D

 

 

d (mi d (CA) - mi d (CH), dc) [1] - tr. 1. dare, porgere: el gh dac en pum = gli ha dato una mela | da a mnt = dare ascolto: el m dac a mnt e m vengiǜt = mi ha dato retta e abbiamo vinto | da a tra = dare ascolto, accettare consigli. 2. pagare: gh dac desmla franch = lho pagato diecimila lire. || d dr tr. dare qualcosa a qualcuno che parte: dach dr bisc qui dan! = dagli almeno qualche soldo! || d ndr tr. restituire || d f́ 1. tr. distribuire, elargire; distribuire le carte da gioco. 2. intr. affiorare, emergere, venir fuori: el m dac f la strachza = dun tratto mi sono sentito stanco. 3. intr. infuriarsi, perdere il lume della ragione: l dac f de mat = impazzito.

In occasione dei funerali una volta la famiglia del defunto la dva f la sal a tc; ogni massaia, poi, quando usava quel sale doveva recitare un requiem per il defunto

|| d gi (CA) - gi (CH) tr. somministrare (specie una medicina, per bocca): gh dac gi la medisna che l m dac el dut = gli ho dato la medicina che mi ha dato il dottore. 2. intr. cadere || d nt 1. tr. dare in cambio; includere in una trattativa. 2. intr. capitare qualcosa (in senso sfavorevole): el m dac int en malgn = mi occorso un malanno || d sci 1. tr. porgere. 2. intr. maturare: l dac sci sǜbet el furmentn = giunto presto a maturazione il grano saraceno. 3. intr. apparire, comparire, sopraggiungere: l dac sci el padrn = apparso il padrone, l dac sci sǜbet la sra = sopraggiunta subito la sera || d sǜ tr. irrorrare: gh dac s lqua ài pinti = ho bagnato le piante || d va tr. distribuire, elargire (per lo pi gratuitamente) || dch dr intr. impegnarsi a fondo || dch sta (CA) - sta (CH) intr. impegnarsi a fondo, lavorare con impegno: gh dac sta de v́ia e fint debt = mi sono messo di buona lena e ho finito presto || dch sǜ tr. 1. alzare la voce, alzare il volume in un canto: el gh dac s tant chel parva na trmba = ha cantato in modo tanto sonoro da sembrare una tromba || ds intr. pron. darsi | das ri = darsi delle arie, gloriarsi || dgheli tr. dargliele, riempirlo di botte || dseli rifl. recip. picchiarsi.

dabn (dabna-dabni) - agg. buono, dabbene, accondiscendente.

dgn - sm. danno | (prov.) en muntgna pan e pagn fa mga dagn = in montagna si abbiano sempre cibo e vestiti.

dan - tr. solo nellespressione f dan = far disperare: el me fa dan n dnc = mi fa molto male un dente.

dan (CH) - sm. pl. soldi, denaro.

dap - avv. di nuovo, ancora.

dsa (dsi) - sf. ramo dabete.

davantn - sm. davantino, pettorina.

de - prep. 1. di: el prevst de Ciǜr = il prevosto di Chiuro. 2. da: el vgn de Murbgn = viene da Morbegno. 3. (CH) nella costruzione en de + articolo o aggettivo dimostrativo = nel, nella, nei, nelle, in un, in una, in quello, in questo, in quei, in alcuni: en del pra = nel prato, en de la stla = nella stalla, en di vest = nei vestiti, en de na scrpa = in una scarpa, en de qul pra = in quel prato, en de qui ca = in alcune case / CA en ghe

dbet - sm. debito.

debt - avv. presto.

dbul (dbui, dbula-dbuli) - agg. debole, fiacco.

debn - avv. davvero, proprio.

dect (mi decdi, decs/decidǜt) - tr. decidere: dect p ti = decidi tu.

dednt - avv. dentro: el fn l dednt = il fieno al coperto.

dedr - 1. avv. dietro | dedr a = dietro (come preposizione): l dedr a la prta = dietro la porta. 2. sm. parte posteriore; sedere. 3. sm. (CH) parte posteriore del carro / CA baruzn.

def - sm. sing. lavoro, occupazione, impegno.

degnt (mi degndi, degundǜt) (CA) - 1. tr. ultimare, finire, completare: degundǜt tt = ho finito tutto. 2. intr. scomparire: el sul l degundǜt = il sole calato, scomparso.

1) di (mi di, deit) (CA) - tr. picchiare: el me di = mi picchia, diech mga = non picchiatelo.

2) di (mi di, deǜt) (CA) - intr. darsi da fare: deǜt tt el di per = mi sono dato da fare tutto il giorno per

dent - avv. come dednt.

del - prep. del.

delbn - avv. come debn | fa delbn = fare sul serio.

delegu (mi delgui, delegut) - intr. dileguare, sciogliersi.

delra - avv. da molto tempo.

delurami - avv. da moltissimo tempo.

demni - sm. 1. demonio, diavolo, 2. cosa enorme: en demni de n rp = un aggeggio enorme.

denns - avv. e sm. davanti.

dnc (CH) - sm. dente || dnc de cn sm. tarassaco, soffione, cicoria selvatica (Taraxacum officinale Weber) / CA dnsc.

denigul (CA) - avv. in nessun posto, in nessun luogo (cfr. devergul).

dnsc (CA) - sm. vedi dnc (CH).

departǜt (CA) - avv. dappertutto, ovunque / CH depertǜt.

dep - avv. come dap.

depertǜt (CH) - avv. vedi departǜt (CA).

der (CA) - avv. e sm. come dedr.

derca - sf. solo nellespressione en derca = in rovina.

derch (derca-derchi) - agg. diroccato, cadente.

derst - 1. agg. num. card. diciassette. 2. sm. sing. il numero diciassette. 3. sm. sing. lanno 1917.

derv (mi dervsi, dervt) (CH) - tr. aprire / CA vrt.

ds - 1. agg. num. card. dieci. 2. sm. sing. il numero dieci. 3. sm. sing. lanno 1910. 4. sf. pl. le ore dieci (o le ventidue).

desbrui (mi desbri, desbruit) - tr. districare, sbrogliare, cavare da un impiccio || desbrui f́ tr. (con lo stesso significato).

desbutun (mi desbutni, desbutunt) - tr. sbottonare: desbutun la gica = sbottonare la giacca || desbutuns intr. pron. confidare cose riservate.

descarg (mi descrghi, descargt) - tr. scaricare: descarg la prila = scaricare la priala.

descart (mi descrti, descartt) - tr. scartare, levare dalla carta che avvolge.

des'ciud (mi descidi (CA) - mi descidi (CH), desciudt) - tr. schiodare, separare levando i chiodi.

descr (mi descri, descurǜt) (CA) - intr. discorrere, conversare / CH descr.

descuerci (mi descurci (CA) - mi descurci (CH), descuercit) - tr. scoperchiare, levare il coperchio.

descr (mi descri, descurǜt) (CH) - intr. vedi descr (CA).

descs (mi descssi, descst) - tr. scucire.

descǜt (mi descǜti, descǜs/descutǜt) - tr. e intr. discutere, conversare animatamente.

desdt - 1. agg. num. card. diciotto. 2. sm. sing. il numero diciotto. 3. sm. sing. lanno 1918.

desed (mi desdi, desedt) - tr. svegliare, destare || deseds intr. pron. svegliarsi || deseds f́ intr. pron. (con lo stesso significato di deseds).

desna (desni) - sf. decina.

desrt (desrta-desrti) - agg. solitario, desolato, senza nessuno.

desf (mi dsfi (CA) - mi dsfi (CH), desft) - tr. disfare, distruggere, manomettere || desf f́ tr. 1. svegliare. 2. aprire un pacco, un involucro || desf gi (CA) - gi (CH) tr. districare, sciogliere un nodo || desfs intr. pron. 1. disfarsi, sfasciarsi: el s desft tt = si completamente disfatto. 2. liberarsi (da qualche impiccio) || desfs f́ intr. pron. svegliarsi (anche in senso figurato).

desfescis (mi me desfsci, desfescit) - intr. pron. liberarsi, sbarazzarsi di qualcuno o di qualche cosa || desfescis f́ intr. pron. sbrigarsi: desfscet f! = sbrigati!

desfrtnt (desfrtnda-desfrtndi) - agg. raro per sfrtnt.

desgarbui (mi desgarbi (CA) - mi desgarbi (CH), desgarbuit) - tr. districare, sciogliere.

desgot (mi desgti, desgutt) (CA) - desgut (mi desgti, desgutt) (CH) - intr. sgocciolare, liberarsi delle ultime gocce: la mascrpa en ghe la garta la desgta = la ricotta nella garota sgocciola.

deslasci (mi deslsci, deslascit) (CA) - deslaz (mi deslzi, deslazt) (CH) - tr. slacciare, sciogliere lacci e nodi.

deslig (mi deslghi, desligt) - tr. come deslasci (CA).

deslipt (deslipda-deslipdi) (CH) - agg. sfortunato, iellato.

desmenteg (mi desmnteghi, desmentegt) (CH) - tr. dimenticare, non ricordare || desmentegs intr. pron.

desmt (mi desmti (CA) - mi desmti (CH), desms/desmett) - intr. raro per smt.

desńf - 1. agg. num. card. diciannove. 2. sm. sing. il numero diciannove. 3. sm. sing. lanno 1919.

desper - avv. di fianco.

despecen (mi despecni, despecent) - tr. spettinare || despecens rifl. e intr. pron.

despegn (mi despgni, despegnt) - tr. disimpegnare, sganciare, liberare da un appiglio, da un intoppo.

despetuls (mi me desptuli (CA) - mi me desptuli (CH), despetult) - intr. pron. liberarsi da un impegno gravoso, da un imbroglio, dai debiti.

1) despias (el despis, despiasǜt) - intr. dispiacere, generare rincrescimento.

2) despias - sm. dispiacere, preoccupazione.

despregghen (mi ghen desprghi, despregt) - intr. rifiutare in malo modo o disprezzare lofferta di un piacere, un aiuto, un appoggio: te n desprghi (di t dan)! = ne faccio a meno (dei tuoi soldi)!

despǜs - avv. accanto, vicino, a fianco: l'ra gli despǜs al mr = era l, vicino al muro.

desquat (mi desquti, desquatt) - tr. scoprire; togliere il coperchio; togliere la coperta || desquat gi (CA) - gi (CH) tr. (con lo stesso significato) || desquats gi (CA) - gi (CH) rifl. scoprirsi nel letto.

destac (mi destchi, destact) - tr. staccare, distaccare, levare da un gancio || destacs rifl.

destnt (mi destndi, destendǜt) - tr. stendere: destnt i pagn = sciorinare la biancheria.

dest́s (mi me dest́li, dest́c) - intr. pron. togliersi, levarsi dai piedi per non disturbare: dest́t! = vattene!

destrigs (mi me destrghi, destrigt) - rifl. districarsi, liberarsi da qualche appiglio; uscire da una situazione difficile.

destup (mi destpi, destupt) - tr. sturare, togliere il tappo o lintoppo che chiude o impedisce un passaggio.

devergul (CA) - avv. in qualche posto, in qualche luogo (cfr. denigul).

1) d - sm. giorno, d | del di = di giorno | el di dr = il giorno successivo | enć di = oggigiorno | al di denć = al giorno doggi | de tc i di = dei giorni feriali | di che = quando, qualora: di che slara, s de sta atnt = quando si lavora, bisogna stare attenti | (prov.) l gnam nc tc i di = non accade ancora che sia notte tutti i giorni = verr il tempo in cui ogni cosa sar messa a posto (anche in senso di rivincita o di vendetta).

2) d (mi dsi, dc) - tr. dire, esprimersi a parole | ṕdi p dgla = non ne posso pi, sono allo stremo | a n bl di che = per fortuna che (anche come riposta: a n bl di! = va bene!) || d dr intr. sparlare || d f́ tr. sproloquiare: di fö́ sprupset = dire spropositi, di fö bestmi = bestemmiare || d gi (CA) - d gi (CH) tr. annunciare dal pulpito || d sǜ tr. 1. narrare, raccontare. 2. recitare: di s l Pter = recitare le preghiere.

3) di - 1. prep. dei, delle: i gích di sct = i giochi dei bambini, i vest di fmni = i vestiti delle donne. 2. art. pl. m. e f. (partitivo) dei, delle.

dialt - sm. dialetto.

diul (diui) - sm. diavolo | a ca del diul = lontanissimo | pr diul = povero diavolo (sia in senso cattivo che compassionevole).

diula - inter. diamine (espressione di assenso).

dicmbri - sm. sing. dicembre.

didl (didi) - sm. ditale.

didn - sm. dito mignolo (o quinto dito del piede) (dim. di dit).

didn - sm. dito pollice (o alluce) (accr. di dit).

digiǜn (digiǜna-digiǜni) (CH) - agg. (e sm.) digiuno / CA gigiǜn.

digin (mi digiǜni, digint) (CH) - intr. digiunare / CA gigin.

dilǜvi - sm. diluvio; grande acquazzone, temporale.

dma - sf. sing. dima, forma, profilo dun manufatto | t gi la dma = riprodurre il profilo di un oggetto (per farne una copia o un altro pezzo che vi si adatti) | tru la dma = trovare il modo (di uscire da una situazione difficile o da unincertezza).

dnt - avv. come nt.

direzin - sf. indirizzo postale; posizione, orientamento.

disstru (disstri) - sm. disastro | l fac disstri = il maltempo ha causato gravi danni.

discr (mi discri, discorǜt) (CA) - intr. come descr (CA).

discrs (CA) - sm. come descrs (CA).

discr (mi discri, discurǜt) (CH) - intr. come descr (CH).

discrs (CH) - sm. come descrs (CH).

disn (1: mi dsni, disnt) - 1. intr. desinare, consumare la colazione o il pasto. 2. sm. colazione, pranzo.

dsper - agg. dispari.

1) dispias (el dispis, dispiasǜt) - intr. come despias-1).

2) dispias - sm. come despias-2).

distrigs (mi me distrghi, distrigt) - rifl. come destrigs.

dt - sm. dito || dim. didn - cfr. didn || accr. didn - cfr. didn.

Du - sm. Dio | qul che Du vl l mi trp = quello che Dio vuole non mai troppo = bisogna accettare i casi della vita.

divent (mi diventi, diventt) - intr. diventare: el me fa divent mat = mi fa impazzire.

diverts (mi me divertsi, divertt) - intr. pron. divertirsi.

ddes (CA) - 1. agg. num. card. dodici. 2. sm. sing. il numero dodici. 3. sm. sing. lanno 1912: l fac la Lbia del ddes: ha partecipato alla guerra di Libia, nel 1912 / CH ddes.

dpu - avv. e prep. dopo, in seguito.

dopudumn - avv. dopodomani.

dopumesd - avv. nel pomeriggio.

ds - sm. dosso, poggio, piccola altura | de ds = di dosso || dim. dusl.

dr - avv. come dedr-1[2]

drc (drcia-drci) - agg. come driz.

drtu - sm. solo nellespressione fa l drtu = fare il furbo.

drz (drza-drzi) (CH) - agg. diritto / CA ric.

driz (mi drzi, drizt) - tr. e intr. come riz.

(1: femm. dǜ (CH) - d (CA)) - 1. agg. num. card. due. 2. sm. sing. il numero due. 3. sm. sing. lanno 1902. 4. sf. pl. le ore due (o le quattordici).

1) da (di) - sf. doga della botte.

2) da - avv. dove: mi su stac da sri = sono rimasto dovero.

ddes (CH) - agg. num. card. e sm. sing. come ddes (CA).

de - avv. come da-2).

dia (di) - sf. come da-1).

dulcamra (CA) - sf. sing. polipodio (Polypodium vulgare L.) (sin. ras dlsci)

dul (el d́l, dulǜt) - intr. dolere: el me dl el vntru = mi fa male la pancia.

dls (dlsa-dlsi) (CH) - dlsc (dlscia-dlcsi) (CA) - agg. dolce.

dumn - 1. avv. domani | dumn t di = fra otto giorni. 2. sf. mattino | sta dumn = stamattina | a la dumn = al mattino | dumn de la dumn (CA), dumn a la dumn (CA) = domani mattina.

dumga (dumghi) - sf. orzo | scna de dumga (CA) = minestra dorzo.

Il cereale era molto pi diffuso un tempo nelle nostre zone.


dumnega
(dumneghi) - sf. domenica.

dumstech (dumstega-dumsteghi) - agg. domestico, docile (riferito agli animali).

dn dn - solo nellespressione end a dun dun = penzolare: vrda che el te va a dun dun en spaln = guarda che penzola uno spallaccio.

dnca - cong. perci, pertanto, quindi.

dund (mi dndi, dundt) - intr. dondolare, barcollare, vacillare.

dunzna (dunzni) - sf. dozzina, dodici: na dunzna de f = una dozzina di uova, n rp de dunzna = una cosa dozzinale.

duper (mi dupri, dupert) - tr. adoperare, usare.

dpi (dpia-dpi) (CH) - agg. e avv. e sm. sing. doppio.

dupr (mi dpri, duprt) - tr. come duper.

dǜr (dǜra-dǜri) - agg. duro | mtela gi dǜra = enfatizzare, dare eccessiva importanza (a un fatto o a se stessi).

durm (mi drmi, durmt) - intr. dormire.

durmda (durmdi) - sf. dormita, sonno ristoratore.

drn - sm. 1. durone, callo sotto la pianta del piede. 2. qualit di ciliegia.

dsnt - agg. num. card. (e sm. sing.) duecento.

dutrna - sf. sing. catechismo.

dut - sm. dottore, medico.

duv (-, duvǜt) - intr. dovere (raro).

duzna (duzni) - sf. come dunzna.



[1] Alcune voci verbali composte, per esempio d f́ e d gi nel significato intransitivo, sembrerebbero derivare da end (= andare) a seguito della caduta di en- iniziale, piuttosto che da d (= dare). Tuttavia si scelto di riportarle nel lemma d in quanto si coniugano e si presentano come questo verbo.

[2] Nella costruzione dei verbi composti si usa solamente dr (o r a Castionetto) e non dedr. Esempi: bai dr, s dr,