńvi) - agg. nuovo || superl. ńf nuvntu.

2) ńf - 1. agg. num. card. nove. 2. sm. sing. il numero nove. 3. sm. sing. lanno 1909. 4. sf. pl. le ore nove (o le ventuno).

ńgia (ńgi) - sf. capra giovane || dim. nugil sm.

nma (CA) - avv. soltanto, appena / CH nma.

ńra (ńri) - sf. nuora.

ns (nsa-nsi) - 1. agg. poss. nostro: el ns vin = il vino prodotto da noi. 2. pron. poss. nostro: l di ns = dei nostri, un compaesano.

nzi - sf. pl. nozze.

nucida (nucidi) - sf. nottata.

nud (mi ńdi (CH) - mi ndi (CA), nudt) - intr. nuotare.

nughra (nughri) - sf. noce (pianta) || dim. nugaŕl sm.

nǜgn - pron. pers. pl. come nn.

nma (CH) - avv. vedi nma (CA).

nǜmer - sm. numero | da i nǜmer = sragionare.

numin (mi nmini, numint) - tr. nominare, ricordare per nome.

nǜn - pron. pers. pl. 1. (con funzione di soggetto) noi: nn en va = noi andiamo, mel fa nn = lo facciamo noi. 2. (con funzione di complemento indiretto, introdotto da preposizione) noi: el lara cun nn = lavora con noi. 3. (con funzione di complemento oggetto o di termine, per rafforzarli): a nn el ghe pis = a noi piace, i ghe crca nn = cercano proprio noi | de per nn = da soli (noi).

ns - 1. sf. noce (frutto). 2. sm. sing. legno di noce.

nǜs'c (nǜscia-nǜsci) - agg. lento, pigro, inconcludente.

nusta (nusti) - sf. nocca delle dita, parte terminale arrotondata di un osso in una articolazione.

nustrn (nustrna-nustrni) - agg. nostrano, casalingo; rozzo, grossolano.

nǜstrech (nǜstrega-nǜstreghi) - sm. sing. (e agg.) come mǜstrech.

nut (mi nti, nutt) - tr. annotare, registrare: nut tǜti i spsi = annotare tutte le spese.

nutr - sm. notaio.

nutzia (nutzi) - sf. notizia.

nuvnta - agg. num. card. (e sm. sing.) novanta.

nuvl (nuvi, nuvla-nuvli) - agg. (e s.) novello, nuovo, giovane: el vin nuvl = il vino novello.

nuvmbri - sm. sing. novembre.

nuvna (nuvni) - sm. novena: la nuvna del Bambn = la novena di Natale, i sna de nuvna = suonano le campane della novena di Natale.

 



[1] Non sono numerose nel nostro dialetto le parole che iniziano con la N, ma sarebbero molte di pi se fossero elencate sotto questa lettera quelle voci che usualmente sono utilizzate con aferesi, specialmente verbi che spesso perdono la vocale iniziale; per esempio: nd = end, ncuntr = encuntr, nzeg = enzeg, nfil = infil o enfil. Queste voci sono state elencate sotto le lettere e, i (NdA).