L

 

 

1) la - 1. art. sing. f. la: la mma = la mamma, la cǜna = la culla. 2. particella pronominale ( utilizzata davanti alla terza persona singolare dei verbi, se il soggetto femminile): l la giǜga = ella gioca. 3. pron. pers. e dimostr. sing. f. (come complemento oggetto) la: mi la mngi = io la mangio, vitri la ved = voi la vedete.

2) l - avv. l | l s = lass | l gli = l in quel punto | de l = di l: nda de sci e de l = andare a zonzo | l s l (CA) = lass (verso nord-est).

lc - sm. sing. latte | che lac! = quante storie! || lc de galna (CH) sm. celidonia (Chelidonium majus L.) / CA erba di pr.

lch - sm. lago || dim. laght.

laci (mi lci, lacit) - tr. allattare, dare il latte ai neonati.

lacida (lacidi) - sf. 1. lazione di allattare. 2. miscuglio di latte con mandorle e olio. 3. cosa di poco conto.

ldru (ldri) - sm. 1. ladro || accr. ladrn. 2. presa elettrica multipla.

lag (mi lghi, lagt) - tr. lasciare | lag de fa = tralasciare di eseguire un lavoro | lag sta = lasciar stare, non toccare | lag nda = 1. lasciare libero: lga nda l can! = lascia libero il cane! 2. fare uno sconto: el m lagt nda cinch franch = mi ha fatto lo sconto di cinque lire | lags nda = trascurarsi || lag f́ tr. 1. lasciar uscire gli animali dalla stalla. 2. allargare un capo di vestiario: lag f i brghi = rifare la cucitura per allargare i pantaloni | lag f l cul = stingere (dei capi di vestiario) || lag ndr tr. 1. omettere, tralasciare: lagt ndr de lav i pit = ho tralasciato di lavare i piatti. 2. lasciare dietro di s alla morte. 3. lasciare avanzi || lag gi (CA) - gi (CH) tr. calare, abbassare || lag l - gli tr. 1. lasciare una cosa dove si trova. 2. abbandonare || lags f́ intr. pron. perdere la pazienza.

lgrima (lgrimi) - sf. lacrima | avch i lgrimi n saccia = avere le lacrime in tasca = piangere per nulla.

lma (lmi) - sf. 1. lama: la lma del rans = il filo tagliente della falce. 2. lamella intorno alle ruote del carro agricolo o sotto i pattini dello slittino.

lmbech - sm. alambicco, apparecchio per distillare.

lamnt - sm. lamento.

laments (mi me lamnti, lamentt) - intr. pron. lamentarsi, piagnucolare.

lamra (lamri) - sf. lamiera metallica (specie quella ondulata per tettoie).

lampadri - sm. lampadario; persona alta e magra.

lampedn - sm. lampadina elettrica.

lampidn (CA) - sm. come lampedn.

lna - sf. sing. 1. lana. 2. lanugine.

lantrna (lantrni) (CA) - lantrna (lantrni) (CH) - sf. lanterna, lampada.

lpa - sf. sing. parlantina sciolta, parlare sfrenato: el gh na lpa che = ha una tale parlantina che | fa nda lpa = chiacchierare troppo.

lap (mi lpi, lapt) - tr. bere ingordamente, bere tracannando.

lpes - sm. matita.

lrch (lrga-lrghi) - agg. largo.

lres - 1. sm. larice. 2. sm. sing. legno di larice.

lrt - sm. sing. lardo.

las (mi lsi, last) (CH) - tr. come lag.

lsc - sm. laccio, legaccio || dim. lascíl.

lasci (mi lsci, lascit) (CA) - tr. allacciare (scarpe o indumenti) || lasci sǜ tr. (con lo stesso significato): lasci s i scrpi = allacciare le scarpe / CH laz.

lstra (lstri) - sf. lastra || accr. lastrn sm.

lta (lti) - sf. asse, elemento dellassito del tetto.

la - sm. oggetto, cosa: csa l stu la? = che cos questo?; persona di poco conto: n pr la = un poveretto || dim. laurn - cfr. laurn.

lu (CH) - sm. come la.

1) laur (mi lari, laurt) - intr. e tr. lavorare | lari a = sto: lari a ram patǜsc = sto raccogliendo strame | laur de fin = lavorare di precisione | laur va = lavorare per conto terzi | (prov.) laur per la gsa de Caí = lavorare inutilmente - cfr. laurt.

2) laur - sm. lavoro: gh n bal en laur = sto facendo un lavoro.

laurt (laurda-laurdi) - agg. lavorato, decorato (p.p. di laur).

laurnt - sm. bracciante agricolo a giornata.

In genere il lavoratore agricolo riceveva il vitto dalla famiglia per la quale lavorava.

laurentn - sm. grande lavoratore infaticabile.

laurri - sm. grande lavoro nel quale impegnata numerosa maestranza.

In Valtellina i laurri potevano essere quelli per la costruzione delle dighe o delle centrali elettriche: i laurri de Cancn = i lavori per la diga di Cancano.

laurn - sm. bambino esile e di modesta corporatura (dim. di la).

lav (mi lvi, lavt) - tr. lavare || lav gi (CA) - gi (CH) tr. lavare i piatti, rigovernare | lav gi l ms = sgridare, dare una lavata di capo || lav sǜ tr. lavare i pavimenti.

lavda (lavdi) - sf. lavata, spruzzata.

lavgna (lavgni) - sf. lavagna (di scuola).

lavamǜs - sm. ceffone, manrovescio.

lavapit - sm. lavapiatti.

lavatf - sm. lavativo, briccone, maleducato.

lavati - sm. lavatoio.

lavc (CH) - lavsc (CA) - sm. pentola in pietra ollare || dim. lavegn.

I lavc erano le pentole comuni utilizzate in cucina; in quelli piccoli si preparava anche il caff.

laz (mi lzi, lazt) (CH) - tr. vedi lasci (CA).

lazarn - sm. lazzarone, fannullone, sfaticato.

lazarun (mi lazarni, lazarunt) - intr. oziare, evitare ogni lavoro, ogni impegno.

lzer - sm. come lazarn.

l - pron. pers. sing. f. 1. (con funzione di soggetto, accompagnato da la) ella, lei: l la vrda = ella guarda, la vgn l = viene lei. 2. (con funzione di complemento indiretto, introdotto da preposizione) lei, s: de l me fdi mga = non mi fido di lei, van ti cun l = vai tu con lei, l fac el caf nma per l = ha preparato il caff solo per s. 3. (con funzione di complemento oggetto o di termine, per rafforzarli) lei: spcia a l = aspetta anche lei, dghel a l = dillo a lei | lghela fa de l = lasciala fare da sola, senza aiuti | de per l = da sola (ella).

1) lc - sm. letto: fa s l lc = rifare il letto | fa lc en stla = spargere fogliame o strame vario per le mucche nella stalla | su bisc f del lc = almeno non sono a letto malato (in risposta a chi ci chiede come va).

2) lc (mi lgi, legiǜt) (CH) - tr. leggere || lc gi tr. (con lo stesso significato) | lc gi n gsa = leggere le letture in chiesa / CA lsc.

lec (mi lchi (CA) - mi lchi (CH), lect) - tr. leccare, lambire con la lingua.

lch (lca-lchi) (CA) - lch (lca-lchi) (CH) - agg. schizzinoso, di gusti difficili nel mangiare.

lecht (CA) - lecht (CH) - sm. vezzo, vizio: l ciapt el lecht de = ha preso la cattiva abitudine di

lda - sf. sing. sabbia finissima, limo; mota.

ledn (ledna-ledni) (CH) - agg. 1. svelto, veloce nellagire e nel lavorare. 2. maneggevole, scorrevole / CA lidn.

lge (lgi) - sf. legge: det lge = dettar legge | snsa lge gn fdi = senza scrupoli.

lgn - sm. legno; pezzo di legno || dim. legnt (CH) - legnt (CA).

lgna - sf. sing. legna da ardere: na gŕva de lgna = parecchie fascine legate assieme per essere trascinate nel bosco.

legnda (legndi) - sf. bastonata.

legnm - sm. legname da costruzione.

legnam - sm. falegname.

legnra (legnri) - sf. legnaia.

legns (legnsa-legnsi) - agg. duro come il legno.

leǵver - sm. ramarro.

lgur (CH) - sf. lepre / CA lur.

lla (CA) - lla (CH) - sm. solo nellespressione del lla = di nessun conto: dut del lla = dottore poco valido.

lemsna (lemsni) (CA) - lemsna (lemsni) (CH) - sf. elemosina.

lndena (lndeni) - sf. uovo di pidocchio.

lendenn - sm. persona alta e allampanata.

lngua (lngui) - sf. lingua | na lngua che tia l fr = una lingua lunga e maligna | tir a sgŕf la lngua = biascicare (come gli ubriachi) | el prla perch l gh la lngua = parla a vanvera | (prov.) l mi na bna lngua che na bna vgna = meglio una buona lingua che una buona vigna = chi ha buona parlantina ha maggior vantaggio di chi possidente.

lenguta (lenguti) (CA) - sf. linguetta delle scarpe / CH linguta

lenśl (lenśi) (CH) - sm. lenzuolo / CA linśl.

ls - sm. carne lessata.

lsc (mi lgi, legiǜt) (CA) - tr. vedi lc (CH).

lsna (lsni) - sf. lesina (del calzolaio).

letni (CA) - sf. pl. litanie della Madonna o dei Santi: l lunch cme i letni di sant = lungo e noioso come le litanie dei santi / CH litani.

ltera (lteri) - sf. lettera, missiva.

len - sm. leone.

lur (CA) - sf. vedi lgur (CH).

1) lev (mi lvi, levt) - 1. tr. sollevare | lev de ps = sgridare aspramente. 2. intr. alzarsi dal letto: lev debt = alzarsi presto il mattino. 3. intr. lievitare. 4. tr. allevare || lev sǜ 1. intr. alzarsi: lev s de tra = alzarsi da terra. 2. tr. allevare: l levt s st fíi = ha allevato sette figli || lev f́ lt (CA) - lt (CH) tr. buttar via, scaraventare lontano.

2) lev - sm. lievito per il pane.

linda (lindi) - sf. abitudine, andazzo: l ciapt na linda che prpi n va mga bn = ha preso delle cattive abitudini.

lber (lbera-lberi) - agg. libero.

librta (librti) - sf. libretto di risparmio.

lbru (lbri) - sm. libro || dim. librt.

lidn (lidna-lidni) (CA) - agg. vedi ledn (CH).

lfa - sf. sing. svogliatezza, neghittosit, indolenza: stu clt el fa vegn la lfa = questo caldo toglie ogni voglia di lavorare.

lifrch - sm. (e agg.) persona che ha poca voglia o poca forza per lavorare, molle, senza iniziativa.

lig (mi lghi, ligt) - tr. legare: lig n maźl de lgna, na cöf de sghel, en sach = legare una fascina di legna, un covone di segale, un sacco || lig sǜ tr. 1. legare: lig s i c de la vit = legare i tralci della vite. 2. fasciare (una ferita) || lig sci tr. (con lo stesso significato).

lmbo - sm. solo nellespressione van al lmbo! = vai al limbo = va a quel paese!

lmet - sm. limite, margine di una strada o di un campo; scarpata, proda erbosa facilmente franabile.

limsna (CA) - sf. come lemsna.

limn - sm. limone.

limun (mi limni, limunt) - intr. corteggiare con eccessive moine, fare il cascamorto.

limunda (limundi) - sf. limonata.

ln - sm. lino: en lenśl de lin = un lenzuolo di lino.

lingr (lingra-lingri) - agg. leggero.

lingra (lingri) - sm. giovanotto sfaccendato, un po borioso, ma inconcludente; poco di buono.

linguta (linguti) (CH) - sf. vedi lenguta (CA).

linśl (CA) - sm. vedi lenśl (CH).

lpa - sf. sing. lippa (gioco infantile) (sin. sl-2)).

1) lra - sf. lira; libbra.

La lra, antica unit di misura locale di peso, corrispondeva a circa otto ettogrammi (7,99 hg).

2) lra (CA) - sf. giglio martagone (Lilium martagon L.) || lra di crp sf. giglio rosso (Lilium bulbiferum L.).

lirn - sm. mughetto (Convallaria maialis L.).

ls (lsa-lsi) - agg. 1. liscio. 2. logoro, liso | nda lis = giocare una carta senza valore nel gioco delle carte.

lisciaŕl (lisciaŕi) (CA) - sm. legna fine.

Legnetti di robinia, frassino o betulla, ben secchi, dalla fiamma pronta e facile, usati per scaldare il forno del pane.

lsta (lsti) - sf. 1. lista, elenco, serie. 2. striscia di terreno.

listl (listi) - sm. listello di falegnameria.

lt (CH) - sm. litigio | tac lit = litigare.

litani - sf. pl. vedi letni (CA).

ltru (ltri) - sm. 1. litro. 2. boccale da un litro.

1) livl (livi) - sm. 1. livello, quota. 2. livella a bolla.

2) livl (livi) - sm. livello (antica servit su propriet agricola) | l n livl etrnu = un peso eterno (di persona che grava economicamente su un altro).

livra (livri) - sf. leva di ferro pesante per rimuovere grossi massi.

lizn - sm. fannullone, sfaticato.

lbgia (lbgi) (CA) - lbia (lbi) (CH) - sf. balconata in legno.

Nelle vecchie case rurali era sostenuta da mensole di legno infisse nei muri e provvista di un parapetto, pure in legno; vi si ponevano di solito castagne, verze, pannocchie di granoturco per lessiccazione.

ĺch - sm. terreno per lo pi pianeggiante di terra fertile, a coltivazione mista, viti e cereali (cfr. pul).

lfa (lfi) - sf. 1. loffa, peto silenzioso. 2. vescia (fungo dei gasteromiceti).

ĺgia (ĺgi) - sf. donna di malaffare.

lta - sf. solo nellespressione lta de grsa = grumo di letame appiattito.

lza (lzi) - sf. melma, sudiciume sul pavimento della stalla: gh int na lza che l fnda gi i p = c tanta melma che vi affondano i piedi.

- pron. pers. sing. m. 1. (con funzione di soggetto, accompagnato da el) egli, lui: l el vrda = egli guarda, el vgn l! = viene lui! 2. (con funzione di complemento indiretto, introdotto da preposizione) lui, s: cun l se sta bn = con lui si sta bene, ndu mi cun l = vado io con lui, el mt va i dan nma per l = risparmia solo per se stesso. 3. (con funzione di complemento oggetto o di termine, per rafforzarli) lui: i crca l = cercano proprio lui, dghel a l = dillo a lui | lghel fa de l = lascialo fare da solo, senza aiuti | de per l = da solo (egli).

lucl (luci) - sm. locale, stanza, vano di una casa.

lǜcet (1: lǜceda-lǜcedi) (CA) - 1. agg. lucido, lucente. 2. sm. lucido per scarpe / CH lǜcit.

lch (lca-lchi) - agg. tonto, intontito.

lcht (CA) - lcht (CH) - sm. lucchetto (cfr. mascis).

lci (mi lǜci, lcit) - intr. piangere, piagnucolare dei bambini.

lǜcit (1: lǜcida) (CH) - agg. e sm. vedi lǜcet (CA).

ldra (ldri) - sf. lontra.

lǜdru (lǜdri) - sm. monello, ragazzaccio.

lra (lri) (CA) - sf. come livra.

lǜf - sm. lupo.

lgnega (lgneghi) - sf. salsiccia (da bollire o da cuocere ai ferri o da seccare) | lgnega de cdega = cotechino | lgnega de sanch = sanguinaccio; persona goffa e inetta || dim. lganeghn sm. - cfr. lganeghn.

lganeghta (lganeghti) (CA) - lganeghta (lganeghti) (CH) - sf. salsiccia lunga e sottile, salsiccetta.

lganeghn - sm. cacciatorino (salamino stagionato) (dim. di lgnega).

lugi (mi lgi, lugit) - tr. alloggiare, dare ospitalit.

lǜi - sm. sing. luglio.

lǜm - sf. lume, lucerna, lanterna.

lǜm de rch - sm. sing. allume di rocca.

lmch - sm. chiocciola.

lmga (lmghi) - sf. chiocciola; persona lenta || dispr. lmagscia || dim. lmaghna.

lmagri - sm. individuo lento, impacciato; persona diffidente, subdola.

lmagt - sm. lumaca (senza guscio).

lmagn - sm. lumaca (senza guscio); individuo viscido, dal comportamento falsamente gentile.

lmnt (CA) - sm. come lamnt.

lments (mi me lmnti, lmentt) (CA) - intr. pron. come laments.

lmn - sm. lumino, candela votiva.

lǜna (lǜni) - sf. luna: quàrt de lǜna = quarto di luna, cier de lǜna = chiaro di luna, lned l se fa la lǜna = luned ci sar la luna nuova | vch la lǜna = essere di malumore.

lnri - sm. calendario, almanacco.

lnch (lnga-lnghi) - agg. 1. lungo. 2. diluito | lunch cme la fam = interminabile.

lned - sm. sing. luned.

lngu - prep. lungo, durante: lngu la setimna = durante la settimana.

luntn (luntna-luntni) - agg. e avv. lontano.

lr - pron. pers. pl. m. e f. 1. (con funzione di soggetto, accompagnato da i) essi, esse, loro: lur i dis = essi/esse dicono, i vgn a lur = vengono anche loro. 2. (con funzione di complemento indiretto, introdotto da preposizione) loro, se stessi: ndu mi cun lur = vado io con loro, i pagt nma per lur = hanno pagato solo per loro stessi. 3. (con funzione di complemento oggetto o di termine, per rafforzarli) loro: la cima lur d = chiama loro due, dghel a lur = dillo a loro | de per lur = da soli/da sole | lghei fa de lur = lasciali fare da soli.

lǜs - sf. luce; corrente elettrica.

lsnt (lsnta-lsnti) - agg. lucente, luccicante, brillante.

lsrta (lsrti) (CH) - lsrtena (lsrteni) (CA) - sf. lucertola.

lstr (mi lǜstri, lstrt) - tr. lustrare, lucidare: lstr i scrpi = lucidare le scarpe.

lǜstru (1: lǜstri, lǜstra-lǜstri; 2: lǜstri) - 1. agg. lustro, lucido, pulito: cme te s tt lǜstru! = come sei bello ordinato, elegante! 2. sm. lucido per scarpe.

lǜsu - sm. sing. lusso.

lǜter - sm. ateo, anticlericale: el gestma cme n lǜter = bestemmia come un turco.

lǜtu (lǜti) - sm. lutto.