2.2.5. Preposizioni

 

Preposizioni semplici nel dialetto di Chiuro e Castionetto sono: de, a, en, cun, s, par (o per), tra (o fra o enfr o entr). Rispetto allitaliano quindi la preposizione de accorpa di e da (mi su de Ciǜr; mi vgni de Ciǜr), anche se raramente si sente anche la preposizione da in dialetto (da Sndri a Ciǜr gh ds chilmetri). Ci sono poi le preposizioni improprie come cntra, sra, dpu e, usate pi che in italiano, le locuzioni preposizionali, come dedr a (dedr a n mr), s en de (s n dena pinta) e molte altre.

Le preposizioni articolate si possono scrivere in ununica parola o dividendo preposizione e articolo; non essendoci tradizione scritta si propone: 1) al, a l, a la, ai (al pa, a lum, a la mma, ai sct, ai scti); 2) del, de l, de la, di; 3) cul, cun l, cun la, cui. Con la preposizione en si ricorre a locuzioni distinte a Chiuro e a Castionetto: en del, en de l, en de la, en di a Chiuro; en ghel, en ghe l, en ghe la, en ghi a Castionetto. Anche per la preposizione s si ricorre quasi sempre alla locuzione s en del, s en de l, s en de la, s en di (a Castionetto s en ghel, s en ghe l, s en ghe la, s en ghi), dove s diventa avverbio, essendo poco usato sl, se non in locuzioni come sl stmech (sullo stomaco), sl qudru (circa quadrato), etc..

Le preposizioni, soprattutto de, a e en concorrono a formare molte locuzioni avverbiali (de sbis, de travrs, a sgrf, en prsa).

 

Nel vocabolario la funzione di preposizione, semplice o articolata, indicata con la sigla prep. La preposizione da, considerata italianismo recente, non stata inserita.